Advertisements
PAIN IS TEMPORARY PRIDE IS FOREVER. Rosebud, Dublin (EIRE) – Year 9. Breaking News

MASSIMO PITTAU – IL DOMINIO SUI MARI DEI POPOLI TIRRENI (SARDI NURAGICI, PELASGI ED ETRUSCHI).

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti (Jacques Séguéla)

Il giornalista è stimolato dalla scadenza. Scrive peggio se ha tempo. (Karl Kraus)

animazione 3Duna presentazione di Massimo Pittau (estratto). ..... Da più di trenta autori antichi, greci e latini, vengono chiamati Pelasgi/Pelasgói “naviganti e pirati” che risultavano segnalati in quasi tutta la Penisola italiana e poi in quella greca e infine in molte località del Mar Egeo.

Nel mondo antico correva una etimologia di questo vocabolo: Pelasgós = pelargós «cicogna» (uccello migratore); ma in realtà questa non era altro che una paretimologia o “etimologia popolare” (cioè errata), conseguente al fatto che i Pelasgi si spostavano spesso dal Mar Tirreno a quelli Ionio, Adriatico ed Egeo. E come dimostra soprattutto il fatto che i Pelasgi o Pelasgói sono citati dagli autori antichi, greci e latini, quasi sempre e soltanto in questo esatto modo.

A mio avviso, invece, Pelasgus/Pelasgós significava anch’esso «costruttore e abitante delle torri, torrigiano, turritano», derivando dalla glossa latino-etrusca fala «torre di legno, torre d’assedio» (DELL). E c’è da precisare che dell’appellativo fala i Glossari latini riportano pure la variante phala e inoltre che le alternanze delle vocali A/E e delle consonanti F/PH/P sono ampiamente accertate nella lingua etrusca (DICLE 13; LIOE, LLE Norme).

A mio giudizio dunque ha un elevato grado di probabilità e di verosimiglianza il fatto che anche l’etnico lat. Pelasgus e greco Pelasgós corrispondesse esattamente all’altro etnico Tyrsenós, Tyrrhenós = «costruttore e abitante delle torri», ma avendo come base la glossa latino-etrusca fala, phala «torre» invece dell’altra greco-etrusca tyrsis, tyrrhis «torre». Anzi, prendendo in esame la forma dell’etnico Tuscus «Etrusco, Toscano» (che deriva da Tur-sc-us), si vede chiaramente che Tuscus e Pelasgus sono due perfetti sinonimi, dato che hanno la stessa identica struttura: Turr-scus, Pela-sgus.

E come i veri e propri ed originari Tyrsenói, Tyrrhenói erano i Sardi Nuragici, costruttori delle «torri nuragiche», così pure i Pelasgi in origine indicavano anch’essi i «Sardi Nuragici».

Nella lingua etrusca il nostro appellativo potrebbe aver avuto la forma di *PELASXA e di fatto forse potrebbe corrispondere all’antroponimo femm. FELSCIA, da interpretarsi come FEL(A)SC-IA (CIE, Per. 4513), con accertate e ben conosciute alternanze fonetiche etrusco/latine P/F, X/G, A/E (DICLE 13; LIOE, LLE Norme).

Preciso e sottolineo che a favore di questa mia etimologia di Pelasgus/Pelasgós interviene una notevole prova di carattere metodologico: questa etimologia in effetti ha il grande pregio di costituire la principale “chiave di lettura e di soluzione” della intricatissima questione degli antichi Pelasgi, la quale diversamente continuerebbe a rimanere senza alcuna soluzione.

Proprio su questo argomento è da citare una ampia e importante opera dello studioso francese Domenique Briquel, Les Pélasges en Italie – Recerches sur l’histoire de la légende\1\. Si tratta di un’opera che da un lato è degna di grande lode, dall’altro è da respingersi con decisione per le analisi e le conclusioni che l’Autore ha ritenuto di doverne trarre. È degna di lode per il fatto che l’Autore vi presenta e discute minutamente tutte le numerosissime citazioni antiche dei Pelasgi, invece è da respingersi per questi che a me sembrano i suoi difetti fondamentali: I) Il Briquel, dalla prima all’ultima pagina, anzi dallo stesso titolo della sua opera definisce quella dei Pelasgi una “légende”. Ed io obietto: come è possibile che quella dei Pelasgi citati da più di trenta autori antichi sia solamente una «leggenda»? II) Il Briquel dedica numerosissime e minutissime analisi e interpretazioni ai testi studiati, finendo però col restarvi come impaniato o irretito nelle stesse e col non prospettare nessuna soluzione del problema. Ne deriva pertanto l’impressione che egli abbia agito come la famosa volpe rispetto all’uva del pergolato: ha definito il problema dei Pelasgi una “leggenda”, per il motivo che non è riuscito a prospettarne la benché minima soluzione.

In effetti il Briquel ha ignorato del tutto quella che poteva essere ed era la vera ed esatta “chiave di lettura” di tutta la questione: che il vocabolo Pelasgus/Pelasgós era un etnico, che indicava un popolo specifico, caratterizzato da una particolarità specifica: la “costruzione di torri”. E dato che la presenza dei Pelasgi nella Penisola italiana era segnalata soprattutto in località rivierasche del Mar Tirreno, Pisa, Regisvilla, Tarquinia, Falerii, Pyrgi, Caere, Alsium, Roma, Ercolano, Pompei, era facile dedurne che i “naviganti e pirati” che devastavano quelle località partivano dalla Sardegna e dalla Corsica meridionale, con la sua appendice della “civiltà torreana”, cioè ancora delle “torri nuragiche”.

Abbiamo infatti una importante notizia di Strabone, nel passo già citato (V, 2, 7 [225]), che dice che i Tirreni della Sardegna effettuavano azioni di pirateria nelle coste dell’Etruria, soprattutto in quelle di Pisa. Questa notizia di Strabone di certo è molto più recente di quella relativa ai Pelasgi segnalati a Pisa, ma è probabile che in realtà non si riferisse ai tempi del geografo greco (vissuto nel 63 a. C.-19 d. C.), ma si riferisse al passato, di cui pertanto costituirebbe il lontano ricordo.

A questo proposito si deve considerare che per tutta l’antichità, fino alla seconda metà dell’Ottocento, quando fu inventata, costruita e adoperata in larga misura la ferrovia, “viaggiare” significava e consisteva nel “navigare”, come dimostra anche il fatto che il verbo italiano e romanzo arrivare in origine significava “attraccare”, derivando dalla espressione marinara ad ripam venire «arrivare alla riva». Pertanto, anche in virtù della presenza delle isole dell’Arcipelago Toscano, era immensamente più comodo, più sicuro e più veloce andare dalla Sardegna in Toscana, nel Lazio e in Campania che non andare per via terrestre dalla costa tirrenica a quella adriatica della Penisola italiana.

D’altra parte è un fatto che la presenza dei Pelasgi nelle coste occidentali dell’Italia centrale non è indicata dagli antichi autori soltanto a titolo di “incursioni piratesche”, ma è indicata pure a titolo di “stanziamenti” più o meno stabili. Lo scrittore greco Philisto (in Dionigi di Alicarnasso I, 22, 4 = FGH 556 F 46) dà la notizia che i Pelasgi, assieme con gli Umbri, costrinsero i Siculi ad abbandonare il Lazio ed emigrare in Sicilia.

Addirittura i Pelasgi sono citati da Plutarco (Rom., 1, 2) come quelli che diedero il nome alla città di Roma; notizia che viene confermata in maniera clamorosa da quella di Dionigi di Alicarnasso (I, 29, 2), secondo cui «molti degli scrittori sostennero che la stessa Roma era un città Tirrena» (cioè Etrusca).

Pelasgi e Tirreni

A questo punto è importante precisare che la presenza dei Pelasgi risulta segnalata dagli autori antichi non solamente nelle aree del Tirreno e dell’Adriatico, ma risulta segnalata anche in quasi tutte le località del Mare Egeo. Anche in quest’area i Pelasgi risultano segnalati assieme coi Tirreni/Tirseni ed inoltre quasi sempre identificati fra loro. Qualche rara volta Pelasgi e Tirreni/Tirseni sono citati come distinti o differenti e addirittura come avversari.

Ma questo fatto non deve stupire più di tanto, quando si consideri che in effetti il nome di Tirreni/Tirseni e quello di Pelasgi erano riferiti non ad un popolo strettamente unitario, bensì a suoi differenti rami un po’ sparsi in tutte le coste settentrionali del Mediterraneo, cioè nei Mari Tirreno, Adriatico, Ionio ed Egeo. ***

\1\ École Française de Rome 1984, pgg. LI – 657.

*** Estratto dall’opera di Massimo Pittau, Il dominio sui mari dei Popoli Tirreni – Sardi Nuragici Pelasgi Etruschi, che di recente è stata pubblicata in edizione digitale dall’editrice Ipazia Books (www.ipaziabooks.com)

_____________________

Il dominio sui mari dei popoli tirreni by Massimo Pittau is on Amazon!

buy this book

pubblicato

This book is available for the following devices:

Kindle Fire
Kindle HD
Kindle HD 8.9
Kindle Paperwhite
Kindle
Ipad
Iphone

_____________________

Dettagli prodotto:

  • Formato: Formato Kindle
  • Dimensioni file: 902 KB
  • Lunghezza stampa: 248
  • Editore: Ipazia Books; 1 edizione (25 dicembre 2013)
  • Venduto da: Amazon Media EU S.à r.l.
  • Lingua: Italiano
  • ASIN: B00F1UQNIC

_____________________

il dominio sui mari front_FRONT
IL DOMINIO SUI MARI DEI POPOLI TIRRENI by Massimo Pittau (Ipazia Books, 2013) 
is available on Amazon!

www.ipaziabooks.com

Massimo Pittau (Nuoro, 6 febbraio 1921) è un linguista e glottologo italiano, studioso della lingua etrusca, della lingua sarda e protosarda. Ha pubblicato numerosi studi sulla civiltà nuragica e sulla Sardegna storica. Le sue posizioni riguardo al dialetto nuorese (massima conservatività nell’ambito romanzo) sono vicine a quelle del linguista Max Leopold Wagner con cui è stato in rapporto epistolare. Nel 1971 è entrato a far parte della Società Italiana di Glottologia e circa 10 anni dopo nel Sodalizio Glottologico Milanese. Per le sue opere ha ottenuto numerosi premi.

_____________________

Featured image, cover.

Advertisements

12 Comments on MASSIMO PITTAU – IL DOMINIO SUI MARI DEI POPOLI TIRRENI (SARDI NURAGICI, PELASGI ED ETRUSCHI).

  1. alberto // 2 January 2014 at 10:28 //

    vorrei chiedere se uscirà anche un’edizione cartacea. Grazie

  2. Caro Alberto non mi è chiaro perché lei vorrebbe abbattere qualche albero per avere un testo che Le costerebbe ancora di più e che se non ben tenuto correrebbe finanche il rischio di essere roso dai roditori? Le consiglio, soprattutto se lei è uno studioso che ha bisogno di avere la sua libreria sempre con sé, possibilmente in tasca, di risparmiare molti soldi in futuro acquistando un kindle, scaricando tutti i testi che vuole (dove e quando vuole) prima di pagarli e quindi di pagare solo ciò che le serve.

    Spero quindi che acquisterà sia questo testo del professore ma anche gli altri che usciranno.
    Cordiali saluti

  3. alberto // 2 January 2014 at 16:48 //

    Mi ero abituato male, l’avere qui in pubblico dominio una riedizione di un vocabolario del Pittau, mi aveva fatto pensare alla gratuità sparsa a piene mani. Peraltro son dell’idea che i testi leggeri possano esser letti amenamente con Kindle o altri ebook reader, avrei dei dubbi per un testo impegnativo, o almeno, finirebbero per rendermi leggeri i contenuti del testo, mi toglierebbero il piacere dello sfogliare, dell’odorare le pagine, mi sottrarrebbero il piacere di gettarlo in un angolo, per poi cercarlo delle ore senza trovarlo.Per questo richiedevo l’esistenza eventuale del cartaceo. Comunque vedo, per curiosità, di acquistarlo.
    saluti

  4. No Alberto è piuttosto il contrario sono gli studiosi che hanno bisogno di avere sempre tutto il materiale con loro per visionarlo, anche onsite. Lei sa meglio di me che esistono inoltre interi siti dedicati a quelli che in inglese si chiamano “papers” ovvero studi specialistici, sovente universitari, che ormai si scaricano solamente pagando il dovuto all’autore. Proprio perché riguardano settori specialistici non interessanti per il general populace. I giornalini invece potrebbero pure andare su cartaceo, fermo restando che il taglio di alberi innocenti dovrebbe essere pratica abolita nel breve per tutti, anche perché i risultati digitali sono in genere migliori (prima di stampare insomma bisognerebbe pensarci due volte). Ma tenga presente che io parlo da una nazione dove la lettura digitale è la norma e ha quasi già sostituito (fortunatamente) il cartaceo. Mi rendo conto però che lo status quo italiano è differente. Si arriverà però anche in Italia, dia tempo. All the best

    • Aggiungo solo un esempio pratico per farle capire di cosa sto parlando. I lavori del professore, per esempio sugli etruschi, interessano naturalmente anche a studiosi della stessa materia in America o in Australia. Ebbene, adesso, questi suoi colleghi sono in grado di scaricarsi il suo lavoro sul loro kindle esattamente come è in grado di farlo un vicino di casa. Non è meraviglioso? Niente spese di spedizione, niente telefonata a questa o quella libreria, a questo o quel middle man e la possibilità di leggere un sostanziale estratto prima di acquistare.

      Io penso che siano cose come queste che portano avanti la scienza e facciano conoscere un autore in tutto il mondo. E al mondo, oggidì, bisogna parlare, non solo al cortile di casa. Regards

      PS In ogni caso l’editoria digitale farà presto, prestissimo passi da gigante…. siamo solo agli inizi.

  5. alberto // 2 January 2014 at 17:31 //

    L’ho acquistato e mi ci devo ambientare, col mio Kindle per fisso. Una cosa che vedo, e che se la Redazione avesse ragione, un po’ la contraddirebbe, è che manca un elemento tipico della organizzazione scientifica: il riferimento bibliografico attraverso la pagina! Se il lettore americano o io stesso, dovrà citare, posso capire citare un sito, ormai pratica inveterata, ma citare il tale autore che appare su Kindle, imporrebbe che il mio lettore scrupoloso debba possedere anche lui un lettore (e solo questo) per poter cercare in funzione ricerca quanto sostenuto. Ecco l’esempio: Pittau dice nel testo: ” i “canali” dell’istmo saranno stati più d’uno” (che tral’altro non posso nemmeno copiare dal mio Kindle per fisso), come lo devo citare, per “posizione”?

  6. Non capisco cosa significa col mio kindle per fisso….
    Mandi una email a questo indirizzo ipazia_books@yahoo.com
    spieghi esattamente quale kindle ha acquistato (tipologia) e quale è il problema e Le verrà risposto se é un problema tecnico.
    Tenga però presente che i Kindle funzionano in una data maniera e bisogna conoscere come.
    Questo spetta a lei farlo e lo potrà fare quando sarà familiar con questo tipo di lettura ma non capisco che cosa c’entra col testo del prof. Saluti

  7. alberto // 2 January 2014 at 18:23 //

    Amazon permette anche a chi non ha il kindle la lettura con KindleForPC-installer.exe E da questo mi sto leggendo il testo del Pittau. E qui non trovo le canoniche pagine ma “posizioni”, che vanno fino a 3595, nel caso del suo testo.Tutto qua.

  8. Gentile Alberto i libri digitali di Ipazia Books sono solo per scarico sui devises indicati sul sito http://www.ipaziabooks.com non per apps (che pure esistono e per i quali il testo funziona perfettamente), letture su computer e quant’altro. Le assicuro che le posizioni ci sono tutte e il feedback avuto fino ad ora da chi ha acquistato sono molto incoraggianti. Pensi che fra poco usciranno altri testi molto interessanti del prof, primo fra tutti il testo sui cognomi sardi. Cordiali saluti.

  9. alberto // 3 January 2014 at 09:59 //

    Quindi se uno dovrà citare un determinato autore da ora in avanti dovrà specificare così, immagino:

    M.Pittau, IL DOMINIO SUI MARI DEI POPOLI TIRRENI (SARDI NURAGICI, PELASGI ED ETRUSCHI), ed. IpaziaBooks, Dublino 2013, pos. 886 (Kindle)

    E’ corretto?

  10. No caro Alberto con i libri digitali deve essere piu’ specifico perche’ hanno anche il pregio di poter essere aggiornati in tempi piu’ brevi. Per questa particolare edizione che e’ la prima lei dovrebbe anche considerare di inserire diversi tra questi dettagli, almeno i dati sull’edizione e l’ASIN (una sorta di vecchio ISBN). Cordiali saluti,

    Formato: Formato Kindle
    Dimensioni file: 902 KB
    Lunghezza stampa: 248
    Editore: Ipazia Books; 1 edizione (25 dicembre 2013)
    Venduto da: Amazon Media EU S.à r.l.
    Lingua: Italiano
    ASIN: B00F1UQNIC

  11. alberto // 9 January 2014 at 16:18 //

    Scusate se ritorno un attimo sull’argomento, e sempre con il mio tono moderatamente scettico. Dunque avendolo acquistato a dicembre dovrò mi dite aggiungere “I edizione”. In questo caso la segnalazione può apparire superflua, ma mettiamo che lo aveste pubblicato all’inizio del 2014, allora diventava forse essenziale, visto che sono possibili nuove edizioni. IN soldoni intendo questo: uno scrive un libro che rimane sempre virtuale, può dire due o tre corbellerie, che vengono criticate in un articolo (cartaceo o mediatico non conta), mettiamo a marzo, l’autore ritorna sul testo ad aprile, le emenda e non risulta più traccia di quel che ha detto: che figura ci fa il critico se sono sparite le tracce delle corbellerie? Altra domanda:l’acquistatore della prima versione deve acquistare anche le successive o vengono scaricate automaticamente e indebbadas?

    grazie

Comments are closed.