LA BARBA DI DIOGENE, Dublin (EIRE) – 17 Years Online. Leggi l'ultimo pezzo pubblicato...

Gli strani rapporti tra politica e Rete

di Michele Marsonet.

Non è detto che, per riflettere sui rapporti sempre più stretti tra web e politica, occorra essere specialisti del tema (oppure – il che accade spesso – fingere di esserlo). Il vecchio buon senso aiuta sempre, anche in questo caso, e ragionamenti terra terra possono risultare utili al pari di volumi e articoli che il mondo accademico continua a sfornare con ritmo incessante.
In Italia la capacità della Rete di influenzare in modo diretto la politica è venuta in piena luce con il fenomeno M5S. Non che prima fosse ignorata, sarebbe ingenuo affermarlo. Ora, tuttavia, siamo assai più coscienti del fatto che un movimento nato sul piano virtuale è in grado di trasformarsi in realtà tangibile in tempi relativamente brevi, e di conquistare addirittura un consenso capace di condizionare i partiti tradizionali.
Si dirà che tale situazione è dovuta agli errori della cosiddetta “casta”, incapace di rinnovarsi e di capire ciò che bolliva in pentola. A me pare che una simile risposta sia troppo semplicistica, soprattutto se si considera che fenomeni analoghi stanno ormai prendendo piede ovunque nel mondo. Il che spiega, tra l’altro, perché in Cina e in altri Paesi dominati da un partito unico il controllo della Rete sia considerato una vera e propria priorità.
Il Corriere della Sera ha riportato alcune frasi dell’ex segretario di stato americano Henry Kissinger, secondo il quale “i De Gaulle e i Churchill difficilmente sarebbero emersi nel mondo di Facebook: la leadership personale è un fattore umano dell’individuo, non può essere sostituita da un’articolazione sociale, da una comunità”. Aggiungendo inoltre che “il cittadino potenziato dalla Rete sa come portare la gente in piazza, ma non sa cosa fare quando la piazza è piena. E chi riesce ad abbozzare una strategia, la vede subito contestata: le idee, anche quelle buone, perdono efficacia molto rapidamente”.
Come dargli torto? Difficile esercitare la leadership quando nei social network si coagulano gruppi di persone che, pur minoritari, pretendono di imporre la loro volontà a forza di “like” sostituendo alla realtà concreta quella virtuale. Qui non contano le opinioni sulla bontà delle candidature, circa la quale ognuno è libero di dire la sua. Conta piuttosto il numero davvero esiguo di “voti” ricevuti.

Ma, come dicevo prima, è utile sottolineare che questo tipo di mentalità si sta diffondendo un po’ ovunque. Da citare il caso di Singapore, piccolo ed efficientissimo Stato asiatico, retto da una tecnocrazia che non esita a porre limiti alle libertà democratiche per salvaguardare una stabilità concepita quale bene supremo. Ebbene, anche in quel contesto – così diverso dal nostro – il premier Lee Hsien Loong è giunto a dire che “Internet può funzionare da valvola del vapore di una società, ma può servire anche per provocare incendi: sul web è molto più facile essere contro che a favore di qualcosa”.
E proprio questo è il nodo cruciale. La capacità di leadership non s’impara sui banchi di scuola, è una dote innata. Tuttavia, per esplicitarsi, ha bisogno di esperienza e di tempi piuttosto lunghi per la sua sedimentazione. Proprio il contrario di quanto avviene oggi, nell’era della Rete. Un leader potenziale viene spesso bruciato dalla velocità delle reazioni virtuali, e ai governi non si lascia il lasso di tempo necessario per dare stabilità alla loro azione politica.
Molti hanno notato che, sulla scia di quanto aveva già previsto in modo visionario Marshall McLuhan parecchi decenni orsono, tale tendenza ha qualcosa di ineluttabile. Nel loro libro “The New Digital Age”, Eric Schmidt e Jared Cohen, entrambi top manager di Google, hanno scritto che “Internet è il più grande esperimento anarchico della storia”. E una buona dose di anarchia è nettamente percepibile negli ultimi avvenimenti politici, italiani e non.
Della stabilità necessaria per governare si sta progressivamente perdendo traccia e, in sua assenza, resta un vocio incessante che a tratti assume le vesti di un urlo collettivo. Ma fino a un certo punto, poiché dal suddetto vocio restano esclusi tutti coloro – penso la maggioranza dei cittadini – che in modo più o meno consapevole rifiutano di identificare la Rete con il mondo reale.

%d bloggers like this: