Advertisements
PAIN IS TEMPORARY PRIDE IS FOREVER. Rosebud, Dublin (EIRE) – Year 9. Breaking News

LAMBRO fiume della Campania e della Lombardia

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti (Jacques Séguéla)

Il giornalista è stimolato dalla scadenza. Scrive peggio se ha tempo. (Karl Kraus)

image.jpg

Foto inviata da Massimo Pittau

di Massimo Pittau.

Il Lambro è un fiume della zona di Salerno, che nasce dal Gelbison e sfocia nel mar Tirreno nei pressi di Palinuro, non lontano dal capo omonimo.

Il nome italiano del fiume deriva dal latino Lambrus, che a sua volta deriva dal greco λαμπρως (lampròs) ‘lucente’, come la sua acqua (P. Boselli, Toponimi lombardi, Milano, 1977). 

Di certo il nome greco del fiume è stato importato in Campania dalla colonia greca di Posidonia e molto probabilmente è stato esportato in Lombardia dagli Etruschi di Capua.

È detto anche Rubicante, con un aggettivo più recente e antiquato che significa anch’esso «lucente, rilucente».

In Lombardia è chiamato Lamber o Lambar [lamˈbe:r o lamˈbɑ:r], che è il nome del fiume nel Parco di Monza.

Che anticamente il Lambro fosse ‘lucente’ o ‘limpido’, lo conferma il detto milanese ciar com’el Làmber, «limpido o chiaro come il Lambro».

Di certo da Lambro deriva il nome della vicina località della Brianza Lambrugo, in dialetto Lambrϋg.

Advertisements