Advertisements
PAIN IS TEMPORARY PRIDE IS FOREVER. Rosebud, Dublin (EIRE) – Year 8. Breaking News

Filosofia dell’anima – Caro Papa Francesco, legga Rosebud, noi non pensiamo che lei sia eretico, lei è un grande!!

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti (Jacques Séguéla)

papafrancescoDa quando ho smesso di guardare la televisione italiana e i TG Rai non sento più parlare di Papa Francesco. In dato modo mi dispiace, non per i messaggi condivisibili che manda il Papa, ma per i grandi insegnamenti dell’uomo. Poi oggi ho visto un occhiello, forse sul Corriere.it  che attribuiva al Papa la seguente dichiarazione: “I blog che mi chiamano eretico? Non li leggo!”.

Porca l’oca!, mi son detta, in una abbiamo imparato tante cose: a) che Francesco è il solito grande, avanti nel futuro che legge i blog e non i nostri ridicoli giornaloni omologati; b) che Francesco ha una sua dimensione digitale personale importante; c) che ci sono ancora dei cog… pardon, dei commentatori debosciati che gli danno dell’eretico: immagina quanto ci si perde a non guardare più la Rai?! Che per la verità questa volta non scherzo, perché, come ho scritto più volte, Francesco è uno di quei rari personaggi elevati agli onori delle cronache (non solo degli altari) dalla Chiesa Cattolica che io rispetto veramente, incondizionatamente, quasi come fosse un mio personale maestro di vita.

Certo, l’intento dichiarato di questo post, ovvero portare anche il Papa a leggere Rosebud, non è di facile realizzazione. Come potrà, il Pontefice, avvicinarsi al sito se, in ogni sua pagina, è scritto a chiare lettere che se “sei una persona particolarmente religiosa non dovresti stare in questo luogo virtuale?”. Vero è però che Francesco non è un vaticanista qualsiasi, un esegeta delle sue stesse encicliche qualsiasi, un teologo de noartri, un filosofo pseudo-intellettualeggiante italico, ma è invece un uomo molto molto intelligente, oltre che un Papa amatissimo. Ed è a questa sicura intelligenza che faccio segreto appello: per esempio, voglio provare ad insinuare, chissà che quel divieto non sia lì proprio per proteggere la “sensibilità” spirituale di chi non la pensa come me? Come noi? Che non sia lì per evitare sciocche pseudo-querelle sul tema, a priori? Tutto può essere, perché no?

Naturalmente, il mio invito a Papa Francesco non significa neppure che io mi stia ammorbidendo sulla datata causa anti-religiosa, contra religione (tecnicamente superstizione), o sia prossima alla conversione, vade retro, subito! Significa però che come persona dotata di un minimo senso raziocinante – proprio quello che manca agli idioti che danno dell’eretico a Francesco –non potrei che essere onorata di averlo tra i lettori di Rosebud. Ne sarei onorata non perché è il Papa, non perché è il successore di Pietro, ma perché è un chiaro spirito gigante che in questi anni difficilissimi per l’Italia, per il mondo, ha saputo anche proporsi come un modello di leadership riformatrice e moderna, un modello saldo, saggio, da ammirare incondizionamente. Tra le altre cose, gli sciocchi già citati non si rendono conto che solo cambiando la Chiesa di Roma nella direzione voluta da Francesco, quella potrà salvarsi nel futuro intellettualmente migliore che, lo speriamo tutti, verrà.

Perché se è vero che il mio spirito non potrebbe mai accettare una visione dell’essenza universale così minimale come è quella proposta dalle religioni umane, è pur vero che l’anima di miliardi di persone trae giovamento e ristoro da quegli insegnamenti. E allora, allora… se proprio non ne possiamo fare a meno, causa la nostra incapacità di crescere spiritualmene a tutto tondo, nella maniera mirabile che osavano gli antichi filosofi greci, e Diogene di Sinope primo fra tutti loro, almeno che i maestri della religione siano credibili, rispettabili, venerabili proprio come lo è l’uomo Francesco. Eretico?! Ma perché non vanno a… vabbé, mi taccio, metti caso che Francesco passasse di qui dopo la pubblicazione di questo post non vorrei farmi riconoscere… non subito almeno, diamo tempo!

Rina Brundu

Advertisements

Regala i noltri libri a Natale. Acquistali qui, risparmia!