Advertisements
Rosebud, Dublin, Ireland – Year 7º. Breaking News

L’etrusco MARIS e i latini mas, maris; maritus

AFORISMI MEMORABILI – QUOTES TO REMEMBER

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti.
(Jacques Séguéla)

I NOSTRI AFORISMI – OUR QUOTES

“M”? Aldo Grasso ha scritto che il titolo del programma sperimentale“M” del Michele Santoro schiacciato verso Rignano, sia stato ispirato dal Fritz Lang del mostro di Dusseldorf. Curioso! Io di primo acchitto ho pensato alla Teoria M di Ed Witten che non ha mai chiarito in pieno il significato della consonante, ma poi ho cambiato idea: un renzista che si occupa di mondo subatomico senza tornaconto? No, “schiacciato” per “schiacciata”, è molto più probabile che la “M” stia per la terza inevitabile opzione! (Rina Brundu)

Massimo Pittau

autumn-1072827_960_720di Massimo Pittau. Già nell'Ottocento il linguisa tedesco Wilhelm Deecke aveva prospettato l'ipotesi che il nome del semidio etrusco MARIS, MARIŚ (genitivo MARISL, MARIŚL) «(di) Maris» (ThLE²), potesse corrispondere a quello greco Érhōs «Amore, Cupido».

Ed infatti anch’esso compare come un “bambino” o “adolescente” in alcuni specchi etruschi. La qual cosa che viene confermata da due aggettivi da cui è seguito (ET, Cl S.8; Vs S.14) MARIŚ HUSRNANA «Maris bambino» (da confrontare con HUSIUR, HUŚUR «bambini, ragazzi»); MARIŚ HALNA «Maris poppante ?» (da confrontare col lat. alumnus ?); (ET, Vs S.14; su specchio) MARIS ISMINΘIANŚ «Maris Sminteo» (= “uccisore di topi”) (anticamente la presenza di topi nei granai era una iattura e il loro rodio era considerato di “cattivo augurio”). (ET, OI S.63; su specchio in figura di bambino) MARIS TINSTA «Maris quello (figlio) di Tinia».

La forma del genitivo MARISL, MARIŚL (con le abbreviazioni MAR, MARI) «(casella) di Maris» compare nel Fegato di Piacenza (ET, Pa 4.2/3) e pure nel “cuore” plumbeo di Magliano (ET, AV 4.1) MARIŚL MENITLA probabilmente «di Maris il Donatore»). Inoltre (ET, Cl 4.2 – rec; su vaso bronzeo) MARIŚL SIANŚL «del Padre Maris», da confrontare col lat. Marspiter probabilmente Maris pater «Maris, Érhōs padre» e non Mars pater «Marte padre», come invece interpretavano gli antichi (Varrone, Lat. 8.49; Gellio 5.12.5). In qualche specchio la figura di MARIS si ripete, proprio come quella dei greci Érhōtes «Amorini».

Tutto ciò premesso, a mio avviso MARIS è da confrontare coi lat. mas, maris «maschio» e maritus «marito», finora entrambi di origine ignota (DELL, DELI) e quindi – come capita spesso – probabilmente etrusca. E con ciò abbiamo finalmente trovato l’etimologia dei lat. mas, maris; maritus, cioè dall’etr. MAR. La qual cosa è confermata dalle tre seguenti iscrizioni etrusche: (ET, Cl 1.338 – rec; su coperchio di ossario) VL VILIA VL MAR PUR/Θ «Velia Vilia (figlia) di Vel, il marito vate (pose)»; (ET, Cl 1. 1235 – rec; su coperchio di ossario) LΘ ANIU ARNΘAL MAR «Lart Anione marito di Arruntia»; (ThLE² 256) V MAR LEΘAL «V(el) marito di Letia».

E adesso è legittimo invertire la direzione della ricerca etimologica, affermando che dunque con grande probabilità MARIS in origine significava «maschio».

Bibliografia e sigle

DELI Cortelazzo M. – Zolli P., Dizionario Etimologico della Lingua Italiana, I-V, Bologna 1979-1988; DELI² II ediz. a cura di M. Cortelazzo e M. A. Cortelazzo, col soprattitolo Il nuovo etimologico, 1999.

DELL Ernout A. – Meillet A., Dictionnaire Étymologique de la Langue Latine, IV édit., IV tirage, Paris 1985.

ET Rix H., Etruskische Texte, Editio Minor, I Einleitung, Konkordanz, Indices; II Texte, Tübingen 1991.

ThLE² Thesaurus Linguae Etruscae, I Indice lessicale, Roma 1978; I Supplemento, 1984; Ordinamento inverso dei lemmi, 1985; II Supplemento, 1991; III Supplemento, 1998. Seconda edizione, Pisa-Roma 2009.

Cristofani M., Gli Etruschi – una nuova immagine, Firenze 1984, VI ristampa 2006, pag. 165 (Erika Simon).

Cristofani M., Dizionario della Civiltà Etrusca, a cura di M. C., Firenze 1985, pag. 166 (Ingrid Krauskopf).

Pfiffig A. J., Religio Etrusca, Graz 1975.

Advertisements

Lo disse… Nietzsche

Bisogna avere in sé il caos per partorire una stella che danzi. -- (---) -- Il mio tempo non è ancora venuto; alcuni nascono postumi.

Lo disse… OSHO

Non voglio seguaci, persone ubbidienti. Voglio amici intelligenti, compagni di viaggio.

Lo disse… NEWTON

Platone è il mio amico, Aristotele è il mio amico, ma il mio migliore amico è la verità.

Lo disse… Diogene il Cinico

(ad Alessandro che gli chiedeva cosa potesse fare per lui) “Sì, stai un po’ fuori dal mio sole”

Lo disse… Joseph Pulitzer

Presentalo brevemente così che possano leggerlo, chiaramente così che possano apprezzarlo, in maniera pittoresca che lo ricordino e soprattutto accuratamente, così che possano essere guidati dalla sua luce.

info@ipaziabooks.com

Leave a Reply.... Lascia un commento...

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: