PAIN IS TEMPORARY PRIDE IS FOREVER. Rosebud, Dublin (EIRE) – Year 10

A unu zòvanu sardu disiberrau pustis de milli annos – Una risposta “in limba” di Massimo Pittau sul problema dell’autonomia speciale.

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti (Jacques Séguéla)

Il giornalista è stimolato dalla scadenza. Scrive peggio se ha tempo. (Karl Kraus)

Pastore02Premessa: quello che segue è un intervento di Massimo Pittau da inquadrarsi nella discussione prodotta dalla pubblicazione del pezzo AUTONOMIA SPECIALE E LINGUA SARDA e successivo addendum; per motivi di carattere editoriale, ma anche per presevarne la sua unicità, ho deciso di inserirlo come articolo separato. La discussione che l’ha preceduto la trovate cliccando qui....

di Massimo Pittau. A parrer meu, Martine Fadda est naschiu milli annos a como, cando in Sardinna tottus faveddabant sa limba sarda e soletantu custa; ma issu s’est fattu iberrare e s’est ischidau solu de rechente: e non s’est abbizau chi dae tando sas cosas sunt cambiadas paritzu. A dies de oje in Sardinna tottus faveddant sa limba italiana e solu pacos faveddant de continu su sardu. E custu – ja l’ischimus tottus – est dipesu da su fattu chi in sas iscolas, in sos uffissios, in sos tribunales, in sos zornales, in sas radios, in sas televisiones chi operant in Sardinna si faveddat soletantu s’italianu, chi de su restu est impostu da sas lezes de s’Istatu. E tando, non biende sa situassione propria de su faveddare de sos Sardos de oje, Martine Fadda s’est ghettau contra a mime nande chi appo irballau de su tottu a iscrivere sos articulos e sos libros meos supra sa limba sarda solu in limba italiana. Pro essere de accordu chin sa terra ei sa Nassione mea, dego deppìo àere iscrittu in sardu e soletantu in sardu.

Ma amicu meu, tue lu deppias ischire chi chie iscrivet at interessu e peri dirittu de esser lettu da su numeru prus mannu de lettores: e tando, iscrivende dego sa “Grammatica” mea de su faveddu de Nùgoro in nugheresu e tottu, cantos diant esser istaos sos lettores meos? Pesso non prus de chimbanta. Imbetzes iscrivende in italianu sos lettores meos ant a esser istaos a su nessi chimbichentos. Iscrivende in limba sarda s’opera mea rechente “Nuovo Vocabolario della Lingua Sarda – fraseologico ed etimologico “ (2 voll., Domus de Janas edit. 2014) , sos lettores meos ant a esser istaos duchentos, iscrivendela imbetzes in limba italiana appo isperantzia de aer nessi duamiza lettores.

E ti naro de prus: a mime mi dispiachet de no ischire sa limba ingresa de manera bastante, ma si l’aìo connoschia bene, dìo aer iscrittu tottus sas chimbanta operas meas non in italianu, ma in ingresu, chin sa sicuresa chi sos lettores meos diant esser istaos meda, ma meda de prus. E ti assicuro chi non nde soe fachende una chistione de balanzu de dinare, ca da sos chimbanta libros meos no appo balanzau bell’ ‘e nudda: fama paritza, ma arrostu meda pacu!

Featured image, bellissimo Pastore sardo / Quadro acrilico su tela / 70 x 100 cm. / 1990, del pittore Flavio Piredda che ringrazio, qualora passasse di qui.