Advertisements
CONTROCORRENTE. Rosebud, Dublin (EIRE) – Year 8. Breaking News

Sul segno (anche politico) dei tempi anti-sartriani e anti-gramsciani: dall’impegno nel sociale al “social”. E sul governo Renzi I.

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti (Jacques Séguéla)

Il segno (anche politico) dei tempi è marcatamente “social”, manca “l’impegno”, “l’engagement”. Manca la capacità di fare cultura e di fare politica coscientemente. La cultura e la politica di questi tempi sono anti-sartriane e anti-gramsciane per eccellenza.

Secondo Jean-Paul Sartre e Antonio Gramsci, tutti noi siamo responsabili per il nostro “commitment”, ovvero per la nostra capacità di diventare elementi attivi nel gruppo e in grado di fare una differenza. Entrambi questi grandissimi speravano che la cultura, la letteratura, la politica, si trasformassero in strumenti capaci di risvegliare la coscienza dei popoli una maniera tanto forte da spingere le élites a… fare qualcosa….

Articolo inserito in “Diario dai giorni del golpe bianco” (Ipazia Books 2017). Continua la lettura, clicca qui (o sulla sottostante coperta) per il link alla pagina Amazon dove potrai visionare sia la versione e-book che la versione cartacea del testo.

Advertisements

Chiudiamo Wikipedia. Non si lucra scaltramente sull’impegno di intelletto!