Advertisements
Rosebud, Dublin, Ireland – Year 7º. Breaking News

Giornalismo online: manifesto e in morte di Giorgio Bocca, l’arcitaliano.

AFORISMI MEMORABILI – QUOTES TO REMEMBER

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti.
(Jacques Séguéla)

—————————-

No, niente appello! Qui non si tratta di riformare una sentenza, ma un costume. (…) Accetto la condanna come accetterei un pugno in faccia: non mi interessa dimostrare che mi è stata data ingiustamente.

Giovannino Guareschi (lo disse dopo la sentenza di condanna ricevuta per l’accusa di diffamazione mossagli da Alcide De Gasperi)

—————————-

Diario dai giorni del golpe bianco (paperback) di Rina Brundu .

Per l’E-Book clicca qui.

di Rina Brundu. Giornalisti si nasce non si diventa! Per quanto mi riguarda è questo mio credo l’unico manifesto possibile per il “giornalismo online” che per sua natura nasce contro tutto ciò che nella “professione” è diventato omologazione, forma, show-off da tipini-fini. Naturalmente non è la prima volta che lo propongo e naturalmente potrebbe non essere l’ultima volta che mi verranno mosse delle critiche per lo stesso. Mi è pure capitato, in passato, che qualche giornalista-arrivato mi apostrofasse con l’obiezione: “Giornalista è chi il giornalista fa”, ovvero giornalista è chi si è diplomato tale, come a dire che dato che Vincent Van Gogh non ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti, o meglio non ha sostenuto l’esamino post-praticantato, non lo si dovrebbe considerare un pittore.

Mind yourselves, mi verrebbe dunque da avvisare ai futuri giornalisti-nati: sostenete l’esame, iscrivetevi all’albo, fatte tutte le domande in regolare carta bollata per essere assunti presso noto servizio pubblico, meglio se come direttori TG1, TG2, TG3, oppure vendete l’anima al diavolo. Insomma, acquistatene un’altra, una che non vi faccia venir voglia di fare l’opinionista, una che se ne sbatta della forza-delle-idee, dell’onestà intellettuale e morale a-tutti-i-costi, una che soffochi preventivamente il vostro senso critico, una che mentre il dito punta alla luna faccia “punto” di fissare il dito. Potenza della burocrazia!!

Ma se è vero che nel caso specifico il non voler sostenere l’esame-di-Stato è stato sempre anche un gesto-di-ribellione contro il suddetto modus-burocratico-imperante (francamente l’unico titolo di giornalista che mi interesserebbe sarebbe quello ad honorem!) è pure vero che quando ho scritto: “Giornalisti si nasce non si diventa” non l’ho mai scritto a mo’ di provocazione. Al contrario, quel breve aforisma è mera consequentia rerum, ovvero è il risultato di una attenta analisi dello status-quo. Ci sono professioni, infatti, che vivono di skills-altre, ovvero di abilità e di competenze (in senso lato) innate e che noi non possiamo fare nostre se già non appartengono alla nostra anima: la professione del giornalista è una di queste! Per dirla con la metafora pittorica usata nell’incipit sarebbe come garantire che neppure 10000 studenti laureati con il massimo dei voti nell’ideale Accademia-delle-Belle-Arti di cui sopra basterebbero a fare un solo Vincent Van Gogh (o, per dirla altrimenti, una sola Oriana Fallaci!), con buona pace dei burocrati e di tutto il corpo insegnante.

Perché è importante che a fare i giornalisti siano soltanto coloro che sono nati-tali piuttosto che l’infinita torma di vip e vipetti in cerca di una professione-cool? Perché il giornalismo dovrebbe essere il vero grande-fratello (benigno e benevolo) della nostra società in crisi. E perché, come scrissi in altra occasione, ritengo che una differenza fondamentale, tra la letteratura e il giornalismo, possa essere il fatto che la letteratura, volendo, potrebbe limitarsi a puntare il dito contro il guado melmoso (tanto per restare in tema!), mentre il giornalismo, per essere davvero tale, deve necessariamente sporcarsi le mani, i piedi (finanche l’abito lucente), nel tentativo di attraversarlo quel guado. E di comprenderne la sua natura. Nonché gli impatti, più o meno nefasti, sul territorio intorno.

Diceva Giorgio Bocca in una sua intervista all’Espresso (2007): “Sono certo che morirò avendo fallito il mio programma di vita: non vedrò l’emancipazione civile dell’Italia. Sono passato per alcuni innamoramenti, la Resistenza, Mattei, il miracolo economico, il centro-sinistra. Non è che allora la politica fosse entusiasmante, però c’erano principi riconosciuti: i giudici fanno giustizia, gli imprenditori impresa. Invece mi trovo un paese in condominio con la mafia. E il successo di chi elogia i vizi….».

Mi è accaduto spesso di non ritrovarmi con le visioni della nostra storia (anche recente) proposte da Giorgio Bocca, tuttavia, ho sempre saputo di avere davanti un giornalista-nato-tale (uno che, per inciso, lo era diventato per destino e non perché inseguiva rotte-trendy), un giornalista dotato di innato senso critico e di capacità di giudizio. Un giornalista con cui – come sempre accade con gli spiriti pieni di grinta e di grande coraggio, e che per questo si rispettano sempre e comunque – si può arrivare a dissentire finanche in punto di morte. Penso infatti che lui non abbia affatto fallito il suo programma di vita perché, anche se il risultato non è immediatamente visibile, sono proprio le gocce “di saggezza” come le sue che contribuiranno, nel tempo, a cambiare….l’acqua del mare.  Viva Giorgio Bocca dunque, a mio avviso, L’ARCITALIANO!

Nell’immagine: La camera di van Gogh, olio su tela, 72x90cm, 1888, Van Gogh Museum, Amsterdam

Advertisements

info@ipaziabooks.com

15 Comments on Giornalismo online: manifesto e in morte di Giorgio Bocca, l’arcitaliano.

  1. Fantastico profilo del giornalista! Ne conoscevo uno, del Corriere della Sera, che si occupava di ciclismo, e da quanto mi risulta, non ha mai conseguito né studi universitari di giornalismo, eppure era un buon giornalista, anche se non un letterato, visto l’argomento che trattava.Ne conoscevo un altro, che aveva le giuste qualifiche,ma anche una zia scrittrice e le giuste conoscenze. Ne ho conosciuti altri che hanno bussato invano a tutte le testate possibili ed immaginabili, ed avrebbero tutte le carte in regola per svolgere un buon lavoro giornalistico. Oggi per entrare in un giornale, occorrono non solo titoli di studio con specialistica, ma anche aderenze, nepotismi, e quant’altro. Il Quarto Potere è nelle mani di pochi che si passano il testimone di padre in figlio o per altre vie traverse. La meritocrazia è stata gettata nel cestino della carta straccia!!! Meglio un sano giornale online, dove rimane ancora la libertà di esprimere il proprio punto di vista! Viva Giorgio Bocca e viva Rina Brundu|

    Like

  2. Che bel commento Danila, grazie! E viva Danila donna di grande sensibilità spirituale e di grande forza come dimostra in questi giorni. un caro abbraccio.

    ps Inutile dire che tutto ciò che dici è purtroppo sacrosanto. Ecco perché, a mio avviso, l’unica speranza è nel giornalismo online, ovvero nel giornalismo che propone in Rete coloro che sono nati per esserlo e gli accozzi non li hanno ma, soprattutto, non li vogliono! Baci.

    Like

  3. Ma io conosco anche anche l’altro aforisma,più provocatorio e…a volte(ma solo a volte) vero: “Meglio giornalista che lavorare”.
    E’ vero, giornalista si nasce, cosa che invece non è possibile per il novanta per cento delle altre professioni, arti e mestieri. Medici si diventa,bravi si nasce, Avvocati si diventa, bravi si nasce. Giornalista si nasce perchè se non hai innato il talento della penna, potrai scrivere delle rime SUpERBACIATE, delle “stanze” dei ditirambi o degli scazonti, ma resterai sempre un copista mediocre. Ecco cosa ci vuole per fare un buon giornalista:il talento della penna e dell’anima.
    Io scrivo per diletto e perchè sono un grafomane, credo di avere un pizzico di talento, ma non voglio diventare un giornalista, non mi interessa sporcarmi i piedi, mi sono già sporcato le mani(non pensate male) più oltre col mio lavoro di medico dell’emergenza.
    Però amo scrivere e ci sto studiando peggio che negli anni della Facoltà di medicina. Non so dove arriverò. Spero solo di avere il tempo di scrivere il mio epitaffio. Dopo i vermi potranno anche mangiarmi, ma almeno non troveranno consonanti da rosicchiare.
    Salvo Andrea Figura.

    so dove arriverò. Spero solo di avere il tempo di scrivere il mio epitaqffio. Dopo potranno mangiarmi i vermi, ma almeno non troveranno più consoSaLvo

    Like

  4. Ma io conosco anche anche l’altro aforisma,più provocatorio e…a volte(ma solo a volte) vero: “Meglio giornalista che lavorare”.
    E’ vero, giornalista si nasce, cosa che invece non è possibile per il novanta per cento delle altre professioni, arti e mestieri. Medici si diventa,bravi si nasce, Avvocati si diventa, bravi si nasce. Giornalista si nasce perchè se non hai innato il talento della penna, potrai scrivere delle rime SUpERBACIATE, delle “stanze” dei ditirambi o degli scazonti, ma resterai sempre un copista mediocre. Ecco cosa ci vuole per fare un buon giornalista:il talento della penna e dell’anima.
    Io scrivo per diletto e perchè sono un grafomane, credo di avere un pizzico di talento, ma non voglio diventare un giornalista, non mi interessa sporcarmi i piedi, mi sono già sporcato le mani(non pensate male) più oltre col mio lavoro di medico dell’emergenza.
    Però amo scrivere e ci sto studiando peggio che negli anni della Facoltà di medicina. Non so dove arriverò. Spero solo di avere il tempo di scrivere il mio epitaffio. Dopo i vermi potranno anche mangiarmi, ma almeno non troveranno consonanti da rosicchiare.
    Salvo Andrea Figura.

    so dove arriverò. Spero solo di avere il tempo di scrivere il mio epitaqffio. Dopo potranno mangiarmi i vermi, ma almeno non troveranno più consoSaLvo

    Like

  5. Concordo ci vuole il talento della penna e dell’anima… ma soprattutto le balle per farli venire fuori! Senza quelle non si va da nessuna parte, si diventa soltanto marchettari! Senza considerare che un giornalita nato-tale, a mio avviso, non pensa di andare da nessuna parte…. fa soltanto ciò che l’anima gli/le chiede e segue il proprio destino. E non si preoccupa neppure di ciò che verrà. Dopo. Il mio epitaffio per esempio potrebbe essere uno e uno soltanto: Qui riposa Rina Brundu. Finalmente!

    Like

  6. Diversamente da te però penso che avvocati si diventi e bravi avvocati si diventi. Dicevano i saggi tedeschi: ubung macht den meister. L’esercizio fa il maestro. E questa è una lezione che non occorrerebbe mai dimenticare: solo attraverso l’esercizio si migliora. Così come lo scribacchino può a suo volta migliorarsi…. Ma quelle sono altre robe. Quando si dice che giornalisti-si-nasce si intende altro… Per inciso si guarda a situazioni come la grinta della Fallaci e via così…. cogitando.

    Like

  7. Sorry per i refusi e la umlaut mancante su ubung… ma nei commenti ci avvaliamo della dispensa scrittura-online…. altrimenti diventiamo vittime della Sindrome-Saviano.

    Like

  8. Solo una breve nota “esplicativa” per tutti gli amici giornalisti che sono iscritti a Rosebud e che sempre hanno pubblicato i miei pezzi sui loro siti e sui loro giornali…. alcuni molto noti…. Anzi, no! Ripensandoci non debbo spiegare niente perché se siamo diventati amici e mi hanno seguito fin qui e perché in fondo la pensavano come me….. Come a dire che in fondo non si è detto nulla di nuovo o comunque nulla che non avessimo già detto in altri luoghi…..

    Like

  9. Cara Angela non sapevo che avessimo qualcosa in comune!! Di fatto anche io sono nata, professionalmente parlando, nel mondo informatico delle società americane del periodo boom tech prima di passare al management operativo e ad un mondo più finanziario… Bella questa cosa comunque: di fatto amo gli informatici e tutto il mondo intorno perché amo la logica, anche nel pensiero. Le “altre cose” invece vengono in maniera naturale perché appunto nascono con noi. Il mio primo articolo su giornale cartaceo, L’UNIONE SARDA fu degli anni 80 e poi ho avuto la fortuna di pubblicare in molti giornali sia in Italia che all’estero. Nel tempo ho conosciuto tantissimi giornalisti, mi sono linkata con le università… ho studiato questo mondo in-and-out, ho scritto tanto sul giornalismo-online (termine che ho finanche creato sulle pagine di un noto sito)…. Per questo motivo poi, ieri, alla fine della “galoppata” mi chiedevo se fossi stata-corretta anche nei confronti dei numerosi amici-giornalisti che sono iscritti a Rosebud. Poi però la risposta è stata si. Sia perché loro conoscono queste mie idee da anni sia perché loro conoscono la mia onestà-di-metodo. E hai ragione l’ONESTA’, l’ONESTA’ è tutto nella vita, ovvero l’unico fattore che ci può permettere di esprimere le nostre idee con forza e con grinta proprio perché sono ONESTE. L’onestà è quella cosa che ci porta la stima degli onesti e lo scorno, finanche l’odio, dei disonesti ma che fa la differenza. Detto questo io credo che la maggior parte delle persone siano portate al bene, anche verso il miglior-giornalismo… chiamarli LUPI e LUPETTI mi pare troppo (sebbene in dati casi meriterebbero di più)… anche perché io penso che il problema non stia nel singolo ma in tutto un sistema-italico che nella politica, così come nel giornalismo, nei negozi quotidiani premia il nepotismo a scapito del merito. E te lo dico da persona che appunto non ha mai avuto problemi nel farsi pubblicare i pezzi, che non ha dovuto cercare accozzi o altro… Ma lo spirito critico deve muovere sempre verso tutto ciò che sta intorno a noi, oltre il cortile di casa… e quello spirito critico, purtroppo, ci dice che molto speso l’Italia nepotistica la vince.

    Like

  10. Caro Gavino se mi parli di queste cose non riesco a staccare (e dobbiamo farlo) perché dopo le abbuffate serve la vacanza…… Ma ti rispondo velocemente. Il giornalismo online (occorre scrivere sempre “online” con una sola parola – pubblicai un articolo sull’abitudine terribile di scrivere on-line sul suolo italico, anche sui giornali che contano. Un orrore!) io non solo l’ho teorizzato tanto tanto tempo fa (e posso dimostrarlo!) ma l’ho studiato in tutti suoi aspetti (ho scritto circa una trentina di articoli in merito e la speranza e di trovare il tempo per scriverci un saggio in futturo!)….. quindi potrei confrontarmi (e spesso l’ho fatto) con chiunque voglia dirimere in merito! Non solo, io ho conosciuto tutti i giornalisti che se ne occupano a cominciare dall’amico Pasteris che già lavorara a La Stampa appunto e si occupa di giornalismo-online all’università di Torino.

    Però non è questa la precisazione che voglio fare….la precisazione è un’altra. Per me infatti scrivere in Rete ed essere giornalista-online non fa equazione: ci mancherebbe! Per diventare giornalisti-online, come in tutte le attività, bisogna dimostrare di avere fatto praticantato, di avere pubblicato articoli, libri, di sapere insomma di cosa si sta parlando: non siamo così sciocchi! Senza queste condizioni si è blogger, informati quanto vuoi, ma non giornalisti-online. C’è una differenza! E su questo potrei disquisire a lungo ma ora non ho tempo…. Il punto che facevo però, lo ripeto ancora una volta, il punto è che…. premesso che tutti siano giornalisti (insomma, partendo da una stessa base ed escludendo i non addetti ai lavori), ci sono giornalisti e giornalisti. Alcuni sono giornalisti tanto-per-fare-cool e altri sono giornalisti perché hanno le balle per esserlo. E le capacità!

    Per diventare giornalisti-online, infatti, occorre a mio avviso una formazione più ampia di quella che serviva al giornalista-vecchio-stile. Le lauree e i diplomi si danno per scontati e sono il punto di partenza, poi servono le conoscenze tecniche, le conoscenze delle lingue moderne, le conoscenza letterarie, le conoscenze informatiche e chi più ne ha più ne metta. Di fatto in Rete ci si misura sempre con i migliori in ogni campo e sapere di cosa si sta parlando quando si tratta un qualsiasi argomento è la conditio-sine-qua-non per poter sostenere il discorso. Inutile dire anche che il termine “conoscenze” di cui parlavo due minuti fa non è sinonimo di “amici-di-papà”:)…. Ecco una differenza che fa giornalimo-online!!!

    Per quanto ti riguarda invece sono contenta di sapere che ti sei finanche misurato col giornalismo in passato ma non mi sorprende perché mano a mano che passa il tempo il tuo spirito-capace si rivela sempre più. E sono contenta che tu intervenga su Rosebud. Un onore per me avere qui tutti voi perché da soli non si va da nessuna parte. Un caro saluto, anche alla tua signora e ai figli, carissimo. Ciao.

    Like

  11. E cosa aggiungere? Godo nel leggere due calibri come voi due: Rina e Gavino. Stavo per dire che ero del tutto d’accprdo con Gavino sul “giornalismo-senza-laurea”, quando la replica di Rina mi ha riportato all’essenziaòe realtà del chi sia il vero giornalista: c’è poco da fare, è chi ha la “laurea” dell’informazione ,intesa come studio, studio e studio, aggiornamento e aggiornamento). Insomma i migliori, non i Bruno VESPA o gli Emilio Fede, ma quelli che stanno davvero sul campo(non necessariamente deil luoghi di guerra di cui poi si fanno gli stemmi), ma sul campo della scrittura e della dialettica(DIà-LEGO).
    Chiudo qui perchè andremmo indietro nel tempo a Senofonte, Plutarco e Tucidide, per chiudere con Oriana e Indro.
    Salvo

    Like

  12. Scusate ma Gilippo da Sparta e salvo Figura sono la stessa persona. Non capisco perchè sia venuto fuori il mio nick di Facebook.

    Like

  13. PS Mamma-Rina però no proprio, male che vada zia!!!

    Like

  14. Leggasi “parliamone” naturalmente… e errata corrige su altri refusi vari et eventuali…. Sempre di corsa…

    Like

  15. Ajò Gavino adesso a marciarci sei tu:) Dove vuoi che andiamo senza di te? O tutti, o nessuno!!

    Like

1 Trackback / Pingback

  1. Giornalismo online: manifesto e in morte di Giorgio Bocca, l’arcitaliano.

Comments are closed.

%d bloggers like this: