Advertisements
PAIN IS TEMPORARY PRIDE IS FOREVER. Rosebud, Dublin (EIRE) – Year 9. Breaking News

ERBA – ILVA – ELBA – HELVETIA (Reloaded)

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti (Jacques Séguéla)

Il giornalista è stimolato dalla scadenza. Scrive peggio se ha tempo. (Karl Kraus)

erba.jpg

Paesaggio svizzero

uno studio di Massimo Pittau.

L’appellativo lat. herba è fino al presente privo di etimologia. I vocabolari etimologici si limitano ad affermare: DELL «non conosciuta alcuna connessione; senza dubbio relitto prelatino»; DEI «relitto mediterraneo da confrontare col toponimo sic. Herbessos»; AEI «privo di connessioni indeur. e forse mediterraneo»; DELI² «di etimologia incerta». Anche a mio giudizio il fitonimo fa capo al sostrato ‘preindoeuropeo mediterraneo’, proprio come altri numerosi fitonimi di varie lingue. È abbastanza noto che gli Indoeuropei, arrivando nelle terre del Mediterraneo, hanno trovato numerose piante che prima non conoscevano ed allora – come capita ed è capitato spesso nella storia – le chiamarono col nome adoperato dalle popolazioni indigene.

Dalla Sardegna, che in effetti è un grande deposito di relitti preindoeuropei e mediterranei, vengono alcune importanti conferme da particolari relitti prelatini, con la vocale iniziale I- proprio come Ilva, antico nome della toscana Isola d’Elba e anche della sarda isola della Maddalena (vedi Cl. Tolomeo, III 7.6, Iloύa; e anche questo è un elemento che unisce strettamente i Sardi Nuragici agli Etruschi).

Ecco l’elenco di questi toponimi col relativo Comune: Irvi (2: Arbus, Bono), Irvo/u (Orgosolo), Irveri (Dorgali), Irvili (Posada), Irbidi (Nùoro), Ìrbore (Orosei), Irvuddài (Oliena), Ilbono (villaggio ogliastrino; pronunzia locale e nei dintorni Irvono, nell’Ottocento Ilbonu); Corongiu Irboni (San Basilio).

In base alle conoscenze che noi abbiamo della toponomia sarda prelatina, i citati toponimi si possono spiegare con probabilità e verosimiglianza nel seguente modo: Irveri, Irvili, Irbidi, Ìrbore «sito di erba abbondante»; Irbono e Irboni «(sito) erboso»; Irvuddài «sito dove fare erba».

Quest’ultimo toponimo Irvuddài «sito dove fare erba» è particolarmente interessante perché trova un suo esatto ‘doppione’ in un appellativo e in un verbo neosardi e neolatini entrati in Sardegna in epoca successiva durante il dominio dei Romani: erbuzu, ervuzu, irbuzu, irvuzu «erbaggio non coltivato, erbe mangerecce dei campi» (collettivo), «raccolto di erbe mangerecce»; erbuzare, ervuzare, irbuzare «andare per erbe, raccogliere erbe mangerecce dei campi» (questi però dal lat. herba). Da vedere anche ebrulla, ibrùgiu (DILS, NVLS).

II

La connessione Erba Ilva Elba è del tutto evidente, ma si tratta di una connessione solamente casuale o fortuita, oppure si tratta di una reale connessione linguistica? Io sono per la seconda ipotesi. A mio giudizio abbiamo di fronte il caso di un ‘doppione’ di relitti prelatini e mediterranei: lat. herba da una parte e prelatini Ilva/Elba = toscana ‘Isola d’Elba’ e sarda ‘isola della Maddalena’ dall’altra.

La connessione tra i due ‘doppioni’ citati è fondata e motivata dall’altro relitto prelatino helvus «giallastro, rosso pallido, di colore isabellino» [gentilizio Helvius (RNG), che è da confrontare con quello etrusco HELVE(-S)] e soprattutto dal suo derivato fitonimo lat. helvella «erbetta, verdura, ortaggio».

Io per l’appunto ho di recente dimostrato che il nome dell’Isola d’Elba, cioè Ilva/Elba, in pratica significa esattamente «erbetta, verdura, ortaggio».

Ma ho dimostrato un’altra importante tesi: l’etnico Elvetico «Svizzero» deriva dal lat. Helveticus (Cesare, Gall. 7.9.6), a sua volta quasi di certo dal lat. helvus «giallastro, rosso pallido, di colore isabellino», aggettivi helven(n)acus, helvinus «giallastro, biondo» [uscita –vu-; suffissi –en(n)-/in(n)-, -ac-; LLE norma 5] da confrontare sempre col gentilizio etr. HELVE(-S)].

Sono anche da vedere i gentilizi lat. Helvinius, Helvinus (RNG) da confrontare con quelli etr. HELVINATI, HELVNA (ThLE). È dunque probabile che Helvetii significasse «(Uomini) Biondi» (LELN 166; DELI²; DICLE 94). E in questo modo il cerchio si chiude alla perfezione: il prelatino herba corrisponde al nome pur’esso prelatino delle isole toscana Elba e sarda La Maddalena ed inoltre L’ANTICO nome della Svizzera, Helvetia, molto probabilmente significa «Terra degli uomini biondi».

Non lo si può negare: la storia del significato di molti vocaboli talvolta ci narra di connessioni concettuali, che a prima vista sembrano incredibili…

 

Bibliografia essenziale con sigle

AEI       Devoto G., Avviamento alla etimologia italiana, Firenze 1968².

CIE       Corpus Inscriptionum Etruscarum.

CII       Corpus Inscriptionum Italicarum.

CIL       Corpus Inscriptionum Latinarum.

DEI       Battisti C. – Alessio G., Dizionario Etimologico Italiano, I-V, Firenze 1950-1957.

DELG      Chantraine P., Dictionnaire Étymologique de la Langue Grecque – Histoire des mots, I-II, Paris 1968-1980.

DELI     Cortelazzo M. – Zolli P., Dizionario Etimologico della Lingua Italiana, I-V, Bologna 1979-1988; DELI² II ediz. a cura di M. Cortelazzo e M. A. Cortelazzo, col soprattitolo Il nuovo etimologico, 1999.

DELL     Ernout A.  Meillet A., Dictionnaire Étymologique de la Langue Latine, IV édit., IV tirage, Paris 1985.

DICLE    Pittau M., Dizionario Comparativo Latino-Etrusco, Sassari 2009 (Libreria Koinè).

DETR     Pittau M., Dizionario della Lingua Etrusca, Sassari 2005 (Libreria Koinè).

Eppure  Eppure mi diverto coi Nuragici e con gli Etruschi, Cagliari, 2019 Edizioni della Torre.

ESL      Breyer G., Etruskisches Sprachgut im Lateinischen unter Ausschluss des Spezifisch Onomastischen Bereiches, Leuven 1993.

ET       Rix H., Etruskische Texte, Editio Minor, I Einleitung, Konkordanz, Indices; II Texte, Tübingen 1991.

Etim    Nocentini A., l’Etimologico, Firenze 2010.

GDLI    Battaglia S., Grande Dizionario della Lingua Italiana, I-XXI, Torino 1961-2002.

GEW     Frisk H., Griechisches Etymologisches Wörterbuch, I-III, II ediz., Heidelberg 1973.

GTLE    Pittau M., I grandi testi della Lingua Etrusca tradotti e commentati, Sassari 2010, C. Delfino editore.

LEGL    Pittau M., La Lingua Etrusca – grammatica e lessico, Nùoro 1997 (L. Koinè Sassari).

LELN    Pittau M., Lessico Etrusco-Latino comparato col Nuragico, Sassari 1984 (L. Koinè).

LEN     Schulze W., Zur Geschichte Lateinischer Eigennamen (1904) – Mit einer Berichtigungsliste zur Neuausgabe von Olli Salomies, Zürich-Hildesheim 1991.

LEW     Walde A.& Hofmann J. B., Lateinisches Etymologisches Wörterbuch, I-III, Heidelberg 1938, 1954, 1956.

LIOE    Pittau M., Lessico italiano di origine etrusca – 407 appellativi 207 toponimi, Roma 2012, Società Editrice Romana (L. Koinè Sassari).

LISNE   Pittau M., La lingua dei Sardi Nuragici e degli Etruschi, Sassari 1981.

LLE     Pittau M., Lessico della Lingua Etrusca – appellativi antroponimi toponimi, Roma, Società Editrice Romana, 2012.

NRIE    Buffa M., Nuova raccolta di iscrizioni etrusche, Firenze 1935.

REE     Rivista di Epigrafia Etrusca, pubblicata nella rivista «Studi Etruschi».

REW     Meyer-Lübke W., Romanisches Etymologisches Wörterbuch, III Auflage, Heidelberg 1935.

RNG     Solin H. & Salomies O., Repertorium nominum gentilium et cognominum Latinorum, Hildesheim-Zürig-New York 1988 e 1894.

StEtr    Rivista «Studi Etruschi», Firenze 1927….

TCL      Pittau M., Tabula Cortonensis – Lamine di Pirgi e altri testi etruschi tradotti e commentati, Sassari 2000 (L. Koinè).

TETC    Pittau M., Testi Etruschi tradotti e commentati – con vocabolario, Roma 1990.

ThLE    Thesaurus Linguae Etruscae, I Indice lessicale, Roma 1978; I Supplemento, 1984; Ordinamento inverso dei lemmi, 1985; II Supplemento, 1991; III Supplemento, 1998.

ThLE²   II edizione, Pisa-Roma 2009.

ThLL    Thesaurus Linguae Latinae, Lipsiae MDCCCC…

TLE     Pallottino M., Testimonia Linguae Etruscae, II ediz., Firenze 1968.

TIOE    Pittau M., Toponimi Italiani di origine etrusca, Sassari 2006, (L. Koinè).

 

 

 

Advertisements