LA BARBA DI DIOGENE, Dublin (EIRE) – 17 Years Online. Leggi l'ultimo pezzo pubblicato...

SULLA NATURA DEL MALE – Ferma condanna contro l’attacco alla Comunità ebraica di di Squirrel Hill a Pittsburgh. E la poesia “Una parola viva” di Abba Kovner

Final cover

One Living Word by Abba Kovner

No more willful silences.
No more verbal contact,
he who loved to listen to so many
will never again hear his own voice among them.

He will sit with his friends over talk
from now on under constraint.
The talk. The thoughts. The friends.
And as he listens through
the secret door
he will turn his inner ear
to the dark mumur: Son of man,
all this
and all this
never was
and never will be
as good as
one living word.[1]

[1] Una parola viva

Non più volenterosi silenzi.

Non più contatto verbale,

colui che amava ascoltare i tanti

non sentirà mai più la sua voce in mezzo a loro.

 

Si siederà con i suoi amici per discorsi

d’ora in poi costretti.

I discorsi. I pensieri.  Gli amici

E mentre ascolta attraverso

la porta segreta

porgerà l’orecchio interiore

al segreto sussurro: figlio dell’uomo,

tutto questo

e tutto questo

non è mai stato

e mai sarà

buono come

una parola viva.

Traduzione Rina Brundu, 7 febbraio 2018

Tratto da Sulla natura del male…

CONTENUTI:

Primo Levi. Meditate che questo è stato….
INDICE
Premessa
Hannah Arendt: la controversia con la comunità ebraica e il dovere dell’onestà intellettuale
Piano di lavoro e confutazioni tecniche
1. Prima confutazione tecnica
2. Seconda confutazione tecnica
3. Terza confutazione tecnica
4. Quarta confutazione tecnica
5. Quinta confutazione tecnica
Cornice: o una strategia retorica tra Darwin e la metafisica
1. Joseph Goebbels: la voce narrante del Male
1.1 Joseph Goebbels: nel terreno fertile
1.2 Lida Baarova, il fattore X
1.3 La vendetta di Göring: il Male ha memoria
1.4 La guerra totale e la recrudescenza antisemita
1.5 Conclusione e interrogazioni
2.0 Il Male come Messia e Maestro: Eckart il Mentore e Hess il discepolo romantico
Continua...

%d bloggers like this: