Advertisements
CONTROCORRENTE. Rosebud, Dublin (EIRE) – Year 8º. Breaking News

Trump: An American Dream (Channel 4). Dall’avvocato mentore Roy Cohn a Barbara Res, la donna ingegnere a capo di 700 colleghi per costruire la Trump Tower.

ROSEBUD TV – Fabrizio De Andrè – Canzone del Maggio

AFORISMI MEMORABILI E ZIBALDONE


Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti.
(Jacques Séguéla)

—————————-

No, niente appello! Qui non si tratta di riformare una sentenza, ma un costume. (…) Accetto la condanna come accetterei un pugno in faccia: non mi interessa dimostrare che mi è stata data ingiustamente.

Giovannino Guareschi (lo disse dopo la sentenza di condanna ricevuta per l’accusa di diffamazione mossagli da Alcide De Gasperi)

Diario dai giorni del golpe bianco (paperback) di Rina Brundu .

Per l’E-Book clicca qui.

Attenzione la versione definitiva di questi testi uscirà solo dopo le elezioni politiche


Il caso diffamatorio su Wikipedia 

————————————————–

  • Un popolo che elegge corrotti, impostori, ladri, traditori, non è vittima, è complice (George Orwell). Clicca qui per leggere tutto
  • —————————————————-

Dieci validi motivi per cui Luigi Di Maio sarà Premier!

LEGGILI TUTTI QUI

Oppure scarica il PDF e diffondilo

Dieci validi motivi per cui Luigi Di Maio sarà Premier!

———————————–

Promuoviamo una coscienza e una lotta politica civile e democratica. Liberiamo l’Italia dal renzismo, dai suoi interessi familisti, dai suoi boiardi di Stato e dai suoi scandali. Per le ultime notizie su questi argomenti, clicca qui.

Rina Brundu

webANXtrumpamdreamserIl primo episodio della serie è titolato “Manhattan” ed è andato in onda oggi su Channel 4. “Trump: An American Dream” è un’altra di quelle produzioni statunitensi che ci ricordano come gli americani siano i maestri assoluti nell’arte documentaristica: neppure mentre raccontano la vita dell’uomo più potente del pianeta dimenticano le regole, la tecnicalità, e il risultato si vede.

roy-cohn-donald-trump-08-17-06

L’avvocato maccarthista Roy Cohn

L’episodio “Manhattan” inizia negli anni 70, il periodo più difficile della storia americana. Sono tempi durissimi anche per la stessa New York che a un certo punto si ritrova affogata dai debiti, a un passo dal default e riempita di spazzatura mai ritirata. La mafia la vince, la corruzione pure. Dentro questi scandali è coinvolto anche il ricco costruttore Fred Trump che alla fine decide di mettersi in disparte e passa il suo impero al figlio Donald, non prima però di affidarlo alle “cure” di un mentore di tutto rispetto, l’avvocato Roy Cohn, uno che sa come si fa business a New York e che è stato un fedele maccarthiano quando si è trattato di dare la caccia anche all’ultimo comunista sul suolo americano.

 

In quegli anni il giovane Trump si terrà lontano dalle telecamere e si dedicherà solo ad imparare il mestiere del padre; tra i suoi successi ci fu la ricostruzione del Commodore Hotel e poi più tardi, negli anni 80, mentre ancora sognava di poter costruire l’edificio più alto d’America, la ciliegina sulla torta sarà costituita dalla Trump Tower. Per quest’ultimo progetto colossale Donald Trump non esiterà a mettersi contro il padre Fred, che non la sopportava, e chiamerà a capo del suo team di 700 ingegneri una giovane donna, Barbara Res: il successo di vendite sarà straordinario!

AAEAAQAAAAAAAA02AAAAJDVkYjhlOWU2LThiYzItNGY3OS1iYTAzLTM3YWNjNTdjM2Q5Nw

Barbara Res

È dunque dentro questo universo molto complicato, costellato di lotte epiche anche contro le varie amministrazioni comunali cittadine, in particolare quella di New York, che si forma il Trump che diventerà presidente americano… il quale a ben guardare durante la sua campagna presidenziale non ha fatto che una sola cosa: essere sempre se stesso, con tutti i vizi e le virtù, con la determinazione a riuscire, sempre, no matter what!

 

“È freddo come un ghiacciolo” disse di lui successivamente Roy Cohn quando, ormai malato di AIDS, fu abbandonato da Trump. Ma cos’altro avrebbe meritato Cohn, un uomo che era persino riuscito a far accusare la sua stessa sorella di imprecisati crimini e a mandarla alla camera gas?

Insomma, un’altra serie americana da guardare perché prima di tutto insegna, una rarità tra le nostre sponde catto-liberali più per interesse di portafoglio che per elezione e convinzione.

Rina Brundu

PS Il giornalismo liberal che accusa Trump di sessismo doverebbe guardare questo documentario, anche le varie Jane Fonda, Meryl Streep e i duri-e-puri de noartri… Sic!

Advertisements

info@ipaziabooks.com