Advertisements
Rosebud, Dublin, Ireland – Year 7º. Breaking News

Basta con la strumentalizzazione mediatica di Anna Frank, non se ne può più!

AFORISMI MEMORABILI – QUOTES TO REMEMBER


Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti.
(Jacques Séguéla)

—————————-

No, niente appello! Qui non si tratta di riformare una sentenza, ma un costume. (…) Accetto la condanna come accetterei un pugno in faccia: non mi interessa dimostrare che mi è stata data ingiustamente.

Giovannino Guareschi (lo disse dopo la sentenza di condanna ricevuta per l’accusa di diffamazione mossagli da Alcide De Gasperi)

—————————-

Diario dai giorni del golpe bianco (paperback) di Rina Brundu .

Per l’E-Book clicca qui.

PERLE DI ROSEBUD – IL TEOREMA RENZI-TAVECCHIO-VENTURA

Resistere, resistere, amico mio, con un popolo di pecore la vittoria del lupo non potrà che essere questione di tempo.

(Clicca qui per leggere tutto l’articolo)

Rina Brundu

Anna_Frank_1Sono schifata! No, non dai tifosi imbecilli di questa o quell’altra squadra che non perdono occasione per mostrare la loro ignoranza, e neppure dalle dichiarazioni altrettanto stupide del signor Lotito che, se non sbaglio, non è nuovo a esternazioni che danno molto da pensare sulla sua sostanza intellettuale, quanto piuttosto dalla corte mediatica genuflessa che sta usando questo ridicolo caso Anna Frank per fare ciò che sa fare meglio da una vita: leccare il culo di Tizio e di Caio, e tra questi Tizio e Caio ci metto anche la comunità ebraica.

Dato che ho già espresso più volte pubblicamente il mio pensiero sul popolo ebreo, che considero uno dei più brillanti in assoluto, per meriti propri (parlo soprattutto dei suoi achievements scientifici), e che di tutto mi si potrà accusare ma certamente non di razzismo, un sentire dell’anima che non mi appartiene in nessun modo, sotto nessun punto di vista, mi permetto di dire…. che veramente non se ne può più. Non se ne può del leccaculismo dei guru mediatici a vario titolo che si stracciano le vesti in piazza ogni volta che c’è un minimo accenno di disrispetto verso la causa ebrea in particolare, che intessono discorsi alti ed elogiativi, che la tirano la tirano fino a farti venire la voglia di vomitare e di fatto si trasformano seduta stante loro stessi in “Lotito” di seconda scelta, senza neppure rendersene conto.

In un qualsiasi paese civile quando gli scalmanati hooligans di una qualsiasi squadra si fossero presentati indossando magliette provocatorie a qualsiasi titolo, si sarebbe evitato di inquadrarli e soprattutto si sarebbe evitato di dare loro visibilità in qualsiasi modo e maniera. Di converso, l’apologia dell’imbecillità che ha messo in atto la Stampa italiana con il supposto caso Anna Frank, si è trasformata da un lato nella benzina sul fuoco che, nel giusto tempo, partorirà altre azioni idiote di simile natura, dall’altro nella classica goccia che fa traboccare il case: basta con il leccaculismo, appunto!

Perché batto e ribatto su questo punto? Perché parlo sapendo cosa dico e per esperienza diretta: io stessa ho ricevuto email che ribadivano la necessità che ci sarebbe di parlare sempre bene degli ebrei, esattamente come anni fa ricevetti email che mi ordinavano di parlare bene della sinistra e dei sinistri: inutile dire che ho mandato a cagare entrambi i portatori di simili ridicole cogitazioni. Non si rendevano conto questi signori, che proprio comportandosi così erano loro i primi agenti patogeni della Sindrome di Lotito: quanti ammiratori del Lotito-pensiero ci sono in Italia? A mio avviso moltissimi, e i primi sono proprio in quelle Redazioni che più delle altre si stanno stracciando le vesti in piazza per il ridicolo caso Anna Frank.

Una vergogna! Uno schifo, appunto! Se avessero avuto anche solo un minimo di rispetto per la storia difficile di quella ragazzina, e di tutte le altre che non hanno avuto la “fortuna” di chiamarsi Anna Frank, ma che ne hanno seguito il destino, si sarebbero tagliati i polpastrelli prima di buttarle in pasto ad un branco di deficienti scriteriati che non attendono altro che di vedere le loro “nobili” azioni immortalate nero su bianco sui giornali di punta. Sic!

Rina Brundu

Advertisements

info@ipaziabooks.com

Leave a Reply.... Lascia un commento...

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: