Advertisements
Rosebud, Dublin, Ireland – Year 7º. Breaking News

L’allenatore di calcio – L”area di rigore”

AFORISMI MEMORABILI – QUOTES TO REMEMBER


Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti.
(Jacques Séguéla)

—————————-

No, niente appello! Qui non si tratta di riformare una sentenza, ma un costume. (…) Accetto la condanna come accetterei un pugno in faccia: non mi interessa dimostrare che mi è stata data ingiustamente.

Giovannino Guareschi (lo disse dopo la sentenza di condanna ricevuta per l’accusa di diffamazione mossagli da Alcide De Gasperi)

—————————-

Diario dai giorni del golpe bianco (paperback) di Rina Brundu .

Per l’E-Book clicca qui.

PERLE DI ROSEBUD – LISTA AGGIORNATA DEI DERETANI INAMOVIBILI

Resistere, resistere, amico mio, con un popolo di pecore la vittoria del lupo non potrà che essere questione di tempo.

(Clicca qui per conoscere tutti i deretani di cui sopra)

PERLE POLITICHE – SENILITÀ, OKAY, MA SE DOVESSI DIVENTARE RENZISTA…

…portarmi dal veterinario e sopprimermi subito, please!

(Clicca qui per leggere tutto)

Capitolo 3

L’“area di rigore”

In vista della strategia generale di “attacco” della nostra squadra a quella avversaria, è in primo luogo da segnalare e precisare che il punto debole e debolissimo della squadra avversaria è la sua “area di rigore”: questo è il vero e proprio punto debole o “ventre molle” della squadra avversaria, sul quale debbono puntare tutti i nostri “attaccanti” con l’intento di segnare reti o goal e di vincere la partita.

Ne deriva di conseguenza logica che i nostri giocatori debbono di continuo fare di tutto per penetrare nell’aria di rigore avversaria al più presto possibile ed operare al suo interno e nel massimo numero di “attaccanti”.

I nostri “attaccanti” debbono tentare di entrare nell’aria di rigore avversaria per queste precise ragioni: I) Possono segnare un goal nella porta avversaria o perché del tutto sguarnita o perché difesa dal solo portiere avversario; II) Possono ugualmente segnare un goal nella porta avversaria pure difesa dal portiere e dai suoi compagni difensori; III) Possono subire un fallo da parte di qualche avversario ed ottenere pertanto a proprio favore un “calcio di rigore”, la cui sorte è, in termini statistici, quasi sempre a vantaggio della squadra che lo calcia; IV) Per un errore di qualcuno dei giocatori avversari possono avere un colpo di fortuna di un autogoal avversario; V) Per un errore di qualcuno dei giocatori avversari i nostri giocatori possono ottenere a proprio favore un “calcio d’angolo” o corner; VI) Nell’“area di rigore” avversaria alla nostra squadra conviene sempre tentare di fare “bagarre”, escluse ovviamente le scorrettezze sugli avversari; da una “bagarre” infatti può derivare o un autogoal avversario o un proprio goal pure fortunoso o un calcio di rigore a nostro vantaggio. Un eventuale “punizione” a nostro danno conseguente alla bagarre da noi stessi provocata, non avrebbe alcuna rilevanza, data la grandissima distanza che esiste dalla nostra porta.

Sempre nella strategia dell’attacco dei nostri giocatori nell’“aria di rigore” avversaria, tutti – dico “tutti” – i tiri di rimessa laterale della palla che siano all’altezza appunto dell’aria di rigore avversaria, debbono essere lanciati dentro di essa, come se fossero altrettanti “calci d’angolo”. Questi lanci dovranno essere effettuati o dalle ale o dalle mezzeale, mai dalle due punte, che invece debbono essere lasciate libere di fare il loro gioco.

Le due punte non si dovranno di norma avvicinare alle linee laterali del campo, mentre potranno andare avanti o indietro, in maniera verticale, sempre nella direzione dei due apici dell’area di rigore avversaria.

Tratto da:

 

Advertisements

info@ipaziabooks.com

%d bloggers like this: