Advertisements
Rosebud, Dublin, Ireland – Year 7º. Breaking News

Indossa un piddino… un sorriso (6) – Giachetti, Roma e i pusher di quartiere

AFORISMI MEMORABILI – QUOTES TO REMEMBER


Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti.
(Jacques Séguéla)

—————————-

No, niente appello! Qui non si tratta di riformare una sentenza, ma un costume. (…) Accetto la condanna come accetterei un pugno in faccia: non mi interessa dimostrare che mi è stata data ingiustamente.

Giovannino Guareschi (lo disse dopo la sentenza di condanna ricevuta per l’accusa di diffamazione mossagli da Alcide De Gasperi)

—————————-

Diario dai giorni del golpe bianco (paperback) di Rina Brundu .

Per l’E-Book clicca qui.

giachettiMa, santa pazienza, come si fa ad uscirne con boiate simili? Che Giachetti stia parlando dei manager PD rutellienecchi, veltronienecchi e PD-L alemannienecchi che hanno lasciato la capitale più spoglia di quando la depredarono i Lanzichenecchi nel 1527? E soprattutto: che droghe di ultima generazione stanno spacciando i pusher di quartiere nella città eterna? Cambiare, cambiare, subito… e tenerli lontani dai palazzi che contano! Sic!

g65098109-1

Advertisements

info@ipaziabooks.com

2 Comments on Indossa un piddino… un sorriso (6) – Giachetti, Roma e i pusher di quartiere

  1. Alfonso Cataldi // 29 July 2017 at 09:23 //

    nell’intervista sul corriere l’AD dice che dopo anni e anni di perdite, nell’ultimo anno atac non ha avuto perdite, ma ormai è troppo tardi.

    Like

  2. Certo, che non hanno avuto perdite… avevano già sgrafignato tutto quello che c’era da sgrafignare e c’era poco da perdere, mentre ora da perfetti boiardi di Stato mandano i loro servi della gleba mediatici (il Corriere primo tra tutti!) ad arrestare il colpevole: la Raggi! Come no!

    PS Qualche giorno fa i canali Mediaset facevano pubblicità a un loro reportage dedicato a Roma e titolato “La grande bruttezza” che naturalmente non ho visto… ma mi sono chiesta se cotanta creazione fosse stata partorita dopo che si erano guardati allo specchio. Vergogna, che si vergognino!

    Like

Comments are closed.

%d bloggers like this: