Advertisements
Rosebud, Dublin, Ireland – Year 7º. Breaking News

LAMINA DI PIOMBO DI VOLTERRA

AFORISMI MEMORABILI – QUOTES TO REMEMBER

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti.
(Jacques Séguéla)

I NOSTRI AFORISMI – OUR QUOTES

Macché, macché! Travaglio lo sopravvaluta (nda: sopravvaluta Renzi)…. Questo signore non ha una strategia perché non è capace di averla… Renzi spara cazzate! Il suo grande alleato è la vigliaccheria congenita del sistema politico italiano! E che fai tu, Gruber? Sei diventata una sostenitrice di Renzi? Non ti riconosco più! Cosa pensi possa accadere a un paese come questo guidato da un Premier come questo? Cosa credi sia successo oggi per giustificare la lettera a Repubblica pubblicata senza critiche? Renzi avrà chiamato Calabresi e gli avrà ordinato: “Senti, c’ho una lettera… pubblicamela!”. Un giorno chiamerà Cairo e gli dirà: senti, questa Gruber mi sta sulle scatole, toglila!”.

Giampaolo Pansa, Otto e mezzo (La7), 11 febbraio 2016

Tratto dal Diario dai giorni del golpe bianco (paperback) di Rina Brundu.

Per l’E-Book clicca qui.

Image2(CIE 52 a; TLE 401; ET, Vt 4.1 rec)

La lamina di piombo di Volterra contiene incisa una abbastanza lunga iscrizione in etrusco, la quale però è di difficilissima lettura perché già a prima vista si afferra che è stata scritta da una persona poco esperta.

Un evidente cambio della scrittura fa comprendere che l’iscrizione è stata fatta in due momenti differenti, da due differenti mani e forse pure da una terza, le quali hanno proceduto ad effettuare altrettante aggiunte.

L’iscrizione contiene 22 antroponimi, con i relativi prenomi abbreviati, e 10 appellativi comuni. Da questo suo contenuto lessicale si è compreso subito che la lamina in realtà è una delle numerose tabellae defixionis, che ci sono state conservate in tutte le lingue antiche e che fondamentalmente consistevano in “maledizioni” effettuate a danno degli individui nominati. Questi venivano consacrati a divinità ctonie o sotterranee e per questo motivo le tabellae venivano nascoste in grotte o nei muri dei cimiteri o dei luoghi sacri.

Con questo mio presente studio io ho effettuato le seguenti tre operazioni principali: I) Ho individuato l’esatto numero degli individui nominati, 22. II) Ho effettuato la “traduzione” degli antroponimi procedendo in questo modo: individuato per ciascun antroponimo etrusco il corrispondente antroponimo latino realmente documentato, ho volto questo in lingua italiana. III) Ho cercato di “tradurre” realmente i 10 appellativi comuni trovati a) connettendoli ad appellativi etruschi già conosciuti e tradotti, b) confrontandoli con appellativi latini nella supposizione che ne fossero derivati oppure costituissero la loro base originaria, c) tentando di tradurli in base al loro reale contesto linguistico. Ovviamente questa terza mia operazione è soltanto probabile ed inoltre aleatoria e pertanto toccherà ad altri miei colleghi linguisti o confermarla oppure presentarne una migliore: MAS «maschio, marito»; CURE «cura!, fa’!», MALAVE «soggetto-a a malia»; ICAP «rendi!», FULUNA «follone, lavandaio»; ACAP «rendi!», MAZUTIU «maledetto-a»; PULTACE «poltiglia, fanghiglia»; PUTACE PUTACE «scarto, spazzatura»; ΘEPZA «coppetta, tazzina».

Preciso che come trascrizione dell’iscrizione ho tenuto presente quelle complete di Massimo Pallottino (TLE) e di Helmut Rix (ET) e inoltre quella separata o distinta del Thesaurus Linguae Etruscae (I e II edizione). Poi preciso ancora che ai fini di una migliore perpicuità visiva e pure concettuale, ha trascritto in righe differenti quelle che mi sono sembrate altrettante sezioni dell’iscrizione.

(Prima mano)

V SUPNI ASTNEI

V(elia) Somnia Astia

 

V SUPNI

V(elia) Somnia

 

LARΘI PUINEI

Lartia Poenia

 

V SUPNI VELANIAL

V(elia) Somnia di Velania

 

V SUPNI CEICNAL

V(elia) Somnia di Caecinia

 

L VELUSNA FELMUIAL

V(el) Velusio di Fulmonia

V VELUSNA

V(el) Velusio

A VELUSNA

A(rrunte) Velusio

[V]ELUSNA L FULUNAL

Velusio L(aris/art) di Follonia

(Seconda mano)

V CALATI

V(elia) Galatia

V PUINA ARMNIAL

V(el) Poenio di Arminia

L LARΘRU FULNEI

L(artia) Lartona Folnia

PULTACE CEICNA ICAP LINEI

come fanghiglia (o Calus) rendi Caecinia Linia

L LARΘRU ΘEPZA

L(artia) Lartona “Tazzina”

CURE MALAVE

fàlla soggetta a malia (o Calus)

L CISTNA V ICAP FULUNA

L(aris/art) Cestio di V(elia) rendi(lo) lavandaio

(Terza mano?)

ACAP FULUNA MAZUTIU

rendi(lo) lavandaio maledetto

L LARΘUI CANIS

L(artia) Lartonia di Canio

A ARMNE ALPUZ

A(rrunte) Arminio di Alpionio

L LARΘU FULUNA

L(aris/art) Lartone Follone

A VELAN[A]

A(rrunte) Velanio

L PUINE[I]

L(artia) Poenia

L VELUSNA FASTIA

A(rrunte) Velusio (di) Fausta

L LARΘU LAΘI

L(aris/art) Lartone Latio

ΦLAVE URIN[A]TE

Flavio Urinate/io

L ARMNE MAS

L(aris/art) Arminio marito

VE CEICNEI

Ve(lia) Caecinia

Φ[L]AVE SETRA FEL(MV)

Flavio Setre Fulmone

 

ΘUŚCE FELMV

Tusco Fulmone

LARΘU PACE

Lartone Pacio

PUTACE PUTACE CURE

spazzatura spazzatura fànne (o Calus)

ANALISI LESSICALE

ACAP, ICAP probabilmente «rendi!», forme rafforzate di CAP(I) «prendi!, rendi!», imperativo forte al sing.

ALPUZ «di Alpionio», gentilizio masch. in genitivo, da confrontare con l’altro ALPIU e con quello lat. Alpionius (RNG).

ARMNE «Arminio», gentilizio masch., da confrontare con quello lat. Arminius (RNG) = cognomen «fabbricante di armi» oppure «uomo d’armi».

ARMNIAL «di Arminia», genitivo di ARMNI «Arminia».

ASTNEI «Astia», gentilizio femm., da confrontare con quello masch. lat. Astius (RNG).

CALATI «Galatia»», gentilizio femm. in genitivo, da confrontare con quello lat. Galatius (RNG).

[CALUS (dio degli inferi o del mondo dei morti, corrispondente a quello greco Ade).

CANIS «di Canio» gentilizio masch. in genitivo, da confrontare con quello lat. Canius (RNG) (TLE 401).

CEICNA, CEICNAI, CEICNEI «Caecina», gentilizio masch. e femm., da confrontare con quelli lat. Caecina, Caecinius (RNG).

CISTNA «Cestio», variante di CESTNA.

CURE «cura!, fai!, fa’!» (imperativo debole al sing.), da confrontare col lat. curare, courare, coirare, coerare «curare, procurare, (far) costruire, operare, dirigere» (finora di origine incerta; dell; deli; Etim; esl 472) e inoltre con l’inglese to care «curare» (indeur.) (TLE 51; dicle).

FASTIA probabilmente «(di) Fausta».

FELMV, FELMUIAL «Fulmonio», «di Fulmonia» gentilizio masch. e femm., da confrontare con quello lat. Fulmonius (RNG).

ΦLAVE «Flavio», antroponimo masch., variante grafica di FLAVE.

FULNEI «Folnia», femm. del gentilizio FULNI, che è da confrontare con quello lat. Folnius (RNG).

FULUNA «follone, lavandaio, tintore», variante di FULU. Anche «Follone» cognomen.

LARΘRU probabilmente errato per LARΘU «Lartone-a».

LARΘU, LARΘUI «Lartone, Lartona» (masch., femm.), probabilmente accrescitivo affettivo del prenome masch. LARΘ.

LAΘI probabilmente «Latio», gentilizio masch. da confrontare con quelli lat. Latius, Latinius (RNG).

LINEI «Linia», secondo gentilizio femm., da confrontare con quello masch. lat. Linius (RNG).

MALAVE forse «ammaliato-a, soggetto-a a malia», da connettere con MAL(E)NA «specchio» (?), con riferimento al timore che gli antichi avevano per lo specchio, nella sua natura di riproduttore misterioso di immagini (ancora adesso, a livello popolare, la rottura di uno specchio viene interpretata come un malaugurio). Vedi MALAVIS, MAL(E)NA, MALSTRIA.

MAS «marito», da confrontare coi lat. mas, maris «maschio» e maritus «marito» (finora entrambi di origine ignota; DELL, DELI).

MAZUTIU forse «maledetto-a», derivato da MAZUTI «maledizione» (?).

PACE «Pacio», gentilizio masch., da confrontare con quello lat. Pacius (RNG).

PUINA, PUINEI «Poenio-a», gentilizio masch. e femm., da confrontare con quello lat. Poenius (RNG), nonché con l’appellativo poena «pena»; oppure, in subordine, con l’etnico Poenus «Punico», cioè «Cartaginese».

PULTACE probabilmente «poltiglia, fanghiglia», da confrontare col lat. pulticula (LIOE 58, polta); però potrebbe essere errato rispetto a PUTACE.

PUTACE probabilmente «scarto, spazzatura», da confrontare col lat. putare «potare, pulire, ripulire».

SETRA «Setre», variante del prenome masch. SEΘRE (ThLE).

SUPNI «Somnia», femm. di SUPNA, gentilizio masch., da confrontare con quello lat. Somnius (RNG), nonché coi lat. somnus, somnium, sopor.

ΘEPZA forse ΘEP-ZA «coppetta, tazzina» (in diminutivo, come soprannome), da confrontare col greco dépas «coppa, tazza» (?)

ΘUŚCE «Tusco», in origine cognomen = “Etrusco”.

URIN[A]TE «Urinatio», gentilizio masch., da confrontare con quello lat. Urinatius (RNG), in origine cognomen = “nativo di Urina, Aurina (Saturnia)” (LEGL 93).

VELAN[A], VELANIA, «Velanio-a», gentilizio masch. e femm., da confrontare con quello lat. Velanius (RNG).

VELUSNA «Velusio», gentilizio masch., da confrontare con quello lat. Velusius (RNG).

 

Massimo Pittau

 

BIBLIOGRAFIA CON SIGLE

 

CIE     Corpus Inscriptionum Etruscarum, 1893 .

DELI  Cortelazzo M. – Zolli P., Dizionario Etimologico della Lingua Italiana, I-V, Bologna 1979-1988; DELI² II ediz. a cura di M. Cortelazzo e M. A. Cortelazzo, col soprattitolo Il nuovo etimologico, 1999.

DELL  Ernout A. – Meillet A., Dictionnaire Étymologique de la Langue Latine, IV édit., IV tirage, Paris 1985, Éditions Klincksieck.

DICLE  Pittau M., Dizionario Comparativo Latino-Etrusco, Sassari 2009, EDES (Libreria Koinè).

ESL    Breyer G., Etruskisches Sprachgut im Lateinischen unter Ausschluss des Spezifisch Onomastischen Bereiches, Leuven 1993.

ET     Rix H., Etruskische Texte, Editio Minor, I Einleitung, Konkordanz, Indices; II Texte, Tübingen 1991.

Etim   Nocentini A., l’Etimologico, Firenze 2010, Le Monnier.

LEGL   Pittau M., La Lingua Etrusca – grammatica e lessico, Nùoro 1997, ediz. Insula (Libreria Koinè Sassari).

LIOE   Pittau M., Lessico Italiano di origine etrusca – 407 appellativi 207 toponimi, Roma, Società Editrice Romana, 2012.

RNG  Solin H. et Salomies O., Repertorium nominum gentilium et cognominum Latinorum, Hildesheim-Zürich-New York 1988.

ThLE   Thesaurus Linguae Etruscae, I Indice lessicale, Roma 1978; I Supplemento, 1984; Ordinamento inverso dei lemmi, 1985; II Supplemento, 1991; III Supplemento, 1998. Seconda edizione, Pisa-Roma 2009.

TLE    Pallottino M., Testimonia Linguae Etruscae, Firenze 1954, I ediz., II ediz. 1968.

 

 

Advertisements

info@ipaziabooks.com

%d bloggers like this: