Advertisements
Rosebud, Dublin, Ireland – Year 7º. Breaking News

Renzi è il resto di niente

AFORISMI MEMORABILI – QUOTES TO REMEMBER

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti.
(Jacques Séguéla)

I NOSTRI AFORISMI – OUR QUOTES

 

La “volontà di potenza” renzista più che una degna pulsione infinita verso il rinnovamento, pare una sub-categoria delle filosofie motivazionali new-age in virtù delle quali se “thoughts become things” (i pensieri diventano cose) perché le parole non possono diventare fatti? Detto altrimenti, sembrerebbe che sia perfetta convinzione della corte renzista e di Matteo Renzi in particolare, che basti affermare l’essenza della realtà (pardon, di una data realtà, quella di cui sono convinti e di cui intendono convincere il popolo italiano) per definire quest’ultima. Da qui a venirne fuori con le anelanti e usate dichiarazioni che hanno costellato questi ultimi 30 mesi di laissez-faire politico, economico, amministrativo, il passo è breve: “Il Jobs Act è stato un successo”, “L’Expo è stato un successo”, “La Riforma costituzionale cambierà l’Italia”, “L’Italia è ripartita”… e in ultimo proprio l’odierno “Abbiamo dimostrato di non essere il problema”.

(Dal “Diario dai giorni del golpe bianco” di Rina Brundu, prossimamente).

Gigi Montonato

japanese4Matteo Renzi è tornato. Ed è subito guerra. Lo ha fatto a Rimini il 28 gennaio, all’assemblea nazionale del partito di cui è ancora segretario. A sentirlo, sembra non si sia mai allontanato dalla politica. Stesse ciarle, stesse faccette, stessa presunzione, stessa arroganza. Si sarebbe dovuto ritirare a far altro se avesse perso il referendum della riforma costituzionale. Lo aveva detto lui stesso. E’ rimasto, forse perché non ha trovato altro da fare. Nei primi giorni del dopo dimissioni da presidente del consiglio si è fatto riprendere in un supermercato col carrello della spesa. Una versione domestica che, in regime di maschilismo, lo avrebbe condannato senza appello, quale homo inutilis; oggi, in regime di pari opportunità al rovescio, è come una medaglia al valore.

Riparte. Come tutte le ripartenze, anche la sua deve mostrarsi veloce, grintosa, determinata, per prendere gli avversari in contropiede. Come nel calcio. Non poteva perciò dimostrarsi dispiaciuto, contrito; non è nel suo dna, del resto. Perciò si è mostrato dimentico; come se dalle sue performance fossero passati anni. Si sta comportando come chi davvero non c’è mai stato. Renzi non pare il resto di qualcosa che c’è stata, pare il resto di niente.

Ecco, un altro che non potrebbe più barare. Oggi gli italiani sanno perfettamente chi è. O forse ci illudiamo che lo sappiano. Allo stesso modo lui si illude di essere nuovo.

Dopo la sentenza della Consulta sull’Italicum si è detto soddisfatto. Che fa, il fesso? No. Soddisfatto perché, a suo dire, si avvicinano le elezioni. Lo hanno detto tutti i renziani che la sentenza della Corte ha “confermato” che l’Italicum ha un fondo importante di costituzionalità. Ma che si aspettavano, che la Corte mandasse loro i Carabinieri per arrestarli tutti? Quella legge, oltre che incostituzionale, è stupida.

Se Renzi non fosse quel’immemore o sfrontato che si sta rivelando si sarebbe dovuto nascondere per un bel po’. La sentenza è stata l’ennesima bocciatura delle sue “meravigliose” riforme. Dopo quella della pubblica amministrazione (ministra Madia) e della costituzione (ministra Boschi), ecco quella dell’Italicum, la legge elettorale, così perfetta che dava per scontata una cosa non ancora avvenuta, la riforma del Senato. La classica pentola senza il coperchio: cose del diavolo o semplicemente di fessi allegri.

Le sue mance, come sono state chiamate, ottanta euro ai redditi bassi, cinquecento euro agli insegnanti per aggiornarsi ed altri cinquecento a tutti i diciottenni, hanno creato difficoltà nei conti dello Stato che ora rischia guai seri da parte dell’Europa, così il ministro dell’economia Padoan ha chiamato la procedura di infrazione minacciata da Bruxelles.

Insomma, l’uomo nuovo della politica italiana, giovane e grande comunicatore, brillante e rottamatore, che dava pacche sulle spalle ai potenti del mondo come a dei compagni di classe, in buona sostanza, dopo circa tre anni di governo, non ha lasciato niente. Dietro di sé macerie, anche in campo internazionale. Hanno perso tutti quelli per i quali lui tifava, tra cui Cameron e la Clinton. Alniente va aggiunta la sfiga, che si porta dietro, piuttosto contagiosa. Per un enfant prodige è grave.

Con quali prospettive si ripropone? Certo, non è mica fesso a dire: io sono quello di prima, non è cambiato niente. Ma non dice neppure che, consapevole degli errori e dei fallimenti, si propone di cambiare. Non dice niente che lo riguardi personalmente. Dice che vuole cambiare il partito, come se la sua esperienza al governo è finita come è finita per colpa del partito. Nelle prossime settimane vedremo come lo vorrà questo partito. Intanto si cerca una via d’uscita mentre ognuno si mette sulla porta per non far né entrare né uscire. La proposta di Pisapia o quella di trovare un nuovo leader giovane di un nuovo Ulivo sono nate morte. Prodi giustamente ha commentato con qualche preoccupazione le stranezze o le stravaganze che circolano nel Pd.

Da Roma – stessa data, altra assemblea – D’Alema ha agitato lo spettro della scissione. Non ha torto quando dice che per andare a votare subito, come vorrebbe Renzi, non ci sono le condizioni. Chiede il congresso prima, che non dovrebbe essere conta di voti ma confronto di idee, di progetti, di formazione di gruppi dirigenti.

Ad allontanare le elezioni non è tanto la mancanza di una legge elettorale omogenea tra Camera e Senato, che pure è fondamentale, quanto la mancanza sia a destra che a sinistra di intese solide e di progetti politici. Il congresso nel Pd servirebbe, appunto, a delineare una progettualità politica. Insomma, per votare subito non ci sono i mezzi (legge elettorale) e non si vedono i fini (che cosa si vuole fare). Renzi, col suo solito sarcasmo, strappando qualche applauso, ha detto che non intende rispondere a chi di lontano, da altra assemblea, minaccia. Invece di avvicinarsi i leader della sinistra o del centrosinistra si allontanano.

Si può essere d’accordo con chi dice che chi non vuole il voto subito lo fa per calcoli suoi. In politica è normale che ciò accada. Ma ai cittadini importa poco il tornaconto politico personale di questo o quel personaggio. Quel che importa loro è che scomodarli a votare ne deve valere la pena, ci deve essere un motivo importante, che è avere progetto di governo e governabilità.

Renzi non ha in questo momento né l’una né l’altra cosa. In verità non ce l’ha nessuno, né a sinistra né a destra. E figurarsi i 5 Stelle! Ma sia a sinistra che a destra c’è chi suggerisce di procedere con prudenza, che non è lentezza: è un attrezzarsi per giungere preparati a fare qualcosa una volta giunti a destinazione.

Chi, invece, ha fretta di votare – e Renzi ce l’ha – vuole solo una rivincita personale, che potrebbe essere, però, una riperdita per il Paese.

Gigi Montonato

Advertisements

info@ipaziabooks.com

3 Comments on Renzi è il resto di niente

  1. Naturalmente se avesse anche solo conosciuto il senso della vergogna della dignità istituzionale non l’avremmo sentito nominare fino alla fine dei giorni…. ma siamo in Italia: perché non provarci?! Patetico!

    Like

  2. Lo ha rifatto anche oggi illudendosi distribuendo mance come aveva fatto alle elezioni europee di FREGARE ancora il 40% di coloro che andranno a votare.
    Le sue ormai sono pure illusioni. Non ha ancora capito che sarà ancora lui il candidato del sedicente Pd, PARTITO DISINISTRA, perderà ancora una volta per 4 a 2 come al referendum costituzionale! Ormai gli converrebbe trovarsi un lavoro, uno vero di quelli che non ha mai fatto in vita sua!

    Like

  3. Facile a dirsi mentre si è seduti a fare i leoni da tastiera: ma tu glielo daresti un posto a Renzi nella tua azienda? Immagina quando ti chiederà l’aereo privato e l’incentivo per comprare il maglioncino-marchionne…. Facile fare il naphalm51, troppo facile, ma si dimentica che in un qualche modo anche questo povero uomo dovrà tirare a campare, no?! Sic.

    Like

Leave a Reply.... Lascia un commento...

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: