Advertisements
Rosebud, Dublin, Ireland – Year 7º. Breaking News

KHAN, il fascino sexy e senza tempo del “villain” shakesperiano intelligente e spietato. E sullo straordinario Benedict Cumberbatch da “Star Trek” a “Sherlock”.

AFORISMI MEMORABILI – QUOTES TO REMEMBER


Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti.
(Jacques Séguéla)

—————————-

No, niente appello! Qui non si tratta di riformare una sentenza, ma un costume. (…) Accetto la condanna come accetterei un pugno in faccia: non mi interessa dimostrare che mi è stata data ingiustamente.

Giovannino Guareschi (lo disse dopo la sentenza di condanna ricevuta per l’accusa di diffamazione mossagli da Alcide De Gasperi)

—————————-

Diario dai giorni del golpe bianco (paperback) di Rina Brundu .

Per l’E-Book clicca qui.

Rina Brundu

khan1Da amante del cinema sci-fi e degli effetti speciali cutting-edge, mi è facile fare una previsione: il meglio deve ancora venire. È indubbio insomma che date produzioni cinematografiche sci-fi potranno dare il meglio di sè, solo quando ci sarà una tecnologia evoluta abbastanza da andare di pari passo con l’immaginazione senza freni delle nuove generazioni di script-writers hollywoodiani che più il tempo passa più somigliano a dei veri e propri fenomeni.

Naturalmente questa facile previsione si può applicare anche al futuro destino della fortunatissima serie Star Trek, la quale anche in versione anni-2000 registra già un cambio di passo straordinario. A dirla tutta, il nuovo cast che sta facendo rivivere i migliori giorni della famosissima flotta spaziale comandata dal Capitano Kirk e che, a bordo dell’astronave Enterprise, osa andare dove nessun uomo è mai stato prima, a mio avviso è finanche migliore di quello originale. Basti dire che i produttori sono persino riusciti a trovare un sostituto attorale valido e credibile per un character che sembrava intoccabile, vale a dire lo Spock interpretato dal mitico Leonard Nemoy: scagli infatti la prima pietra chi pensa che Zachary Quinto non sia stata la miglior scelta?

Vero è però che tutti questi nuovi episodi sono anche contenutisticamente più in linea con gli appettiti del viewer average post-rivoluzione digitale. Il mio episodio favorito è senz’altro Star Trek – Into Darkness (2013) diretto da JJ Abrams che, tra le altre features, ha come very very special guest nientepocodimenoche il character KHAN, ai suoi esordi, interpretato dal bravissimo e affascinante Benedict Cumberbatch, attuale protagonista della fortunata serie televisiva inglese “Sherlock”.

Che dire di KHAN che i suoi fan non sappiano già? Probabilmente nulla, dato che è il protagonista di alcuni dei momenti davvero memorabili della saga spaziale partorita dal genio straordinario di Gene Roddenberry. Ma oggi, rivedendo questo episodio del 2013, e rivedendo questo personaggio magistralmente reinterpretato da Cumberbatch (nel 1967 fu interpretato da Ricardo Montalbán) non sono riuscita a non pensare ai “villain” shakesperiani, clever e ruthless, che sono alle radici di questa categoria di anti-eroi fictional, vera e propria personificazione e antropomorfizzazione del fascino del male, faccio riferimento quindi ai vari Iago fino alle somme vette raggiunte da creazioni come l’immortale Riccardo III.

A ben guardare, insomma, anche i geniali script-writers moderni non ci raccontano nulla che Shakespeare non ci abbia già raccontato, ma ripetere le stesse cose a suon di immagini digitalizzate sembrerebbe comunque aiutare a far arrivare lo stesso “pregnante” messaggio anche alle moderne generazioni più smaliziate; un benefit, questo, da non scartare con troppa leggerezza, almeno secondo me. Ma non solo. In dato modo infatti questi miglioramenti tecnologici affinano la curiosità, dunque l’intelligenza sharp che serve di questi tempi e, almeno dal punto di vista dell’intrattenimento, invitano a guardare al futuro con speranza: mi ripeto, il meglio deve ancora venire.

Rina Brundu

 star-trek-into-darkness-poster-benedict-cumberbatch1

BIOGRAFIA

Benedict Timothy Carlton Cumberbatch (Londra, 19 luglio 1976) è un attore britannico.

Biografia
Nato a Londra il 19 luglio 1976, è figlio di Timothy Carlton e Wanda Ventham, entrambi attori.[1] Frequentò la Brambletye School, nel West Sussex, e la Harrow School, a nord di Londra, e lì cominciò a recitare.[1]

Finiti gli studi obbligatori trascorse un anno sabbatico come insegnante d’inglese in un monastero tibetano.[2]

Concluse i suoi studi all’università di Manchester studiando drammaturgia. Dopo la laurea, continuò a studiare recitazione alla London Academy of Music and Dramatic Art.[1][2]

Vita Privata
Nel 2005, mentre si trovava a KwaZulu-Natal in Sudafrica per le riprese della miniserie To the Ends of the Earth, Benedict e i due colleghi Denise Black e Theo Landey furono catturati da un gruppo di locali: fu chiesto loro se avevano droga, denaro e armi e in seguito le loro mani furono legate con i lacci delle loro scarpe. I tre vennero portati in mezzo alla campagna sconfinata. Fatti uscire dall’auto, furono messi in posizione china pronti per essere uccisi, ma grazie alla presenza di alcune luci improvvise nelle vicinanze, i rapitori fuggirono via, lasciando i tre sconvolti, ma liberi.[3]

Il 5 novembre 2014 Cumberbatch ha annunciato il suo fidanzamento ufficiale con Sophie Hunter sul Times.[4][5] La coppia si è sposata il 14 febbraio 2015 sull’isola di Wight e il 1º giugno 2015 è nato il loro primogenito, Christopher Carlton Cumberbatch.

Nel 2015 Cumberbatch è stato nominato dalla regina Elisabetta II Commander of the Order of the British Empire (CBE) per il suo impegno artistico e umanitario.[6]

Carriera
Dal 2001 ha recitato in numerosi ruoli da protagonista in opere classiche all’Open Air Theatre di Regent’s Park, Almeida Theatre, Royal Court Theatre e al Royal National Theatre.[7]

Esordì in televisione nel 2002 interpretando Jeremy nel film per la televisione Fields of Gold e apparve in numerose serie televisive britanniche tra cui Tipping the Velvet, Cambridge Spies, Heartbeat, Fortysomething, Spooks e Testimoni silenziosi. Nel 2004 interpretò Stephen Hawking in Hawking, venne candidato ai premi BAFTA come migliore attore e vinse il Golden Nymph al Festival de Télévision de Monte-Carlo come migliore attore in un film per la televisione.[1] Apparve poi nella miniserie della BBC Dunkirk nel ruolo del tenente Jimmy Langley. L’anno successivo interpretò Edmund Talbot, il protagonista della miniserie To the Ends of the Earth basata sulla trilogia di William Golding.

Ottenne una candidatura ai Laurence Olivier Awards come miglior attore non protagonista per avere interpretato Tesman in Hedda Gabler all’Almeida Theatre e al Duke of York’s Theatre nel 2005.

Nel 2006 interpretò William Pitt in Amazing Grace, film che racconta la storia di William Wilberforce, leader del movimento contro la schiavitù che portò nel 1807 all’abolizione della tratta degli schiavi e infine nel 1833 anche della schiavitù nell’impero britannico. Per questo ruolo ottenne una candidatura ai London Critics Circle Film Awards come miglior esordiente britannico. Dopo questo successo apparve in ruoli importanti in Espiazione e L’altra donna del re.[8]

Recitò a fianco di Tom Hardy nell’adattamento televisivo del libro Stuart: A Life Backwards nel 2007 e nel 2008 ottenne una candidatura ai Satellite Award come miglior attore in una miniserie per la sua interpretazione in The Last Enemy.[1] L’anno successivo interpretò Luke Fitzwilliam in Miss Marple – È troppo facile e Bernard nell’adattamento televisivo di Small Island, questa sua interpretazione gli vale la sua seconda candidatura ai BAFTA.

Nel 2009 partecipò al film sulla vita di Charles Darwin Creation e nel 2010 apparve in The Whistleblower.

Nel 2011 interpretò Peter Guillam nell’adattamento cinematografico del romanzo di John le Carré La talpa diretto da Tomas Alfredson, recitando a fianco di Gary Oldman, Colin Firth e Tom Hardy.[8] Nello stesso anno apparve nel film di Steven Spielberg War Horse e venne eletto attore dell’anno dalla rivista GQ.[8][9]

Dal 2010 incarna il detective Sherlock Holmes nella serie televisiva della BBC creata da Mark Gatiss e Steven Moffat Sherlock.[1]

Ha doppiato Sauron e il drago Smaug nei film della trilogia prequel del Signore degli Anelli Lo Hobbit. Per Smaug e Dormammu ha anche recitato le espressioni tramite la tecnica del motion capture; alla fine ha ricevuto una candidatura come miglior personaggio animato in un film live action.

Nel 2010 ha recitato in The Children’s Monologues all’Old Vic di Londra, un’opera prodotta dalla Dramatic Need e diretta da Danny Boyle.[7][10] Nel febbraio del 2011 ha recitato al Royal National Theatre, a serate alterne, sia il ruolo del dottor Frankenstein sia della creatura a fianco di Jonny Lee Miller nell’adattamento teatrale del romanzo di Mary Shelley.[7][8][11]

Nel 2013 ha partecipato al sequel di Star Trek diretto da J.J. Abrams in cui veste i panni di John Harrison, nome fittizio di Khan, uno degli antagonisti dell’Enterprise più famosi della serie televisiva originale.

Gli ultimi mesi del 2013 lo hanno visto protagonista del film Il quinto potere (The Fifth Estate), diretto da Bill Condon, in cui veste i panni del fondatore di WikiLeaks Julian Assange. Apparve anche in ruoli secondari nei film 12 anni schiavo, diretto da Steve McQueen, e I segreti di Osage County, diretto da John Wells, mentre è tornato a essere protagonista nel cortometraggio Little Favour, diretto da Patrick Viktor Monroe.

Il 25 agosto 2014 ha vinto il Premio Emmy come miglior attore protagonista in un film/miniserie TV per l’episodio di Sherlock L’ultimo giuramento.[12]

Nel 2014 veste i panni del matematico Alan Turing nel film The Imitation Game, diretto da Morten Tyldum. Per la sua interpretazione viene candidato sia al Golden Globe come miglior attore in un film drammatico, sia all’Oscar come migliore attore protagonista. Nel 2016 interpreta il Dottor Strange nell’omonimo film diretto da Scott Derrickson, quattordicesimo film del Marvel Cinematic Universe, firmando un contratto per interpretare il personaggio anche in successivi film del franchise.

Filmografia
Hills Like White Elephants, regia di Paige Cameron – cortometraggio (2002)
To Kill a King, regia di Mike Barker (2003)
Il quiz dell’amore (Starter for 10), regia di Tom Vaughan (2006)
Amazing Grace, regia di Michael Apted (2006)
Inseparable, regia di Nick White – cortometraggio (2007)
Espiazione (Atonement), regia di Joe Wright (2007)
L’altra donna del re (The Other Boleyn Girl), regia di Justin Chadwick (2008)
Creation, regia di Jon Amiel (2009)
Burlesque Fairytales, regia di Susan Luciani (2010)
Four Lions, regia di Chris Morris (2010)
Third Star, regia di Hattie Dalton (2010)
The Whistleblower, regia di Larysa Kondracki (2010)
La talpa (Tinker, Tailor, Soldier, Spy), regia di Tomas Alfredson (2011)
War Horse, regia di Steven Spielberg (2011)
Wreckers, regia di D.R. Hood (2011)
Lo Hobbit – Un viaggio inaspettato (The Hobbit: An Unexpected Journey), regia di Peter Jackson (2012)[13]
Into Darkness – Star Trek (Star Trek Into Darkness), regia di J. J. Abrams (2013)
I segreti di Osage County (August: Osage County), regia di John Wells (2013)
Lo Hobbit – La desolazione di Smaug (The Hobbit: The Desolation of Smaug), regia di Peter Jackson (2013)[14]
12 anni schiavo (12 Years a Slave), regia di Steve McQueen (2013)
Il quinto potere (The Fifth Estate), regia di Bill Condon (2013)
Little Favour, regia di Patrick Viktor Monroe – cortometraggio (2013)
The Imitation Game, regia di Morten Tyldum (2014)
Lo Hobbit – La battaglia delle cinque armate (The Hobbit: The Battle of the Five Armies), regia di Peter Jackson (2014)[15]
Black Mass – L’ultimo gangster (Black Mass), regia di Scott Cooper (2015)
Zoolander 2, regia di Ben Stiller (2016)
Doctor Strange, regia di Scott Derrickson (2016)

Televisione
Heartbeat – serie TV, episodi 9×19-13×17 (2000-2004)
Fields of Gold, regia di Bill Anderson – film TV (2002)
Tipping the Velvet, regia di Geoffrey Sax – miniserie TV (2002)
Testimoni silenziosi (Silent Witness) – serie TV, episodi 6×05-6×06 (2002)
Cambridge Spies, regia di Tim Fywell – miniserie TV (2003)
Spooks – serie TV, episodio 2×01 (2003)
Fortysomething – serie TV, 6 episodi (2003)
Dunkirk, regia di Alex Holmes – miniserie TV (2004)
Hawking, regia di Philip Martin – film TV (2004)
Nathan Barley – serie TV, episodi 1×03-1×04 (2005)
To the Ends of the Earth, regia di David Attwood – miniserie TV (2005)
Broken News – serie TV, episodi 1×01-1×04-1×06 (2005)
Stuart: A Life Backwards, regia di David Attwood – film TV (2007)
The Last Enemy – serie TV, 5 episodi (2008)
Miss Marple (Agatha Christie’s Marple) – serie TV, episodio 2×04 (2008)
Small Island, regia di John Alexander – film TV (2009)
Van Gogh: Painted with Words, regia di Andrew Hutton – film TV (2010)
Sherlock – serie TV, 10 episodi (2010)-(2017)
Parade’s End, regia di Susanna White – miniserie TV (2012)

Doppiatore
Girlfriend in a Coma, regia di Annalisa Piras (2012)
I Simpson – serie TV, episodio 24×12 (2013) – Alan Rickman / Severus Piton
I pinguini di Madagascar (The Penguins of Madagascar), regia di Eric Darnell e Simon J. Smith (2014)
Lo Hobbit – La desolazione di Smaug (“The Hobbit: The Desolation of Smaug”), regia di Peter Jackson (2013)
Lo Hobbit – La battaglia delle cinque armate (The Hobbit: The Battle of the Five Armies), regia di Peter Jackson (2014)
Doctor Strange, regia di Scott Derrickson (2016)
Il libro della giungla, regia di Andy Serkis (2018)
Come l’elfo ruba il Natale, regia di Peter Candeland e Yarrow Cheney (2018)

Premi e candidature
Premio Oscar
2015 – Candidatura al miglior attore protagonista per The Imitation Game
Golden Globe
2015 – Candidatura al miglior attore in un film drammatico per The Imitation Game
Empire Awards
2015 – Candidatura al miglior attore per The Imitation Game[16]
Premio Emmy
2012 – Candidatura al miglior attore protagonista in una miniserie o film per la televisione per Sherlock
2013 – Candidatura al miglior attore protagonista in una miniserie o film per la televisione per Parade’s End
2014 – Miglior attore protagonista in una miniserie o film per la televisione per Sherlock
Premio BAFTA
2005 – Candidatura al miglior attore protagonista per Hawking
2010 – Candidatura al miglior attore non protagonista per Small Island
2011 – Candidatura al miglior attore protagonista per Sherlock
2012 – Candidatura al miglior attore protagonista per Sherlock
2015 – Candidatura al miglior attore protagonista per Sherlock
Satellite Award
2008 – Candidatura al miglior attore in una miniserie o film per la televisione per The Last Enemy
2010 – Candidatura al miglior attore in una miniserie o film per la televisione per Sherlock
Laurence Olivier Award
2012 – Miglior attore teatrale per Frankenstein
Saturn Award
2014 – Candidatura al miglior attore non protagonista per Into darkness – Star Trek
London Critics Circle Film Awards
2007 – Candidatura al miglior attore britannico esordiente per Amazing Grace
British Independent Film Award
2011 – Candidatura al miglior attore non protagonista per La talpa
Altri riconoscimenti
2004 – Premio Golden Nymph (Festival di Montecarlo) per il miglior attore in un film per la televisione per Hawking
2006 – Premio Golden Nymph (Festival di Montecarlo) per il miglior attore in una miniserie per To the Ends of the Earth
2011 – Broadcasting Press Guild Award per il miglior attore per Sherlock
2012 – Central Ohio Film Critics Association Award per il miglior cast per La talpa
2012 – Critics’ Choice Television Awards per il miglior attore in un film o miniserie tv per Sherlock, Into Darkness – Star Trek

(tratto dalla pagina wikipedica italiana)

KHAN interpretato da Ricardo Montalbán nel 1967

KHAN interpretato da Benedict Cumberbatch nel 2013

Advertisements

info@ipaziabooks.com

%d bloggers like this: