Breaking News

Diritti civili – Medici obiettori fuori dalla sanità pubblica. Una petizione di Chiara Leoni

L’AFORISMA DEL GIORNO – DAILY QUOTE

Ogni interesse della mia ragione (tanto quello speculativo quanto quello pratico) si concentra nelle tre domande seguenti:
Che cosa posso sapere?
Che cosa posso fare?
Che cosa ho diritto di sperare?
(Immanuel Kant)

I NOSTRI AFORISMI – OUR QUOTES

Quelli che la dialettica in politica è l’arte di far interagire due tesi o principi contrapposti allo scopo di indagare la verità ed eventualmente arrestarla. (Rina Brundu)

crhqrmebtrppfqo-556x313-croppedUna nota breve – Di norma non metto dietro a tutte le richieste di firma-petizione che ricevo, ma questa, inutile dirlo, l’avrei firmata un miliardo di volte se fosse stato possibile. E sulla sanità ci sarebbe da dire tanto altro, come ho potuto sperimentare meno di un anno fa in Italia: non si saprebbe dove finirla per raccontare i vizi di medici… e pure di dati pazienti per la verità. Di molti pazienti che siamo tutti noi. Tuttavia questa pratica evidenziata dalla petizione in oggetto è qualcosa di barbaro, l’apologia della superstizione che impera in Italia con i risultati che ne derivano. Nessun medico dovrebbe essere mai autorizzato ad operare in nessun luogo se non dichiara quali sono le sue opinioni su questse faccende e nessuna famiglia mai dovrebbe a affidarsi a nessun ciarlatano che, alla maniera degli imbonitori medievali, scambia la sua scienza con le ombre della sua coscienza e della sue evidentemente scarsa formazione tout-court. E non dico di più perché scadrei nel villano ma rispetto no, con la salute non si scherza. Sic.  
Rina Brundu

Ciao Rina,
in Italia oltre il 70% dei medici sono obiettori. “Un grave pregiudizio per la vita e il benessere della donna”, scrive Chiara. Che chiede di escludere i medici obiettori di coscienza dalle strutture pubbliche. Cosa ne pensi?

—–

Oggi in Italia oltre il 70% dei medici sono obiettori (dato del Ministero della Salute), questo determina un grave pregiudizio per la vita e il benessere della donna, cui viene di fatto negato il diritto alla salute.
Il diritto alla vita, e più in generale alla salute, dell’individuo è un diritto fondamentale e inderogabile, tutelato da una serie di norme (artt.575 ss. Cp., art 32 Cost.) alcune delle quali puniscono anche penalmente chiunque cagioni la morte di un uomo o gli provochi delle lesioni personali.
Tuttavia le donne si vedono negare il loro diritto alla vita nel caso frequente (vista l’alta percentuale) in cui, rivolgendosi per una grave urgenza ad una struttura pubblica, si trovino di fronte a medici obiettori.
L’ultimo caso riguarda una giovane trentaduenne di Catania, morta dopo che il medico si è rifiutato per ore di estrarre due feti moribondi che le hanno provocato un’infezione letale.
E’ agghiacciante la situazione riportata dai quotidiani, dove si legge che la giovane chiedeva incessantemente aiuto ed è stata ignorata perché l’estrazione dei feti per il medico obiettore era moralmente inammissibile. “La signora (…) era stata ricoverata il 29 settembre per una dilatazione dell’utero anticipata. Per 15 giorni va tutto bene. Dal 15 ottobre mattina la situazione precipita. Ha la febbre alta che è curata con antipiretico. Ha dei collassi e dolori lancinanti. Lei ha la temperatura corporea a 34 gradi e la pressione arteriosa bassa. Dai controlli emerge che uno dei feti respira male e che bisognerebbe intervenire, ma il medico di turno, mi dicono i familiari presenti, si sarebbe rifiutato perché obiettore: “fino a che è vivo io non intervengo”, avrebbe detto loro”. Attualmente, in Italia, se il medico dichiara di essere obiettore e non effettua l’interruzione di gravidanza, non rischia la radiazione dall’albo professionale o il licenziamento e l’interessata non può chiedere il risarcimento del danno biologico. Prosegue il legale: “Quando il cuore cessa di battere viene estratto il feto e mostrato morto ai familiari. Due di loro possono avvicinare la donna che urla dal dolore e grida continuamente “aiuto”. Viene eseguita una seconda ecografia e anche il secondo feto mostra delle difficoltà respiratorie. E anche il quel caso il medico avrebbe ribadito che lo avrebbe fatto espellere soltanto dopo che il cuore avesse cessato di battere perche’ lui era un obiettore di coscienza”. Il secondo feto, secondo la denuncia, non è mostrato ai familiari. E un medico li avvisa che “le condizioni della donna sono gravissime perché la sepsi si è estesa, con una setticemia diffusa”. La donna sedata è portata in rianimazione, “e i familiari – osserva l’avvocato Catania Milluzzo – riferiscono di averla vista con dei cerotti sulle palpebre che le chiudevano gli occhi”. Poi domenica 16 ottobre la notizia del decesso (Fonte: tgcom24).
Chiediamo a gran voce che i legislatori facciano uscire la sanità pubblica da questo Medioevo morale imponendo l’assunzione nelle strutture pubbliche SOLO e unicamente di medici NON OBIETTORI per evitare le molte tragedie già consumatesi, l’ultima quella della giovane catanese.

Chiara Leoni
Milan, Italy

Firma la petizioneFirma la petizioneFirma la petizioneFirma la petizione

Lo disse… Nietzsche

Bisogna avere in sé il caos per partorire una stella che danzi. -- (---) -- Il mio tempo non è ancora venuto; alcuni nascono postumi.

Lo disse… OSHO

Non voglio seguaci, persone ubbidienti. Voglio amici intelligenti, compagni di viaggio.

Lo disse… NEWTON

Platone è il mio amico, Aristotele è il mio amico, ma il mio migliore amico è la verità.

Attività editoriali per scrittori e autori

4 Comments on Diritti civili – Medici obiettori fuori dalla sanità pubblica. Una petizione di Chiara Leoni

  1. Altro che radiazione il linciaggio in pubblica piazza ci vorrebbe.

    Like

  2. Questo è vero ma il problema sono le leggi che lo permettono: il curriculum dei medici inclusa la risposta a questa tipologia di domande dovrebbe essere pubblicamente disponibile per tutti, negli ospedali e nel privato… Nessuno dovrebbe mai poter commettere l’errore di andare da una di queste persone: mai!!

    La colpa è di chi permette queste cose e non solo queste purtroppo in un paese asservito alla superstizione: non smetterò mai di ripeterlo fino a che avrò ossigeno per respirare!

    Che se anche questo Dio a cui guardano esistesse credo che li maledirebbe in eterno, per generazioni. Sic.

    Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: