Breaking News

21-09-2016 Autunno in Poesia. Da Federico García Lorca a Pasternak

L’AFORISMA DEL GIORNO – DAILY QUOTE

Cultura non è possedere un magazzino ben fornito di notizie, ma è la capacità che la nostra mente ha di comprendere la vita, il posto che vi teniamo, i nostri rapporti con gli altri uomini. Ha cultura chi ha coscienza di sé e del tutto, chi sente la relazione con tutti gli altri esseri.
(Antonio Gramsci)

I NOSTRI AFORISMI – OUR QUOTES

Date vite ci insegnano, tra le altre cose, che c’é solo un dato grado di disperazione che si può raggiungere e che, sull’altro versante, c’é solo un dato grado di felicità materiale che si può ottenere, dopo siamo soli con noi stessi. (Rina Brundu)

sunset-473345_960_720.jpgMattino d’autunno

Che dolcezza infantile

nella mattinata tranquilla!

C’è il sole tra le foglie gialle

e i ragni tendono fra i rami

le loro strade di seta.

(F. G. Lorca)

 

Bosco d’autunno

Ha messo chiome il bosco d’autunno.

Vi dominano buio, sogno e quiete.

Né scoiattoli, né civette o picchi

lo destano dal sogno.

E il sole pei sentieri dell’autunno

entrando dentro quando cala il giorno

si guarda intorno bieco con timore

cercando in esso trappole nascoste.

(B. Pasternak)

 

Foglie gialle

Ma dove ve ne andate,

povere foglie gialle

come farfalle

spensierate?

Venite da lontano o da vicino

da un bosco o da un giardino?

E non sentite la malinconia

del vento stesso che vi porta via?

(Trilussa)

 

L’estate è finita

Sono più miti le mattine

e più scure diventano le noci

e le bacche hanno un viso più rotondo.

La rosa non è più nella città.

L’acero indossa una sciarpa più gaia.

La campagna una gonna scarlatta,

Ed anch’io, per non essere antiquata,

mi metterò un gioiello.

(E. Dickinson)

Grazie a tutti i traduttori, chiunque siano.

 

Lo disse… Nietzsche

Bisogna avere in sé il caos per partorire una stella che danzi. -- (---) -- Il mio tempo non è ancora venuto; alcuni nascono postumi.

Lo disse… OSHO

Non voglio seguaci, persone ubbidienti. Voglio amici intelligenti, compagni di viaggio.

Lo disse… NEWTON

Platone è il mio amico, Aristotele è il mio amico, ma il mio migliore amico è la verità.

Most Read Today – Più letti nelle 24 ore…

Attività editoriali per scrittori e autori

3 Comments on 21-09-2016 Autunno in Poesia. Da Federico García Lorca a Pasternak

  1. daniela manca // 22 September 2016 at 07:52 // Reply

    Poesia Nazim Hikmet
    Concerto in do minore n.1 di J. S. Bach –

    Nazim Hikmet viaggiava molto e veniva molto spesso in Italia

    Mattino d’autunno nella vigna
    fila per fila ceppo per ceppo i ceppi si ripetono
    e i grappoli sui ceppi
    e gli acini sui grappoli
    e la luce sugli acini.

    La notte nella casa grandissima e bianca
    una luce dentro ciascuna
    le finestre si ripetono

    tutte le piogge che cadono si ripetono
    sul suolo sull’albero sul mare
    sulla mia mano il mio viso i miei occhi
    e le gocce si schiacciano sul vetro

    rinnovamento dei miei giorni
    simili gli uni agli altri
    differenti gli uni dagli altri

    ripetersi dei punti a maglia
    ripetersi nel cielo stellato
    in tutte le lingue ripetizioni dei «t’amo»
    e nelle foglie il rinnovamento dell’albero
    e in ogni letto di morte il dolore
    per la vita troppo breve

    ripetersi della neve
    che cade
    della neve che cade leggera
    della neve che cade a fiocchi
    della neve che fuma come la nebbia
    disperdendosi nella tempesta
    che imperversa
    ripetersi della neve che mi sbarra il cammino

    i bambini giuocano nel cortile
    nel cortile giuocano i bambini
    una vecchia passa nella strada
    nella strada una vecchia passa
    passa una vecchia nella strada.

    La notte nella casa grandissima e bianca
    una luce dentro ciascuna
    le finestre si ripetono

    sui grappoli, rinnovamento di acini
    sugli acini, la luce

    camminare verso il giusto e il vero
    combattere per il vero, il giusto
    conquistare il giusto, il vero

    le tue lacrime mute e il tuo sorriso, mio amore,
    i tuoi singhiozzi i tuoi scoppi di risa, mio amore,
    il ripetersi del tuo riso
    dai denti bianchi
    brillanti

    il mattino d’autunno nella vigna
    fila per fila nodo per nodo i ceppi si ripetono
    sui ceppi, i grappoli
    sui grappoli, gli acini
    sugli acini, la luce
    nella luce. il mio amore.

    Il miracolo del rinnovamento, mio cuore,
    è il non ripetersi del ripetersi.

    Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: