LA BARBA DI DIOGENE, Dublin (EIRE) – 17 Years Online. Leggi l'ultimo pezzo pubblicato...

Un ricordo di Ariel Sharon in cinque aforismi

Essendo uno che ha lottato in tutte le guerre di Israele e che ha imparato sul campo che senza un’adeguata forza noi non abbiamo alcuna possibilità di sopravvivere in questa regione che non mostra misericordia per i deboli, ho anche imparato dall’esperienza che la spada non potrà risolvere la sfida più difficile in questa terra (ottobre 2004).

2) Non ci piace la parola, ma ciò che sta accadendo è una occupazione – si stanno tenendo 3.5 milioni di palestinesi sotto occupazione. Credo che questa sia una cosa terribile per Israele e per i palestinesi (alla CNN, il 26 maggio 2003).

3) Se vogliamo ottenere una pace vera, una pace reale, una pace che duri per generazioni, dovremo fare dolorose concessioni. Non per ricevere in cambio promesse ma in cambio della pace (aprile 2003).

4) Credo che gli ebrei e gli arabi possano vivere insieme. Non è una cosa facile ma credo che si possa trovare un accordo. Non voglio fare finta di parlare con gli arabi perché incontro gli arabi qui o nel nostro cortile di casa. Vorrei stare attento a non fingere ma ritengo di essere uno dei pochi presenti qui, in questa occasione, che avrà il potere e la forza di dire ai cittadini di Israele ciò che debbono fare e di fare compromessi, dolorosi compromessi – di guardarli direttamente negli occhi e di dirglielo (5 novembre 2005).

5) Anche da bambino non ho mai pensato che gli ebrei potessero vivere un giorno in Israele senza  gli arabi, o separati dagli Arabi (da Warrier).

Libera traduzione in italiano Rina Brundu.