Advertisements
PAIN IS TEMPORARY PRIDE IS FOREVER. Rosebud, Dublin (EIRE) – Year 9. Breaking News

Il caso. Ma come scrivono sul “Fatto”? E che giornalismo è questo?

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti (Jacques Séguéla)

Il giornalista è stimolato dalla scadenza. Scrive peggio se ha tempo. (Karl Kraus)

fatto1legalese

A parte il linguaggio utilizzato, condito di “legalese” e di “secondariamente” come fossimo al bar, qualcuno riesce a spiegarmi la logica nel ragionamento-giornalistico in questo paragrafo dell’articolo de Il Fatto Quotidiano dedicato alla direttiva del Viminale sui migranti?

Domande:

  • Il redattore scrive (1) “quando si dice che impedire lo sbarco è funzionale a impedire il conseguimento del profitto dei trafficanti è evidente che non ci sono basi fattuali all’affermazione”. Evidente? A me non pare, a me pare evidente cosa intenda la direttiva, peraltro la logica discorsiva nel contesto è alla portata del comprendonio di un bambino. Se la si pensa diversamente bisogna portare cifre, numeri, dati.. non scrivere che è evidente a scazzo…
  • Ma a proposito di logica… dove la si trova in questa scrittura: “Secondariamente, se i migranti vengono riportati indietro, se sopravvivono subiscono un nuovo ricatto e quindi i trafficanti incassano due volte”. Fine dell’articolo. Chi l’ha detto che incassano due volte? Dove? Si spieghi… Ci dica come incassano due volte, non ci lasci nel dubbio… Ed è sicuro della cosa o scrive tanto per fare? Se ha prove perché non le consegna a chi di dovere?

Cappero, mai visto una roba così… e mi sono limitata a presentare l’ultimo paragrafo perché di più non si riuscirebbe….

D’accordo che il giornalismo di questi tempi è quello che è, ma saper scrivere e saper razionalizzare sono le conditio-sine-qua-non… altrimenti bisognerebbe occuparsi d’altro, non spendere inchiostro per imbastire improbabili voli pindarici etici.

Ricordare anche che il giornalismo è diverso dall’opinionismo perché si basa, o si dovrebbe basare, sui fatti, mi pare pure inutile… sic!

Ma Travaglio il pezzo l’ha visto?

(1) Preciso, anche se non dovrebbe essere necessario precisarlo, che se anche questa fosse una dichiarazione dell’intervistato, come ritengo che sia, spetta al redattore gestirla scritturalmente e giornalisticamente, insomma, siamo all’ABC.

Advertisements