PAIN IS TEMPORARY PRIDE IS FOREVER. Rosebud, Dublin (EIRE) – Year 9. Breaking News

Eroine civili

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti (Jacques Séguéla)

Il giornalista è stimolato dalla scadenza. Scrive peggio se ha tempo. (Karl Kraus)

greta.jpg

A pelle c’è qualcosa che non mi piace nell’avventura mediatica di Greta Thunberg, la giovane attivista svedese balzata all’onore delle cronache per le sue “battaglie ambientaliste”. Non dubito infatti che la sua “guerra” sia iniziata per sacrosante ragioni quali sono quelle che vogliono creare una società più cosciente e responsabile del destino ultimo del nostro pianeta, ma a generare perplessità è la maniera in cui è proseguita tale “mobilitazione”.

Il dubbio è legittimo dato che viviamo tempi digitali in cui tutto ciò che sembra interessare a un buon 95% degli individui è la popolarità, la viralità. Peraltro non sono poche le notizie che vorrebbero una potente società di marketing impegnata a gestire codesta avventura mediatico-ambientalista, una società che starebbe già capitalizzando in soldoni su cotanto “impegno”, cosa che starebbe già facendo la stessa famiglia di Greta.

Insomma, pecunia non olet! E dove ci sono “soldi” non tarda a manifestarsi l’interesse politico e le usate pratiche da ancien-regime che conosciamo molto bene e che – senza severe regolamentazioni – hanno causato la caduta di molti miti-etici in passato. Dato che – proprio come dimostra il video di uno dei suoi discorsi più applauditi (in calce) – Greta è sicuramente uno spirito capace, forse sarebbe il caso che lei stessa facesse un passo indietro, si rifiutasse cioè di prestarsi a qualunque gioco mirante alla grana più che a risolvere i problemi del pianeta…

Di fatto solo così questa crociata ambientalista contro tutto il resto del mondo diventerà credibile e dunque condivisibile pure da chi le astuzie online le conosce molto bene… Anche per il Nobel c’è tempo, specialmente se consideriamo che i più grandi spiriti che hanno camminato tra noi non ne hanno mai vinto uno…

Rina Brundu