Advertisements
Rosebud, Dublin, Ireland – Year 7º. Breaking News

Centenario della Grande Guerra: LA LEGGENDA DEL PIAVE E DIMONIUS. Un omaggio alla Brigata Sassari. GRAZIE.

AFORISMI MEMORABILI – QUOTES TO REMEMBER

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti.
(Jacques Séguéla)

I NOSTRI AFORISMI – OUR QUOTES

 

La “volontà di potenza” renzista più che una degna pulsione infinita verso il rinnovamento, pare una sub-categoria delle filosofie motivazionali new-age in virtù delle quali se “thoughts become things” (i pensieri diventano cose) perché le parole non possono diventare fatti? Detto altrimenti, sembrerebbe che sia perfetta convinzione della corte renzista e di Matteo Renzi in particolare, che basti affermare l’essenza della realtà (pardon, di una data realtà, quella di cui sono convinti e di cui intendono convincere il popolo italiano) per definire quest’ultima. Da qui a venirne fuori con le anelanti e usate dichiarazioni che hanno costellato questi ultimi 30 mesi di laissez-faire politico, economico, amministrativo, il passo è breve: “Il Jobs Act è stato un successo”, “L’Expo è stato un successo”, “La Riforma costituzionale cambierà l’Italia”, “L’Italia è ripartita”… e in ultimo proprio l’odierno “Abbiamo dimostrato di non essere il problema”.

(Dal “Diario dai giorni del golpe bianco” di Rina Brundu, prossimamente).

78555-img

Advertisements

info@ipaziabooks.com

7 Comments on Centenario della Grande Guerra: LA LEGGENDA DEL PIAVE E DIMONIUS. Un omaggio alla Brigata Sassari. GRAZIE.

  1. francu pilloni // 24 May 2015 at 20:34 // Reply

    Questo pomeriggio a RAI1 c’era tutta una parata di storici a parlare della Grande Guerra. Non ho sentito una parola che parlasse di sardignoli o della brigata, né una lettera dal fronte o una citazione del capitano Lussu.
    Devono aver combattuto altrove.
    Su una trentina di testi citati, nessuno che parlasse in sardo.
    Allora, la vogliamo smettere con questa stupida retorica della brigata sassari e dintorni?
    Almeno che non vi consoli di essere sardi.
    Per un giovane, figlio credo di contessa, hanno avuto parole di rispetto e ammirazione, oltre che la lettura della poesia che in ricordo scrisse la madre per lui. Era un volontario e morì sul Carso, povero giovane.
    Per i tanti giovani del mio paese, nessuno dei quali era figlio di baronessa ma nemmeno figlio di puttana, che morirono sul Carso e sulla Bainsizza, nessun accenno, neppure collettivo, nessuna poesia o strofe di canzone. Una donna perse tutti e tre i suoi figli nel giro di dieci mesi. E nessuno di questi era andato volontario.

    Like

    • Perché credi li ricordi così tanto su questo sito?
      Perché di queste faccende ne so qualcosa… e spero un giorno di poterne scrivere (per adesso non riesco). Ma io so benissimo cosa hanno sofferto i ragazzi sardi nati a fine 1800….

      E fanculo ai critici di RAI1… ricordati che I soldati sardi sono i soli soldati italiani a cui gli inglesi (che di battaglie se ne intendono) hanno reso onore…
      Non si chiamavano dimonius per altri motivi…
      E mi fermo qui perché mi incazzo come una biscia.
      Ciao

      Like

      • Sarebbe stato meglio non avessi saputo di questa cosa… anche se ormai ho perso ogni rispetto da tanto per quella roba che sovvenzioniamo e chiamano Servizio Pubblico…

        Like

  2. francu pilloni // 25 May 2015 at 10:02 // Reply

    E ho visto che hanno continuato anche questa mattina con Massimo Ranieri che canta Ohi vita, Ohi vita mia, che poi è il ritornello di U’ surdato namorato, interpretata ieri da Anna Magnani con bel altro piglio.

    Like

    • Miglior cosa, mandami un pezzo indicando trasmissione e ospiti (nome e cognome) dei partecipanti a queste sceneggiate… che almeno si sappia. Ciao.

      Like

      • francu pilloni // 25 May 2015 at 14:47 //

        No, non ci perdo il mio tempo.
        Scusami, non ho più l’età per combattere i mulini a vento.

        Like

  3. D’accordo ma allora non bisogna lamentarsi. Queste “sconcezze” vivono del nostro silenzio.
    Fortuna che ciò che hanno fatto quei ragazzi sardi si vede di suo e non ha bisogno di alcuna agiografia mediatica per nobilitarsi.

    Like

Leave a Reply.... Lascia un commento...

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: