PAIN IS TEMPORARY PRIDE IS FOREVER. Rosebud, Dublin (EIRE) – Year 10. Breaking News

Epistemologia e scienza navigano in mare aperto

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti (Jacques Séguéla)

Il giornalista è stimolato dalla scadenza. Scrive peggio se ha tempo. (Karl Kraus)

210_FotoNeurathdi Michele Marsonet. “Immaginiamo dei marinai che, in mare aperto, stiano modificando la loro goffa imbarcazione da una forma circolare a una più affusolata. Per trasformare lo scafo della loro nave essi fanno uso di travi alla deriva assieme a travi della vecchia struttura. Ma non possono mettere la nave in bacino per ricostruirla da capo. Durante il loro lavoro stanno sulla vecchia struttura e lottano contro violenti fortunali e onde tempestose. Questo è il destino degli scienziati”. La metafora, di grande potere suggestivo, si deve a Otto Neurath, economista, sociologo e filosofo austriaco che fu, negli anni ’20 del secolo scorso, uno dei fondatori del Circolo di Vienna. E’ noto che tale Circolo rappresenta la fucina del neopositivismo logico, e cioé di quella corrente di pensiero che considera la riflessione sul metodo scientifico il compito principale – per non dire l’unico – della filosofia.

Partendo dal presupposto che la scienza, grazie agli enormi successi conseguiti negli ultimi secoli, è ormai diventata il paradigma del sapere, i neopositivisti (o neoempiristi) rovesciano i termini del dibattito filosofico tradizionale tacciando di “insensatezza” tutti gli asserti che non sono, in forma immediata o mediata, riconducibili all’ambito delle scienze empiriche e naturali.

Non a caso il “Manifesto” del Circolo di Vienna, pubblicato nel 1929, si intitola “La concezione scientifica del mondo”. Sfogliando le sue pagine leggiamo, tra le altre cose, che il chiarimento delle questioni filosofiche tradizionali conduce, in parte, a smascherarle quali pseudo-problemi, e in parte a convertirle in questioni empiriche soggette, quindi, al giudizio della scienza sperimentale. Ne consegue che se qualcuno afferma “esiste un dio”, oppure “il fondamento assoluto del mondo è l’inconscio”, i neopositivisti non rispondono che simili espressioni sono false, ma chiedono a loro volta: “che cosa intendi dire con i tuoi asserti?”. Risulta chiaro, allora, che esiste un confine preciso tra due tipi di asserzioni. All’uno appartengono gli asserti formulati nella scienza: il loro senso si può determinare mediante l’analisi logica. Gli altri, come i due citati sopra, si rivelano del tutto privi di significato.

Neurath, pur essendo uno dei fondatori del movimento, rappresenta anche l’esempio più clamoroso di trasgressione della “ortodossia” dell’empirismo logico. Proveniva infatti, a differenza degli altri membri del Circolo di Vienna (tutti matematici o fisici, oltreché filosofi) dal filone delle scienze storico-sociali. Il fatto non è di poco conto. Il neopositivismo si caratterizza in primo luogo per il tentativo di “ridurre” ogni modello di spiegazione a quello vigente nelle scienze empirico-naturali, e in particolare nella fisica. Di conseguenza tutte le altre discipline, e soprattutto quelle storico-sociali, a esso debbono uniformarsi di buon grado se davvero intendono porsi come scienze a tutti gli effetti. E’ allora chiaro che nessuna eccezione è consentita. Esiste “il” metodo scientifico fornito in primo luogo dalla fisica, e chiunque si collochi al di fuori di esso si trova ipso facto scaraventato nel grande e tempestoso oceano dell’improvvisazione e del non senso.

Il sociologo austriaco, pur facendo parte a pieno titolo del movimento, riuscì ben presto a intravedere con chiarezza tutti i presupposti che avrebbero poi condotto alla sua crisi. Neurath si rese conto che i problemi epistemologici delle scienze naturali e di quelle sociali devono essere inquadrati in una prospettiva unitaria che faccia ampio ricorso a tesi di carattere convenzionale e tralasci qualsiasi tentazione di assolutezza. La scienza, adottando un simile punto di vista, è certamente una costruzione unitaria, ma non nel senso voluto dal Manifesto dei Viennesi. La riduzione del metodo a quello della fisica non può fornire risultati positivi perché trascura del tutto la dimensione storico-sociale dell’impresa scientifica.

La prospettiva neopositivista classica va quindi rovesciata, concedendo alle discipline storico-sociali quella priorità epistemologica che i membri del Circolo attribuivano, senza nutrire alcun dubbio, alle scienze empirico-naturali. Nessuna ricostruzione razionale e nessuna codificazione del metodo scientifico può prescindere da un approccio semantico, storico e sociologico ai comportamenti, ai linguaggi, ai valori condivisi, alle procedure effettivamente adottate e alle decisioni metodologiche delle comunità scientifiche. Neurath, in altri termini, si batte contro la tesi – sostenuta tra gli altri da Bertrand Russell – secondo cui la completa accettazione di una dottrina filosofica dipende dalla sua verità, e sottolinea che la situazione sociologica di una data cultura o di un dato periodo storico è favorevole a certe forme di ideologia o di atteggiamento filosofico e sfavorevole ad altre.

Si può allora affermare che ha anticipato gli ultimi sviluppi dell’epistemologia contemporanea. Illuminanti risultano, a tale proposito, queste sue parole: “Gli scienziati sociali considerano talora la fisica come un Eldorado della esattezza e della univocità e suppongono che nell’ambito di queste discipline qualsiasi tipo di contraddizione risulti fatale per le ipotesi teoriche stesse. Essi pensano che ci sia una differenza essenziale fra le diverse discipline dal punto di vista della certezza dei loro fondamenti e dei loro risultati; non si rendono conto non solo che imprecisione, insufficiente informazione e contraddizioni sono presenti anche all’interno delle scienze naturali, ma che, in taluni casi, la previsione è meno agevole proprio nell’ambito di quest’ultime. Può accadere, ad esempio, che sia più difficile prevedere quale sarà l’andamento meteorologico del mese successivo che non il risultato di elezioni politiche che si svolgeranno nello stesso periodo”.

Se si considera che, da decenni, gli scienziati sociali sono afflitti da un complesso d’inferiorità nei confronti dei loro colleghi che operano nel campo delle scienze empiriche, è chiaro che la prospettiva neurathiana offre validi spunti per ripensare in toto lo sviluppo dell’epistemologia. Certo, è difficile per chi sia abituato a considerare la fisica come il paradiso della metodologia accettare questo punto di vista. Eppure, anch’essa è stata costretta a rinunciare a ogni atemporale “extra-territorialità” rispetto all’esperienza storica dell’homo sapiens, all’evoluzione delle culture, all’interazione con l’ambiente. Anch’essa naviga in mare aperto e, come adombrato nella bella metafora che ho citato all’inizio, ha bisogno di continue riparazioni. Il regno della sicurezza e della verità sfuma sempre più all’orizzonte. In conclusione occorre sempre rammentare che lo spirito scientifico è per sua natura critico e anti-dogmatico. Chi trascura questo fatto dimostra di non aver capito che è preferibile combattere contro violenti fortunali e onde tempestose piuttosto che affondare con il proprio carico di presunte certezze.

Featured image, Otto Neurath.

1 Comment on Epistemologia e scienza navigano in mare aperto

  1. Penso che il problema si superabile sottolineando che, nella politica economica sociale, “molti errori nascono dal non intendere la necessità dell’analisi per lo studio delle varie parti di un fenomeno concreto seguita dalla sintesi che è normalmente praticata nelle scienze naturali nel formulare le teorie”. Lo scriveva Vilfredo Pareto nel – Trattato di sociologia generale – Volume primo – §§ 32-36. Continuava col sostenere che “l’errore nasce nel negare la verità di una teoria, perché non spiega ogni parte di un fatto concreto; e, sotto altra forma, lo stesso errore sta nel volere includere in una teoria, tutte le altre teorie analoghe ed anche estranee”.
    L’errore è tanto più rilevante quanto sono numerose le variabili interessanti il fenomeno osservato, e soprattutto quando le costanti considerate sono difficilmente misurabili e collocabili nel processo di cause ed effetti nei e tra i fenomeni osservati. La difficoltà nel collegare le varie teorie ai fenomeni, i fenomeni tra di loro e risalire alle teorie attraverso i fenomeni è spiegata bene da Pareto considerando gli uomini, nel loro insieme, evolvono compiendo azioni NON LOGICHE.
    http://pibond.blogspot.it/p/linterdipendenza-dei-fenomeni-e-tra-i.html

Comments are closed.