Breaking News

Rina Brundu

 

rbRB 27 June 2015, Ardersier, Inverness, Scotland

mprb9sett2015Massimo Pittau e Rina Brundu, 9 settembre 2015

rb-cut-25-giugno-2016-colorRina Brundu, 25 giugno 2016, in Dublino. Al cinema per “Independence Day: Resurgence

BIOGRAFIA / BIOGRAPHY

Sono nata in Sardegna nel 1968 e dal 1997 ho sempre vissuto a Dublino, in Irlanda. Sono laureata in lingue ma professionalmente sono nata tra le aziende che hanno fatto vivere il boom tecnico della fine degli anni 2000 e ho lavorato sia come consulente tecnico che come manager amministrativo.  Attualmente sono una imprenditrice e un editore. Da sempre mi interesso di scrittura, letteratura e giornalismo, di critica testuale. Il mio primo libro fu pubblicato nel 2003 dalla Flaccovio Editore (Palermo) ed era titolato Tana di Volpe. Si trattava di un romanzo scritto con le linee guida del giallo classico. A quel tempo organizzavo anche due premi letterari: L’indizio Nascosto, dedicato al giallo e Il Premio Gennargentu dedicato al romanzo. Agli inizi degli anni 2000 ho creato il termine “giornalismo online” e da allora in poi mi sono sempre interessata molto di giornalismo digitale: ho pubblicato in diverse riviste e giornali. Dal 2004 ho animato dei siti letterari: Terza Pagina World e Giallografia (2004 – 2010), Rosebud – Critica, Scrittura, Giornalismo online (2010 -2016). Il magazine multilingue Rosebud – Arts, Critique, Journalism é nato nel novembre 2016, così come la rivista letteraria L’Approdo. Tutti questi siti sono vissuti della partecipazione di centinaia di scrittori: italiani e stranieri. Contestualmente ho continuato a scrivere e a dedicarmi ad una variegata serie di attività. Ho moltissimi interessi: amo la fisica quantistica, l’archeologia, il cinema sci-fi. Qui di seguito troverete ulteriori dettagli. Chi volesse contattarmi può farlo usando questo modulo qui linkato.

I was born in Sardinia (Italy) in 1968 and I moved to Dublin (Ireland) in 1997, where I still live. I graduated in Modern Languages, but from a professional point of view I was born during the technical boom of the last century when I worked both as technical consultant and as administrative manager. I am currently an entrepreneur and a publisher. I have always had a strong interest in writing (my first book was published in 2003), literature, online journalism, critique. Since 2004 I have had online literary magazines, where hundreds of authors from all over the world have published their works, and I have carried out intense related cultural activities by organizing literary prizes, publishing reviews, articles, and recently publishing a literary review. I have many interests among which quantum physics and sci-fi cinema. More details can be found here below and should you wish to get in touch with me you can use this CONTACT form.

OTHER INTERNET PAGES

WIKIPEDIA ITALIA

WIKIPEDIA IN ENGLISH

AMAZON PAGE (USA)

AMAZON PAGE (UK AND IRELAND)

RINA BRUNDU CRITIQUE

IPAZIA BOOKS

Twenty rules for writing a detective novel  by Rina Brundu

Veinte reglas para escribir una historia de detectives (Spanish version)

AFORISMARIO

AFORISMI 2016

BIBLIOGRAPHY – BIBLIOGRAFIA

  • Tana di Volpe (in Italian), Palermo, D. Flaccovio, 2003. ISBN 88-7758-485-8
  • Isole, Scritture Letterarie, Momenti d’Ogliastra (in Italian), Cagliari, Grafica del Parteolla, 2006. ISBN 88-88246-97-5
  • La Torre del Nuraghe (in Italian), Ogliastra, Terza Pagina Edizioni, 2011. ISBN 88-903439-8-8
  • Twenty rules for writing detective stories, CADS 54, UK.
  • Filosofia dell’Anima – Sidhe, Dublin, Ipazia Books, 2014, ASIN: B01ENC94MK
  • FORMAZIONE PRESCOLARE – DALLE ORIGINI AL VILLAGGIO GLOBALE, Rina Brundu, Ipazia Books, 2015, ASIN: B0121M2J0S
  • Urla 2. Una silloge, Dublin, Ipazia Books, 2015, ASIN: B018W98DXQ
  • Spoon River d’Ogliastra, Rina Brundu, Ipazia Books, 2016, ASIN: B01A75MVSQ
  • Urla 3. CAMBIO, una silloge, Dublin, Ipazia Books, 2016, ASIN: B01M0GU0CD
  • Aforismario, Dublin, Ipazia Books, 2016, ASIN: B01LXEUFD5
  • Filosofia dell’anima – ELIA, Dublin, Ipazia Books, 2016, ASIN: B01MQ2B0IA
 

OLD DATA RELATED TO THE PUBLICATION OF MY FIRST BOOKS “TANA DI VOLPE” (2003) AND ISOLE (2005)

Tana di Volpe, Dario Flaccovio Editore, 2003.

Tana di Volpe arrivò finalista al Premio Tedeschi della Mondadori

Recensioni a Tana di Volpe:

SARDEGNAELIBERTA.IT (luglio 2005)

“Il primo romanzo di Rina Brundu – sarda trasferitasi in Irlanda dove lavora nel settore informatico – è un giallo classico, alla Christie per intenderci, risolto secondo il criterio della deduzione scientifico-psicologica. I fatti narrati si svolgono durante l’ultima settimana di novembre del 2000 e il luogo deputato ad accogliere i numerosi personaggi è l’Hotel Tana di Volpe, albergo di lusso appena ultimato e completamente informatizzato che si trova nel territorio di Villarosa (paesino della Sardegna dell’interno inventato dalla Brundu), circondato dai boschi e sovrastato dai monti del Gennargentu. Per la sua posizione solitaria fa comodo a chi ha bisogno di una base nascosta, mentre per qualcun altro rappresenta una trappola mortale: ‘Anche l’ultima preda era entrata nella tana’. E infatti la vita tranquilla del borgo ogliastrino precipita nel vortice della paura a causa di due omicidi, uno dei quali avviene proprio all’interno del nuovo albergo, da dove partono le indagini dirette dal maresciallo Vinci, coadiuvato dall’amico Osvaldo (maestro in pensione, bibliotecario volontario, appassionato di enigmistica, esperto di informatica), e che devono far luce anche sulla scomparsa dell’ex parroco atteso inutilmente in albergo. La catena di omicidi si incrocia con un traffico di reperti archeologici appena rubati dal museo di Nuoro. Una nevicata straordinaria blocca tutti all’interno del Tana di Volpe che diventa un centro operativo delle forze dell’ordine. L’autrice tende una fitta rete di richiami interni e qualche tranello per il lettore che, fra misteri e delitti, può comunque gustare delle scenette esilaranti. La connotazione sarda emerge nell’uso della lingua (nella variante ogliastrina) in espressioni colloquiali e proverbiali, nella presenza delle peculiarità archeologiche, nel raffronto tra la vivibilità delle coste e delle montagne soprattutto per l’influsso di queste ultime nella psicologia dei sardi dell’interno. L’attenzione per la Sardegna più nascosta e soprattutto per la sua terra d’origine è sottolineata dalla Brundu anche nella postfazione: ‘L’Ogliastra di oggi è l’ultima frontiera dell’Italia, forse dell’Europa’ per la violenza, la disoccupazione, il disinteresse degli amministratori, ‘i signorotti nepotisti’, la necessità di emigrare”. Miriam Punzurudu

ROBERTOMISTRETTA.IT (agosto 2004)

“Ambientato in una Sardegna insolita, ammantata di neve ‘Tana di Volpe’ (dal nome dell’albergo dove si svolge la vicenda), è un classico giallo, à la Christie, che si dipana tra misteri, delitti e furti di reperti nuragici. La sua autrice, nome completo Rina Brundu Eustace, vive e lavora in Irlanda e questo è il suo libro d’esordio nella narrativa dove si era già fatta notare come finalista al Premio Tedeschi giallo inedito Mondadori. La struttura narrativa di ‘Tana di Volpe’, albergo dove alcuni ospiti si ritrovano a seguito di un appuntamento in realtà mai dato, è corposa, lo stile suggestivo e l’autrice mostra la sua abilità creativa e una vis narrativa sorprendente costruendo sapientemente tutti i passi e personaggi nella conferma di una sua idea di fondo perché tutto abbia un nesso e un collegamento. Protagonista ed investigatore che darà una mano risolutiva al maresciallo Vinci a venire a capo degli omicidi che insanguinano il ‘Tana di Volpe’, è don Osvaldo Da Silva, che troverà nei commenti dell’amata moglie Palmira, la chiave per penetrare il fosco mistero che affonda le sue radici in un dramma antico a riprova che si può vivere un’intera vita con l’ossessione della vendetta rimuginata e architettata dentro se stessi, e pur tuttavia vivere in pace apparente con la società e col mondo”. Roberto Mistretta

LA SICILIA (4 marzo 2004)

“La struttura è corposa, lo stile suggestivo e l’autrice mostra la sua abilità creativa e una vis narrativa sorprendente, costruendo sapientemente tutti i passi e i personaggi nella conferma di una sua idea di fondo perché tutto abbia un nesso e un collegamento”.

ISOLASARDA.COM (luglio 2003)

“L’autrice, nella postfazione – ma anche tra le righe del romanzo – dà voce ad una Sardegna dimenticata, afflitta dalla sordità dei suoi amministratori alle istanze della popolazione e martoriata da un crescendo di criminalità che non dà tregua e mortifica le speranze di crescita”.

LA REPUBBLICA – PALERMO (30 giugno 2003)

“…Tana di Volpe, romanzo d’esordio di Rina Brundu, un giallo d’atmosfera che sembra risentire della lezione di Dessì e di Marcello Fois nella descrizione dei paesaggi, nella presenza muta della natura…”

GAZZETTA DI MANTOVA (22 giugno 2003)

“Un whodunit classico, dal sapore inglese”.

STILOS (17 giugno 2003)

“Un giallo classico… che si dipana tra misteri, delitti e furti di reperti archeologici”.

ANSA (giugno 2003)

“Il cuore della narrazione si svolge all’interno di un albergo, isolato a causa di una nevicata imponente, in una Sardegna ben diversa da quella balneare e vacanziera dell‚immaginario collettivo. Ed è infatti all’entroterra, quello dell‚Ogliastra, e ai suoi problemi che l’autrice, nella postfazione, sottolinea di voler dare voce”.

AGI (giugno 2003)

“Quello di Rina Brundu, esperta di tecnologia informatica originaria del Nuorese e residente in Irlanda, è un classico giallo ‘a chiave’ con un’ambientazione insolita: una Sardegna montana e innevata in cui si susseguono delitti e furti d’opere d’arte”.

LA PROVINCIA PAVESE (2003)

“Il primo mistery sardo in salsa British… In questo secondo volume della collana Gialloteca c’è la passione per due mondi lontani e diversi: quello per la cultura e le tradizioni dell’entroterra sardo, dove il romanzo è ambientato, e anche quello per in cui l’autrice vive e lavora”.

______________

ISOLE – SCRITTURE LETTERARIE MOMENTI D’OGLIASTRA, EDIZIONI DEL PARTEOLLA, 2006.

Articoli dedicati ad ISOLE su LA NUOVA SARDEGNA, L’UNIONE SARDA, NAE Rivista universitaria, L’Ortobene di Nuoro.

_____________

LA TORRE DEL NURAGHE, TERZA PAGINA EDIZIONI, 2011.

__________________

Twenty rules for writing a detective novel by Rina Brundu (English version)

Source: http://www.twbooks.co.uk/crimescene/20ruleswritingdetectivenovel.htm

Veinte reglas para escribir una historia de detectives (Spanish version)

Source:http://www.monografias.com/trabajos65/reglas-historia-detectives/reglas-historia-detectives.shtml

Vint regles per escriure una història de detectius  (Catalan version)

Source:http://www.e-scriptorium.eu/cat/index.php?option=com_content&task=view&id=354&Itemid=46

Двадцать правил для пишущих детективы (cirillico)

Venti regole per scrivere un giallo di Rina Brundu

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Un disegno e una poesia che mi hanno dedicato.

Donna che legge di Marco Josto Agos (un grazie al padre per il pensiero, soprattutto per la maniera con cui ricorda la memoria di Marco).

Un componimento in sardo di un tal Sardiliu da Melbourne

Una Biddanoesa, Brundu Rina,

tenit cultura, esti intraprendenti;

prus de is atrus esti issa sapienti

ca da interrogant su rei e sa reina.

A issa appu domandau una informatzioni

e m’ari arrispostu in unu mengianu;

mancu su tempus de fai collatzioni

e deu iscia su certu, su incertu e su stranu.


COSE CHE AMO O MI INTERESSANO – SOME OF THE “STUFF” THAT I LIKE 

(lista meramente indicativa)

Romanzi-Saggi

La metamorfosi di Franz Kafka

Il principe di Niccolò Machiavelli

Cien años de soledad di Gabriel Garcia Marquez

Cenere di Grazia Deledda

Le radici storiche dei racconti di fate di Vladimir Propp

Dipinti

L’urlo di Edvard Munch

L’isola dei morti di Arnold Böcklin

Scrittori-saggisti

Franz Kafka

Oscar Wilde

James Joyce

Virginia Woolf

Christa Wolf

Heinrich Boell

Grazia Deledda

Giovannino Guareschi

Antonio Gramsci

Edgar Allan Poe

Umberto Eco

Giornalisti

Oriana Fallaci

Indro Montanelli

Giampaolo Pansa

Marco Travaglio

Moreno Morello

Attori

Totò

Tina Pica

Alberto Sordi

Sophia Loren

Christian De Sica

Film

Ivan il Terribile di Sergei Eisenstein

Das Cabinet des Dr. Caligari di Robert Wiene

Independence day di Roland Emmerich

Rebecca, la prima moglie di Alfred Hitchcock

Registi

Sergei Eisenstein

Alfred Hitchcock

John Ford

Federico Fellini

Eugene Wesley Roddenberry (un produttore e un mito)

James Cameron

Characters

Uncle Scrooge (lo zio Paperone di Karl Barks e dei grandi vignettisti italiani)

Sheldon Cooper (l’unico e il solo)

Lieutenant Commander Data (Star Trek – The Next Generation)

Mrs Doyle (Father Ted)

Ragionier Ugo Fantozzi

Tristram Shandy

Scrooge

Volpone di Ben Johnson

Don Chisciotte

Don Camillo e Peppone

Don Osvaldo e Palmira Palmas

Sit-coms

The Big Bang Theory

Father Ted

Fawlty Towers

George and Mildred

Keeping up appearances

The Jeffersons

Sonetto preferito all’università

One day I wrote her name upon the strand

Edmund Spenser (c. 1552 – 13 January 1599)

One day I wrote her name upon the strand,

But came the waves and washed it away:

Again I wrote it with a second hand,

But came the tide, and made my pains his prey.

Vain man, said she, that dost in vain assay

A mortal thing so to immortalize!

For I myself shall like to this decay,

And eek my name be wiped out likewise.

Not so (quoth I), let baser things devise

To die in dust, but you shall live by fame:

My verse your virtues rare shall eternize,

And in the heavens write your glorious name;

Where, whenas death shall all the world subdue,

Our love shall live, and later life renew.

Materie

La fisica

La filosofia

La linguistica

La semiotica

Anche la letteratura se non fosse una mera opinione.

L’archeologia

Il giornalismo

Scienziati

Ed Witten

Brian Greene

Stephen William Hawking

Leonard Susskind

Una cosa per cui vivere

L’insostenibile leggerezza dell’Essere.

Una cosa per cui morire

L’insostenibile leggerezza dell’Essere.

Cose che non avrebbe potuto essere altrimenti….

La Settimana Enigmistica

Goldrake

La regina del vento

Le formiche ai piedi della montagna

La scrittura di Kafka

Dante

Il Corvo di Poe

Achab

I balli sardi tanto tempo fa

I pic-nic in su Sartu e Josso

I racconti della nonna

Il bosone di Higgs

Musica

L’inno di Mameli

Dimonios – L’inno della Brigata Sassari

Nanneddu meu

Caruso di Lucio Dalla

Ancora di Eduardo De Crescenzo

Perdere l’amore di Massimo Ranieri

Tutto Battisti

Tutto De André

De Gregori

Tutta la musica classica

Persone che ammiro

Nick Vujicic

Totò

La pagina di Wikipedia di Nick Vujicic http://en.wikipedia.org/wiki/Nick_Vujicic

Attendo con impazienza…

I capelli bianchi, il tempo (soprattutto il tempo) e la saggezza per scrivere come credo di saper fare. So che verranno tutte queste cose. Un giorno.

COPERTE LINKATE – COVERS CLICK HERE FOR THE COMPLETE LIST

APHORISMS PAGE

POEMS PAGE

amica

poetascalza-come-gitana

 

red-rose-blooming-o

grav3

Dedicato – Più di ieri meno di domani 31/12/2015

rbklingon

Rina Brundu in… Klingon

autorerinabrundu21