LA BARBA DI DIOGENE, Dublin (EIRE) – 17 Years Online. Leggi l'ultimo pezzo pubblicato...

Della saggezza senza tempo dell’immenso filosofo Diogene

diogenes_looking_for_a_man_-_attributed_to_jhw_tischbein[Interrogato su quale fosse la cosa più bella tra gli uomini] La libertà di parola.
[Mentre si masturbava in un luogo pubblico] Magari potessi placare la fame, stropicciandomi il ventre.
[Interrogato sul perché chiedesse qualcosa ad una statua] Mi alleno a chiedere invano.
[Quando Perdicca minacciò di ucciderlo se non fosse andato da lui] Nulla di straordinario: anche uno scarafaggio e una tarantola saprebbero far questo.
[Ad un tale che gli disse: «Non sono adatto alla filosofia»] Perché vivi se non ti curi di vivere bene?
[Interrogato su quale sia il tempo opportuno per sposarsi] Quando si è giovani non ancora, quando si è vecchi mai più.
[Interrogato su quale vino bevesse volentieri] Quello degli altri.
[Interrogato su quale vantaggio avesse tratto dalla filosofia] Se non altro, l’essere preparato ad ogni evento.
[Interrogato su dove nell’Ellade avesse visto uomini buoni] Uomini buoni in nessun luogo, ragazzi buoni a Sparta.

[Andando in giro di giorno con la lanterna accesa] Cerco l’uomo.
[Interrogato su quale fosse la sua patria] Cittadino del mondo.
[A chi riteneva beato Callistene perché godeva degli sfarzi di Alessandro] È certo infelice, perché fa la colazione e il pranzo quando fa comodo ad Alessandro.
[A chi diceva che il popolo di Sinope l’aveva condannato all’esilio] Ed io lui a rimanere a casa.

%d bloggers like this: