PAIN IS TEMPORARY PRIDE IS FOREVER. Rosebud, Dublin (EIRE) – Year 10

GIORNO DELLA MEMORIA – OGNI ANZIANO HA IL DOVERE DI RICORDARLO ALLE NUOVE GENERAZIONI e ANNA FRANK

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti (Jacques Séguéla)

Il giornalista è stimolato dalla scadenza. Scrive peggio se ha tempo. (Karl Kraus)

anne-frank-tichting-amsterdam-website-anne-frank-stichting-amsterdam-public-domain-via-wikimedia-commons-croppedjpg

di Raffaele Pisani.

27  GENNAIO,  IL  GIORNO  DELLA  MEMORIA

Ognuno di noi anziani, per quello che può, deve contribuire ad informare e testimoniare alle nuove generazioni l’orrore e la tragedia dell’Olocausto, il genocidio di cui si resero responsabili i nazisti e i loro alleati sterminando circa sei milioni di Ebrei. Ho trovato tra le antiche carte un pensiero scritto da un vecchio scugnizzo una sessantina di anni fa. E’ dedicato ad Anna Frank, la bambina simbolo di tanta tragedia e vittima innocente della diabolica cattiveria della parte peggiore dell’uomo, di tutti quegli uomini che non davano alcun valore alla vita ed hanno fatto vivere all’umanità intera il più terribile periodo di atrocità. Miserabili disgraziati non degni di appartenere a quel genere umano pensato e creato da Dio. Affinché nessuno dimentichi e nulla di quel periodo cada nell’oblio, abbiamo il dovere di ricordarlo per dare forza alla sensibilità di tutti coloro che, a prescindere dal proprio credo politico e religioso, ancora danno valore ai grandi ideali di libertà, di giustizia e di pace.

ANNA  FRANK

Nun te pozzo guardà, cielo, stasera!

E a tte, nuttata ‘e luna,

e a vvuje, stelle d’argiento,

nun pozzo fa’ arrivà ‘e suspire mieje.

E nun te sento,

addore ‘e giesummino.

E nun ve veco, palummelle janche

ca pazziate

for’a ‘sta loggia…

‘E passe io sento

‘e ll’uommene assassine

d’’a libertà.

‘E ssento… ‘e ssento…

E sempe cchiù vicino…

Vòttano ‘nterra ‘a porta ‘e nu suppigno…

Stracciano ‘o core ‘e na figliola… Dinto

a n’àttemo sti bestie so’ capace

‘e lle sceppà da ‘e llabbra ogni surriso…

d’’a giuventù ll’accidono ogni suonno…

E ‘o viento tegne ‘e morte

l’alba ca sta pe’ nascere…

Ma dint’’a storia resta nu quaderno…