Advertisements
PAIN IS TEMPORARY PRIDE IS FOREVER. Rosebud, Dublin (EIRE) – Year 9. Breaking News

欢迎 Presidente Jinping! Sul bilaterale Cina-Italia. Se si scomoda anche la BBC

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti (Jacques Séguéla)

Il giornalista è stimolato dalla scadenza. Scrive peggio se ha tempo. (Karl Kraus)

cnn

Image source CNN

Accade di rado che la rassegna Stampa della BBC includa una notizia riguardante l’Italia; ancora più rare sono le discussioni mattinali a proposito dell’agenda nella nostra politica estera. Oggi però il Bel Paese si è guadagnato il posto d’onore e le due compite conduttrici si interrogavano: cosa dobbiamo pensarne del primo Paese del G7 che stringe legami commerciali più stretti con la Cina? Cosa sta facendo l’UE a questo proposito? E Trump? Basteranno i suoi avvertimenti neppure troppo sussurrati all’Italia sulla “pericolosità” si simili liaisons?

Ciò che è apparso subito chiaro è che nell’aria c’era anche un’altra domanda mai formulata dalle giornaliste britanniche: perché non siamo noi in questa situazione? Noi che con la deadline Brexit programmata per il 29 marzo, ne avremmo forse più bisogno? Non a caso poi l’argomento Brexit ha ripreso il suo tradizionale ruolo in prima fila nella rassegna informativa come accade ormai, puntualmente, da mesi e mesi.

Resta il fatto che, vista da queste latitudini, l’odierna visita del presidente cinese in Italia appare come una curiosa occasione ghiotta per la nostra nazione: finalmente ci presentiamo a un qualche appuntamento internazionale come Paese libero, come Paese indipendente, come Paese capace di guardare verso il futuro senza dimenticare il suo passato.

Certo, non bisognerebbe neppure scordare che la grande nazione cinese non è tutto questo paradiso in terra che si vuol far credere, soprattutto quando guardiamo allo spinosa questione dei diritti umani, ma è pur vero che la Cina in questi anni ha fatto sostanziali passi avanti in ogni direzione e che comunque non si ottiene nulla con la chiusura a prescindere.

Peraltro, il Paese-di-mezzo è una rara nazione che ha una storia, anche politica, forse più lunga di quella vissuta dalla nostra penisola, nonché una predisposizione mentale totalmente immune al concetto di subalternità intellettuale e culturale, sarà meglio dunque che ce ne facciamo una ragione subito:

欢迎 Presidente Jinping!

Rina Brundu

 

Advertisements