Advertisements
PAIN IS TEMPORARY PRIDE IS FOREVER. Rosebud, Dublin (EIRE) – Year 9. Breaking News

Forse non tutti sanno che… L’APPELLATIVO ‘SCARPA’ deriva dall’etrusco

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti (Jacques Séguéla)

Il giornalista è stimolato dalla scadenza. Scrive peggio se ha tempo. (Karl Kraus)

 

 

 

uno studio di Massimo Pittau.

L’appellativo ital.scarpa’, coi suoi derivati ‘scarpina/o’, ‘scarpinare’, ‘scarpone’, ‘scarpata’, è fino al presente di origine ignota. È ben vero che è ampiamente condivisa dai linguisti l’ipotesi di una “origine germanica” dell’appellativo, ma io la respingo con decisione per il motivo che essa è il solito espediente e ripiego, infondato e non accettabile, al quale sono soliti ricorrere parecchi etimologi quando non riescono a trovare altre soluzioni etimologiche per vocaboli da loro studiati.; es. DELI, Etim). Invece comunemente si tratta di lessemi di ‘origine etrusca’, i quali risalgono al sostrato linguistico etrusco. Questo è localizzato prevalentemente in Toscana e nel Lazio settentrionale, ma dopo si è allargato a sud fino a Capua e a nord fino alla pianura padana e all’intero arco alpino. Si tratta pertanto di un sostrato linguistico molto vasto nello ‘spazio’, che si è assestato per circa 10 secoli nel ‘tempo’ e che ha raggiunto il numero di circa 12 mila iscrizioni e 8 mila differenti lessemi in fatto di ‘entità’. Nessun’altra lingua di sostrato si avvicina neppure di lontano a raggiungere questi termini di ‘numero, vastità e durata’.

Oltre a ciò, dagli accuratissimi studi effettuati da Silvio Pieri sulla toponomastica della sola Toscana (TVSL, TVA, TTM) (ma escluso il Lazio), risulta che sono di probabile origine etrusca ben 478 toponimi.

D’altra parte è un fatto che la vulgata spiegazione “germanica o gotica” lascia molto da desiderare soprattutto sul pianto semantico: DELI: germanico *skarpa ‘tasca di pelle’; DEI 3376: gotico *SKRAPA ‘appoggio’. È inoltre inaccettabile un’altra ipotesi che è riassunta dall’Etim di Alberto Nocentini.

Ecco invece le corrispondenze linguistiche fra l’appellativo ‘scarpa’ ed i suoi derivati con lessemi etruschi: SCARPE, SCARPINI, SCARPUNIES (TLE 19; diviso e letto male *CARPUNIES) (ThLE² 77, i quali corrispondono perfettamente e chiaramente agli appellativi ital. ‘scarpa’, ‘scarpino’ e ‘scarpone’.

Sono inoltre da citare alcuni toponimi toscani: Scarpulla (TVA 46) che è da confrontare col gentilizio etr. SCARPUNIE(-S), avendo probabilmente il significato di «scarpaccia»; Scarpernata (TTM 37) da confrontare col gentilizio etr. SCARPINI (ThLE 356), avendo probabilmente il significato di «scarpata sul terreno» (a mio avviso questo significato “strano” deriva dal dislivello che esiste fra la pianta di una scarpa ed il suo tacco).

Infine è da citare l’altro toponimo toscano Scarperia (Scarperìa, anticamente La Scarperia; in passato anche Scarpignana; comune della città metropolitana di Firenze). A me sembra che si debba pensare ad un borgo che aveva parecchie ‘calzolerie’ e costituiva pertanto un ‘mercato delle scarpe’.

D’altra parte è a tutti noto che la Toscana conserva ancora una lunga e radicata tradizione della lavorazione di scarpe di lusso e di oggetti in pelle, come le cinture e le borse.

Oltre a ciò, in termini storico-culturali, è da ricordare che i Greci citavano come famosi i sandália tyrrheniká «sandali tirreni od etruschi».

Bibliografia essenziale con sigle

AEI       Devoto G., Avviamento alla etimologia italiana, Firenze 1968².

CIE       Corpus Inscriptionum Etruscarum.

CII       Corpus Inscriptionum Italicarum.

CIL       Corpus Inscriptionum Latinarum.

DEI       Battisti C. – Alessio G., Dizionario Etimologico Italiano, I-V, Firenze 1950-1957.

DELG      Chantraine P., Dictionnaire Étymologique de la Langue Grecque – Histoire des mots, I-II, Paris 1968-1980.

DELI     Cortelazzo M. – Zolli P., Dizionario Etimologico della Lingua Italiana, I-V, Bologna 1979-1988; DELI² II ediz. a cura di M. Cortelazzo e M. A. Cortelazzo, col soprattitolo Il nuovo etimologico, 1999.

DELL     Ernout A.  Meillet A., Dictionnaire Étymologique de la Langue Latine, IV édit., IV tirage, Paris 1985.

DICLE    Pittau M., Dizionario Comparativo Latino-Etrusco, Sassari 2009 (Libreria Koinè).

DETR     Pittau M., Dizionario della Lingua Etrusca, Sassari 2005 (Libreria Koinè).

ESL      Breyer G., Etruskisches Sprachgut im Lateinischen unter Ausschluss des Spezifisch Onomastischen Bereiches, Leuven 1993.

ET       Rix H., Etruskische Texte, Editio Minor, I Einleitung, Konkordanz, Indices; II Texte, Tübingen 1991.

Etim    Nocentini A., l’Etimologico, Firenze 2010.

GDLI    Battaglia S., Grande Dizionario della Lingua Italiana, I-XXI, Torino 1961-2002.

GEW     Frisk H., Griechisches Etymologisches Wörterbuch, I-III, II ediz., Heidelberg 1973.

GTLE    Pittau M., I grandi testi della Lingua Etrusca tradotti e commentati, Sassari 2010, C. Delfino editore.

LEGL    Pittau M., La Lingua Etrusca – grammatica e lessico, Nùoro 1997 (L. Koinè Sassari).

LELN    Pittau M., Lessico Etrusco-Latino comparato col Nuragico, Sassari 1984 (L. Koinè).

LEN     Schulze W., Zur Geschichte Lateinischer Eigennamen (1904) – Mit einer Berichtigungsliste zur Neuausgabe von Olli Salomies, Zürich-Hildesheim 1991.

LEW     Walde A.& Hofmann J. B., Lateinisches Etymologisches Wörterbuch, I-III, Heidelberg 1938, 1954, 1956.

LIOE    Pittau M., Lessico italiano di origine etrusca – 407 appellativi 207 toponimi, Roma 2012, Società Editrice Romana (L. Koinè Sassari).

LISNE   Pittau M., La lingua dei Sardi Nuragici e degli Etruschi, Sassari 1981.

LLE     Pittau M., Lessico della Lingua Etrusca – appellativi antroponimi toponimi, Roma, Società Editrice Romana, 2012.

NRIE    Buffa M., Nuova raccolta di iscrizioni etrusche, Firenze 1935.

REE     Rivista di Epigrafia Etrusca, pubblicata nella rivista «Studi Etruschi».

REW     Meyer-Lübke W., Romanisches Etymologisches Wörterbuch, III Auflage, Heidelberg 1935.

RNG     Solin H. & Salomies O., Repertorium nominum gentilium et cognominum Latinorum, Hildesheim-Zürig-New York 1988 e 1894.

StEtr    Rivista «Studi Etruschi», Firenze 1927….

TCL      Pittau M., Tabula Cortonensis – Lamine di Pirgi e altri testi etruschi tradotti e commentati, Sassari 2000 (L. Koinè).

TETC    Pittau M., Testi Etruschi tradotti e commentati – con vocabolario, Roma 1990.

ThLE    Thesaurus Linguae Etruscae, I Indice lessicale, Roma 1978; I Supplemento, 1984; Ordinamento inverso dei lemmi, 1985; II Supplemento, 1991; III Supplemento, 1998.

ThLE²   II edizione, Pisa-Roma 2009.

ThLL    Thesaurus Linguae Latinae, Lipsiae MDCCCC…

TLE     Pallottino M., Testimonia Linguae Etruscae, II ediz., Firenze 1968.

TIOE    Pittau M., Toponimi Italiani di origine etrusca, Sassari 2006, (L. Koinè).

 

 

Advertisements