Advertisements
PAIN IS TEMPORARY PRIDE IS FOREVER. Rosebud, Dublin (EIRE) – Year 9. Breaking News

Storie di gatti e di pesci in salsa politica

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti (Jacques Séguéla)

Il giornalista è stimolato dalla scadenza. Scrive peggio se ha tempo. (Karl Kraus)

gatto

di Renato Pierri.

Fecero amicizia o fecero finta di fare amicizia non si sa, il pesce piccolo e il pesce grosso. Il pesce piccolo però, poiché non  faceva altro che inghiottire pesci piccoli, in breve tempo diventò molto più grosso del pesce grosso. A poco a poco il pesce grosso accanto al pesce piccolo diventato grosso, finì per essere un pesce piccolo. E un giorno, non volendo oppure volendo non si sa, il pesce piccolo diventato grosso a furia d’inghiottire pesci piccoli, spalancando l’avida bocca per succhiare pesci piccoli, risucchiò l’amico pesce grosso diventato piccolo. Una storia triste per il pesce grosso diventato piccolo amico del pesce piccolo diventato grosso, Si era fidato del pesce piccolo, non aveva previsto che sarebbe diventato un pesce così grosso.

Questa storiella un po’ scema, è mia. La seguente non scema è del grande saggio indiano Osho.

Una volta avevo una gatta – una gatta molto stupida quasi quanto un politico.  Si arrampicava sugli alberi e in quello era perfetta. Arrivava fino in cima al ramo più alto dell’albero e rimaneva bloccata lassù, non sapeva più come scendere. E il problema si ripeteva quasi ogni giorno: qualcuno doveva arrampicarsi sull’albero per portarla giù. Si bloccava lassù e piangeva e si lamentava come se fosse in agonia. E non imparò mai. Ecco perché la chiamavo “il politico” (Chakra. La forza della vita, Giunti Editore).

Advertisements