Advertisements
PAIN IS TEMPORARY PRIDE IS FOREVER. Rosebud, Dublin (EIRE) – Year 9. Breaking News

CITTÀ REGIONI MONTI FIUMI D’ITALIA – LIGURI LIGURIA

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti (Jacques Séguéla)

Il giornalista è stimolato dalla scadenza. Scrive peggio se ha tempo. (Karl Kraus)

uno studio di Massimo Pittau

LIGURI LIGURIA

L’incarico di trattare del coronimo Liguria nel “Dizionario di toponomastica” (UTET, pag. 417) ovviamente era stato assegnato alla glottologa ‘ligure’ Giulia Petracco Sicardi. Però la pur valente studiosa, certamente per mancanza di una documentazione adeguata, si è dovuta limitare a tracciare le linee essenziali della storia del coronimo in epoca antica, non affrontando per nulla la questione della sua etimologia od origine. Io invece affronto per l’appunto la questione della etimologia di ‘Liguria’ in virtù di una documentazione venuta dai recenti ritrovamenti di altro materiale documentario della lingua etrusca, materiale ormai a disposizione degli studiosi per merito della compilazione e pubblicazione del ThLE = Thesaurus Linguae Etruscae, Ebbene, ecco quanto ho trovato nel ThLE di materiale relativo al nostro tema:

LECSTINAL «di Ligustinia», genitivo si LECSTINEI (ET, Cl 1.964).

LECSTINEI «Ligustinia», femm. del gentilizio LECSTINI (ET, CL 1.1911, 1913).

LECSTINI «Ligustin(i)o», gentilizio masch., da confrontare con quello lat. Ligustin(i)us (RNG) e inoltre con l’etnico Ligustinus «Ligustico, Ligure» (ET, AS 1.491; Cl 1.1912; Co 1.14).

LECSTINIS «di Ligustinio», genitivo di LECSTINI (ET, AS 1.176, 187, 265).

LECSUTINI probabilm. «Ligustinio», errato per *LECUSTINI (ET, AS 1.490).

LECUSTA, LECUSTI «Ligustia», nome pers. femm., da confrontare con quello masch. lat. Ligustius (RNG) (ET, Pe 1.573, 1.1094).

Tutto ciò premesso, io non esito a prospettare che il coronimo ‘Liguria’, attraverso la mediazione fonetica del citato gentilizio lat. Ligustius, derivi dal fitonimo ligustrum «ligustro», che è un “genere di piante arbustive della famiglia delle Oleacee”, il cui fiore bianco è molto appariscente:

fiore.jpg

 

A me dunque sembra molto probabile che la ‘Liguria’ abbia derivato la sua denominazione dalla particolare abbondanza nella regione e almeno in antico di questa pianta, in virtù del suo fiore appariscente.

E faccio le seguenti precisazioni:

1 – La fitonimia, ossia la denominazione delle piante, è di gran lunga l’elemento o fattore che entra maggiormente in gioco nella toponomastica, in virtù della sua permanenza e fissità nello spazio o terreno.

2 – È ben conosciuto nella lingua etrusca il suffisso –str- con la sua alternanza con –st– (M. Pittau, LICE norma 5).

3 – Il passaggio da ‘Lecusta’, *Ligustia a ‘Liguria’ è avvenuto per le seguenti trasformazioni, tutte normali: a) digradamento della vocale e- perché protonica [e- > i-]; b) sonorizzazione della velare sorda [k > g]; c) dissimilazione: -str- > -st- > -ss- > -s-]; d) fenomeno di “rotacismo” [s > r].

4 – Il fitonimo ligustrum è presentato dal valente specialista Jacques André, NPRA 145, come di “origine sconosciuta”. Ed allora non c’è quasi alcun dubbio: esso appartiene al sostrato preindoeuropeo “mediterraneo”, come altri numerosi fitonimi: gli Indoeuropei, arrivando nelle terre del Mediterraneo hanno trovato numerose piante che prima non conoscevano ed allora – come capita ed è capitato spesso – le chiamarono col come adoperato dagli indigeni.

Bibliografia con sigle

DTI Dizionario di Toponomastica – storia e significato dei nomi geografici italiani, a cura di G. Gasca Queirazza, C. Marcato, G. B. Pellegrini, G. Petracco Sicardi, A. Rossebastiano, Torino 2010, UTET.

ET Rix H., Etruskische Texte, Editio Minor, I Einleitung, Konkordanz, Indices; II Texte, Tübingen 1991.

LICE Pittau M., Lessico italiano connesso con quello etrusco, Ipazia Books 2018 (edizione digitale Amazon-Google).

NPRA André J., Les nomes de plantes dans la Rome antique, Paris 1985.

RNG Solin H. et Salomies O., Repertorium nominum gentilium et cognominum Latinorum, Hildesheim-Zürich-New York 1988, nuova edizione 1994.

ThLE Thesaurus Linguae Etruscae, I Indice lessicale, Roma 1978; I Supplemento, 1984; Ordinamento inverso dei lemmi, 1985; II Supplemento, 1991; III Supplemento, 1998. Seconda edizione, Pisa-Roma 2009.

Advertisements