Advertisements
PAIN IS TEMPORARY PRIDE IS FOREVER. Rosebud, Dublin (EIRE) – Year 8. Breaking News

Per Cazzullo il Salvimaio è il governo più pazzo del mondo: devono mancargli quelli sani che viaggiavano da Machu Picchu alla Silicon Valley con l’aereo in leasing!

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti (Jacques Séguéla)

 

tvStasera il mio “Otto e mezzo” (La7) è durato sì e no cinque minuti. Il tempo di ascoltare un Giovanni Floris sempre serio e capace, poi il solito tentativo della conduttrice Gruber di seminare zizzania tra Lega e Cinque Stelle et, dulcis in fundo, Aldo Cazzullo, certo, proprio quello del Corriere piegato al Duce di Rignano, ammettere che sì, l’attuale è il governo più pazzo del mondo!

Bei tempi, pareva sottintendere il coraggioso notista fontaniano, quando il governo era solo pazzo ma non ci tagliava gli emolumenti editoriali! Sic! Cazzullo, che non è proprio un virgulto verginello, almeno fisicamente, dà del “pazzo” all’attuale Esecutivo perché il M5S avrebbe vinto le elezioni promettendo Reddito di cittadinanza per tutti, e la Lega promettendo “Flat Tax” dalle Alpi alla Sicilia. Ma se questo fosse vero, perché non tirare fuori i coglioni e dare del “pazzo” al popolo italiano che ha votato quei partiti, e che da quando sono al governo li ha ulteriormente premiati?

Ah, i coglioni? Averli, proprio come l’onestà di intelletto e la capacità d’analisi scevra da ogni servaggio che dovrebbero vantare i giornalisti! I giornalisti e i mediatori culturali, se non fosse che l’Italia proba, dunque non “folle” che per cinque lunghi anni ha dovuto sorbirsi la tipologia di governo preferita da Cazzullo, e dai suoi tanti colleghi fini-osservatori, più il tempo passa più ci appare la rappresentazione plastica dell’ignominia amministrativa descritta dallo straordinario Bardo inglese in un suo play mirabile: “Sciagurati quei tempi in cui i matti guidano i ciechi!”

Ma il mondo-alla-rovescia del Lear shakespeariano impressionerebbe poco o nulla Cazzullo: lui e i suoi colleghi lo hanno vissuto benissimo durante tutto il lustro scorso e ci metterebbero la firma pur di tornare a quel tipo di Esecutivo “sano”: vuoi mettere i rolex sauditi, i viaggi a Machu Picchu, l’aereo in leasing? Con quelli sì che si risparmiava, e i conti tornavano sempre, a parte quelli off-shore, s’intende, sic!

Rina Brundu

Advertisements

Regala i noltri libri a Natale. Acquistali qui, risparmia!