Advertisements
PAIN IS TEMPORARY PRIDE IS FOREVER. Rosebud, Dublin (EIRE) – Year 8. Breaking News

DiMaio-Times (ex Il Fatto Quotidiano) 1 – Rassegna Stampa del 27 agosto 2018. O delle avventure dell’incredibile Luigino Statista e del reietto Salvini Leghista: l’eroe proppiano e l’antieroe.

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti (Jacques Séguéla)

Il giornalista è stimolato dalla scadenza. Scrive peggio se ha tempo. (Karl Kraus)

news-1074604_960_720Come dissi a fine luglio, un qualcosa che mi sarebbe piaciuto fare alla ripresa delle attività del sito, sarebbe stato monitorare quella situazione mediatica che si è andava maturando a proposito de IL FATTO QUOTIDIANO diretto da Peter Gomez, nel suo formato online, e da Marco Travaglio in quella cartacea. Mi pareva infatti che il giornale avesse un occhio troppo di riguardo per Luigi Di Maio e il M5S, e fosse troppo critico di Matteo Salvini. Fermo restando il fatto che ogni giornale può seguire la linea politica che crede (anche perché ormai l’abbiamo capito che in Italia non c’è speranza neppure di una parvenza di un altro tipo di giornalismo), e malgrado io abbia sostenuto (e continui a sostenere) i pentastellati, nonché continui a leggere il solo giornale di Travaglio e di Gomez, io continuo pure a pensare che i giornalisti non dovrebbero fare politica.

Dato che nel periodo renzista, e non solo allora, ho attaccato fortemente il Corriere fontaniano per i poster renzisti, io penso che sia mio dovere adottare adesso la stessa pratica con chi si sta comportando allo stesso modo con il presente Esecutivo. Ciò che fa sorridere de IL FATTO QUOTIDIANO, ed è in dato modo l’elemento che rivela plasticamente questa dirittura politica intenzionale, è il diverso trattamento riservato a Luigi Di Maio e a Matteo Salvini, visti alla stregua di un eroe e di un antieroe proppiano.

Da qui la nuova rubrica satirica di cui al titolo, che se da un lato fa ridere, dall’altro preoccupa: basti leggere qua sotto l’attacco di Travaglio a un Salvini che con tutta l’onestà che si può mettere in campo, bisogna ammettere che ha subito nelle scorse ore uno degli attacchi istituzionali più terribili che mi sia mai capitato di testimoniare nella storia della Repubblica italiana.

Dunque  in questo contesto ne parliamo ridendo per non piangere, nel prossimo post ne parleremo quasi piangendo e senza avere alcuna voglia di ridere.

Rina Brundu

L’EROE

dimaiofatto27agosto

L’ANTIEROE

lunedi-27-agosto-2018-675x996indagato sallvini

 

L’EROE

L’ANTIEROE

 

 

Advertisements

Natale 2018 – Regala i nostri libri!