Advertisements
PAIN IS TEMPORARY PRIDE IS FOREVER. Rosebud, Dublin (EIRE) – Year 8. Breaking News

Le straordinarie storie di Ipazia

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti (Jacques Séguéla)

Il giornalista è stimolato dalla scadenza. Scrive peggio se ha tempo. (Karl Kraus)

Biogafie (1)Oggi ho avuto notizia che anche le riviste patinate stanno cominciando ad accorgersi di noi e della qualità del nostro lavoro. Sono contenta per gli autori, ma personalmente non mi interessa, ho già dato. Negli ultimi anni ho scelto di ritirare i miei lavori da tanti siti, non mando i miei libri per recensioni, se non in luoghi che so seri, ho rinunciato a diverse interviste che pure mi sono state chieste, ma soprattutto ho sbarrato decisamente la strada al mondo del patinato. Peraltro, dato che oltre alle attività di Ipazia Books, debbo tenere in considerazione anche il sito di Rosebud, non mi va di stringere “relazioni” di alcun tipo perché nel preciso momento in cui lo fai perdi la tua libertà. Dato che Rosebud pubblica molti articoli di critica e Ipazia pubblica e pubblicherà sempre di più testi di quella tipologia, non sarebbe bene per la stessa credibilità di quei lavori.

Il target deve essere solo uno: la qualità, sotto una molteplicità di prospettive, ed è anche per questo che negli ultimi tempi ho dovuto dire molti “no”, soprattutto ad autori esordienti. In realtà la qualità non fa equazione con “l’esperienza” dell’autore, ci sono autori molto dotati, la cui capacità intellettuale è misurabile fin dal primo lavoro, come ho potuto toccare con mano anche di recente su Ipazia, e ci sono lavori “patinati” la cui carta non vorresti usare neppure per pulirti il culo. Io penso che alla fine tutto dipenda anche dal percorso che si decide di intraprendere e dalla meta che si vuole raggiungere che per essere valida non potrà mai essere una facile.

In tutto questo fare, disfare, lavorare, cambiare, resta un mio favorito questo progetto BIOGRAFIE di Ipazia Books, che è davvero peculiare sotto infinite prospettive. Un luogo unico dove la scrittura si fa metastrumento se così posso dire, dove la scrittura riprende in toto la sua qualità artigiana per raccontare universi quasi completamente dimenticati dall’universo patinato di cui sopra, eppure assolutamente validi sotto qualsiasi prospettiva, incluso un chiaro input intellettuale e culturale “as a whole”.

Chiudo invitando chiunque desideri partecipare a questo progetto – che è davvero aperto a tutti, e non ai soli scrittori – e capisca, intenda nell’animo di cosa sto parlando, a contattarmi o a scrivere a info@ipaziabooks.com per maggiori informazioni.

Qualche altro dettaglio lo potete trovare sfogliando la sottostante brochure di Ipazia (cliccare sulla cover).

Besos,

Rina Brundu

 

Advertisements

Natale 2018 – Regala i nostri libri!