Advertisements
CONTROCORRENTE. Rosebud, Dublin (EIRE) – Year 8. Breaking News

PERLE – Grillo, Travaglio, Gruber, il “thenewyorktimes”, Severgnini e l’ennesima figura di emme televisiva mirabile.

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti (Jacques Séguéla)

angel-1939761_960_720È tutto il giorno che mi interrogo: sottolinearle o non sottolinearle le ultime PERLE? Faccio finta di nulla oppure pubblico un post? Poi c’ho questo angelino qui sulla mia spalla destra che mi dice: “Cristo! Rina, vergognati! Almeno fagliene passare una… Dove è scritto che tutte le figure di emme epocali e televisive di Severgnini debbano essere sottolineate o eternate in Rete?”. Allora sto lì-lì per passare oltre, quando questo diavoletto che mi si è appollaiato sulla spalla sinistra da quando ho capito meglio cos’era in realtà il giornalismo italiano, la sostanza di cui era fatto, mi ribatte: “Ah, sì? Ma quante puttanate è lecito ascoltare prima che i nostri diritti civili imprescindibili siano calpestati?!?”.

Proprio così, il diavoletto non ha tutti i torti e poi nel mio caso la carne è forte, ma è lo spirito che è debole, debolissimo. Ecco dunque le mie memorie – guardando per lo più al gist del discorso ascoltato – da quei mitici venti minuti in cui, ieri sera, ho visto il programma “Otto e mezzo” (La7) condotto dalla Gruber, la quale aveva come opinionisti collegati in esterna Marco Travaglio e l’ormai mitico Beppe Severgnini, re dell’ovvio retorico e di interventi mirabili..

Severgnini: “Ieri ho ricevuto una email dai miei colleghi del thenewyorktimes.. Beppe, mi hanno chiesto, are italians turning racists? Not yet, ho risposto, per ora mi sono trattenuto….

Mirabile è stato in quel mitico istante di intenso provincialismo il contegno di Travaglio e della Gruber che non hanno riso mai. Quest’ultima però ha subito cambiato argomento e ha chiesto: “Grillo ha proposto di estrarre i senatori a sorte, che ne pensa, Severgnini?”.

Severgnini: “Orribile, orribile e mi sto trattenendo! Ieri sono stato in un ospedale. Immagina se dicessero ai genitori di quei bambini, ora vi estraggo a sorte il pediatra? O immaginate di salire su un aereo e vi annunciano che vi stanno estraendo a sorte il pilota…”.

Allora l’altrettanto mitico Travaglio ha cominciato a mostrare smorfie penose sul viso al punto che non si sapeva se lo avesse colto un attacco di colite. Mirabilmente – davanti allo sciocchezzaio incredibile testé uscito dalla bocca di quel suo collega, uno “sciocchezzaio” che però a mio avviso pone serie questioni sulle reali capacità di cogitative di questi signori (i.e. la faccenda non è così leggera come la sto facendo passare) – il direttore de IL FATTO QUOTIDIANO si è comunque trattenuto in maniera lodevole… Poi naturalmente lo ha mazziato con signorilità e grande capacità come al suo solito, ricordandogli tra le altre cose la maniera indegna con cui il duce di Rignano ha scelto i suoi alle ultime elezioni, nonché l’immondo paracadutaggio della Boschi in quel del Tirolo perché ad Arezzo l’avrebbero trombata… ma francamente non sono rimasta a sentire tutto, ho preferito spegnere imbarazzatissima come non mai.

Invece mi domando: se questo è il livello di ragionamento che riescono a mettere sul tavolo i giornalisti del corrierone, a chi dobbiamo guardare per ricevere dritte non dico grondanti di senno, ma se non altro scevre o ridotte al minimo sindacale in fatto di ridicolaggine?

Le mie più sentite condoglianze a Travaglio, in questo caso anche alla Gruber e a tutti gli spettatori che come me hanno dovuto ascoltare quelle PERLE… appunto!

Rina Brundu

Advertisements

Chiudiamo Wikipedia. Non si lucra scaltramente sull’impegno di intelletto!