Advertisements
CONTROCORRENTE. Rosebud, Dublin (EIRE) – Year 8. Breaking News

Impasse des Beaux Yeux – Ecate

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti (Jacques Séguéla)

Ecate

Rubami le idee,

svezzami con lame affilate

rilucenti:

sciogli le mie parole

nevose, brumee, acquee

dissolvimi dall’inferno, deforme

per l’amorfo etere.

Lasciami nell’oblio

lungo l’infinito

ignorante

come consonanti e vocali

e saggezze alfabetiche.

Fluttuante in fatuità focaie

nel cieco trasformismo

della vacuità.

Corrodi ogni mia stasi

in scie abrasive, livide

come ruggine che veste i lampioni

umidi e volti alle ombre.

Cava il calore del mio animo,

cancellalo, com’alito

che al vetro non condensa.

Rubami le idee

fuggirò all’ordine

per riabbracciarti.

Oh! Ecate.

gennaio 2012

Tratto da Impasse des Beaux Yeux (Muse Vol. 4) by Luca Fedele

Impasse des Beaux Yeux è una silloge la cui composizione attraversa un arco temporale di sette anni, e in cui l’io-lirico, le sue trasposizioni e la sua negazione si prendono prepotentemente la luce della ribalta. A impreziosirla sono quindi i linguaggi, i luoghi, le ombre delle anime incontrate dal poeta. Il tratto intimistico testuale detta una cifra criptica grazie alla quale ogni componimento smette di essere mero moto dello spirito e diventa oggetto costruito con parole che denotano e connotano all’infinito. Ogni poesia si fa insomma infiorescenza che nasce dalle contraddizioni e dai cortocircuiti dell’io-che-scrive, mentre l’impasse è fondamentalmente condizione oggettiva del componimento, è lo stallo alla scrivania, l’immagine compagna che si traduce, si deforma, si trasforma sul foglio.


Luca Fedele – Filologo, laureato alla Federico II di Napoli, appassionato di analisi tecnica di testi poetici e letterari. Nella sua prima silloge, Impasse des Beaux Yeux, lo guida una poetica resa da una scrittura lirica scomposta rispetto all’ordine formale, dominata dall’imperativo beckettiano: «Non c’è niente da esprimere, niente con cui esprimere, nessuna capacità di esprimere, nessun desiderio di esprimere, insieme all’obbligo di esprimere».

 


Silloge disponibile in formato Ebook & Paperback

Per ulteriori informazioni seguire il sottostante link alla pagina editoriale

www.ipaziabooks.com

 

 

Advertisements

Chiudiamo Wikipedia. Non si lucra scaltramente sull’impegno di intelletto!