Advertisements
CONTROCORRENTE. Rosebud, Dublin (EIRE) – Year 8. Breaking News

Niels Bohr “Un esperto è uno che ha fatto tutti gli errori possibili nel suo campo”. Sosteniamo Luigi Di Maio e un governo di scopo, breve, solo con la Lega!

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti (Jacques Séguéla)

 

governo legaNon sono pochi gli errori che ha fatto Luigi Di Maio nelle ultime settimane: il peggiore tra tutti è stato senz’altro quello di riportare alla ribalta lo scalcagnato fantasma del duce di Rignano, un crimine politico molto molto grave, considerando che la nazione ha già dato. Luigi Di Maio è anche lontano dall’essere un politico esperto, speriamo che sia pure perché non ha ancora fatto tutti gli “errori possibili” di cui parlava Niels Bohr. Speriamo inoltre che l’esperienza fatta in questi due mesi gli sia utile per crescere politicamente e come leader, per capire che le linee guida da seguire, specie in un sistema pensato a bella posta dalle truppe renziste per impedire la nascita di un qualsiasi Esecutivo, sono diverse da quelle di quando si fa opposizione.

Detto questo bisogna muovere oltre! Sarebbe in malafede chiunque accusi Di Maio di fallimento nella creazione di un nuovo governo: che un Esecutivo non si sarebbe potuto fare lo si è capito subito, già il 4 marzo di sera, il resto erano solo sceneggiate inconcludenti pensate solo per annusare l’aria e pararsi il culo nelle successive tornate elettorali, ordite più o meno da tutti, Salvini in testa.

L’unica possibilità concreta per ottenere qualcosa di utile, che si intravedeva sempre in tale fatidica sera, era di fare un breve governo di transizione M5S-Lega che permettesse di modificare la legge elettorale, non se ne vedevano altre perché non ce n’erano. Con la fine, speriamo, delle sceneggiate, adesso che siamo arrivati al momento del redde-rationem, Di Maio dovrebbe senz’altro accettare la proposta odierna di Salvini di muovere in tale direzione. Un governo fino a dicembre per modificare la legge elettorale sarebbe ottimale e permetterebbe alla Lega e al M5S di riorganizzare una campagna di ballottaggio.

Ma soprattutto permetterebbe a noi di vedere finalmente il Renzusconi all’Opposizione, che rosica mentre si fanno le cose in regola, in attesa di passare alla Storia come l’Opposizione più invisa di sempre. Sosteniamo dunque Luigi di Maio in questo momento di difficoltà e aiutiamolo a capire che non è il tempo di fare le barricate, ma di profittarne politicamente, di maturare e di crescere. Di pinocchi farlocchi, nullafacenti, di frottoli politici gonfi come un canotto e del loro ridicolissimo ego ne abbiamo piene le palle!

Rina Brundu

Advertisements

Chiudiamo Wikipedia. Non si lucra scaltramente sull’impegno di intelletto!