Advertisements
PAIN IS TEMPORARY PRIDE IS FOREVER. Rosebud, Dublin (EIRE) – Year 8. Breaking News

Diario dai giorni del golpe bianco – Quando Marco Travaglio dava del lei agli avvoltoi renzisti… adesso evidentemente è passato al tu… più amichevole!

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti (Jacques Séguéla)

  bald-eagle-2715461_960_720

13 Aprile 2016

Oggi il TG1 è andato oltre, oltre il ridicolo quotidiano, intendo. Prima Matteo Renzi e poi la fidata Madonna Maria Elena Boschi ne hanno occupato i cinque minuti iniziali, seguiti da altri cinque minuti buoni di contorno esegetico e quindi da qualche secondo ipocritamente dedicato alle ragioni dell’opposizione. Se pensiamo che l’intero programma dura mezz’ora… be’ non pensiamolo. Che poi.. se tutto quel tempo fosse stato usato per scusarsi sulle nuove previsioni sbagliate sul PIL in rallentamento, o per scusarsi dell’ennesimo sottosegretario PD indagato, o dei tanti scandali che costellano la vita questo governo, ce ne saremmo fatti una ragione. Invece, l’occupazione degli studi del servizio pubblico televisivo era necessaria per inaugurare come si conviene il filone della Nuova Politica Patetica renzista, quella dove un Premier mai votato da nessuno, ci racconta della sua determinazione a “giocarsi tutto” con i nostri soldi, e si presenta in un Parlamento semideserto a incitare i suoi a sabotare la nostra Costituzione, forte dell’assistenza disinteressata di colleghi senza-rappresentanza, fuoriusciti e/o rinnegati di partito a vario titolo.

La suddetta liturgia – osannata a suon di editoriali prestigiosi e compiacenti nei giornali italiani – è continuata poi nei diversi programmi di approfondimento similpolitico della televisione generalista. È in questi luoghi che i sacerdoti mediatici del renzismo vivono meglio ed è colà che si presentano con una faccia tosta imbarazzante, nonché determinati a incensare il Verbo. Con una faccia tosta imbarazzante o procurando grande imbarazzo per sé e per chi li ascolta come è stato il caso di Imhotep… pardon, dell’Andrea Romano castigato senza alcuna pietà, e quasi ridotto al silenzio, per mancanza di argomenti validi, da un Marco Travaglio in grande spolvero ieri sera a DiMartedì. Tra le altre è degna di nota questa gustosissima perla in salsa British: Andrea Romano “Posso darti del tu, Travaglio?“, “Faccia pure” ha risposto imperturbabile l’altro…

Rina Brundu

 

Advertisements

Regala i noltri libri a Natale. Acquistali qui, risparmia!