Advertisements
CONTROCORRENTE. Rosebud, Dublin (EIRE) – Year 8. Breaking News

Le spavalde avventure del governativo don Camillo Di Maio (1) – Finalmente riconosciamo il M5S: mandate Berlusconi e il duce di Rignano all’Opposizione, o si torni a votare, subito!

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti (Jacques Séguéla)

dimaiosss.jpgPer un attimo ci siamo davvero preoccupati! Prima la campagna del FATTO pro inciucio M5S-PDR che al solo pensiero preferiresti la morte nera e il suicidio collettivo, poi l’incredibile intrallazzo secondo il quale Berlusconi avrebbe dato il suo okay ad un governo con i pentastellati: ma si può? Cioè un signore 81enne che ha raggranellato si e no il 14% delle preferenze, che a sentire gli ultimi sondaggi ha già perso pure quelle, sta già dando le carte per il prossimo governo, peraltro proponendo come Presidente del Senato un altro dei suoi fidi ma non troppo specchiati e invotabili?

Fortunatamente la curiosa messinscena dovrebbe essere finita. Il colmo però è che ce ne sarebbe una seconda parte di queste pregevoli comiche, ovvero se tutto ripartisse da “zero” ecco che i renzisti (chiamiamoli col vero nome, là dove non osa neppure il giornale di Travaglio), per amor di Patria (e di qualche poltrona), sarebbero pronti a sacrificarsi: per far cosa? L’inciucio con B.? Si accomodino… ma sicuramente da tanto minestrone scaldato e ripugnante Di Maio dovrebbe starne alla larga perché chi tocca il duce di Rignano è politicamente dipartito ancor prima di rendersene conto.

Insomma, da qualsiasi parte la si guardi non si riesce davvero a comprendere questo fare, disfare, rifare del governativo don Camillo Di Maio. E quanto ci vuole per capire che dato lo status-quo esiste solo una possibilità d’azione, ovvero un breve governo con la Lega per il cambio della legge elettorale e un ritorno alle elezioni quanto prima? Di fatto tornare al voto quanto prima è più che una vera emergenza, basti pensare che in questi giorni gli italiani sono ancora governati dal renzista Gentiloni e da tutti i suoi compari, che se il passato è un metro valido chissà quante ne stanno combinando alla faccia del popolo sovrano che li ha mandati a casa solo due settimane fa…

Nella terra delle spavalde avventure del governativo don Camillo Di Maio, appunto…

Rina Brundu

Advertisements

Chiudiamo Wikipedia. Non si lucra scaltramente sull’impegno di intelletto!