Advertisements
CONTROCORRENTE. Rosebud, Dublin (EIRE) – Year 8º. Breaking News

4 marzo 2018, cambiamo l’Italia (42) – Das ist nicht Politik, das ist Scheiße!

ROSEBUD TV – Francesco de Gregori – Generale

AFORISMI MEMORABILI E ZIBALDONE


Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti.
(Jacques Séguéla)

—————————-

No, niente appello! Qui non si tratta di riformare una sentenza, ma un costume. (…) Accetto la condanna come accetterei un pugno in faccia: non mi interessa dimostrare che mi è stata data ingiustamente.

Giovannino Guareschi (lo disse dopo la sentenza di condanna ricevuta per l’accusa di diffamazione mossagli da Alcide De Gasperi)

Diario dai giorni del golpe bianco (paperback) di Rina Brundu .

Per l’E-Book clicca qui.

Attenzione la versione definitiva di questi testi uscirà solo dopo le elezioni politiche


Il caso diffamatorio su Wikipedia 

————————————————–

  • Un popolo che elegge corrotti, impostori, ladri, traditori, non è vittima, è complice (George Orwell). Clicca qui per leggere tutto
  • —————————————————-

 
CHI SARÀ IL NUOVO PREMIER ITALIANO? VOTALO QUI!

Gli stornelli del 4 marzo e dieci validi motivi per cui Luigi Di Maio sarà Premier!

LEGGILI TUTTI QUI

Oppure scarica i PDF e diffondili

Dieci validi motivi per cui Luigi Di Maio sarà Premier!

Stornelli politici per il 4 marzo 2018

———————————–

Promuoviamo una coscienza e una lotta politica civile e democratica. Liberiamo l’Italia dal renzismo, dai suoi interessi familisti, dai suoi boiardi di Stato e dai suoi scandali. Per le ultime notizie su questi argomenti, clicca qui.

Rina Brundu

people-2575608_960_720Il titolo? No, è che mi sono voluta adeguare anche io ai tempi. E poi mi sembrava brutto dire che quella che stanno proponendo in questi giorni i vari sgherri renzisti e berlusconici non è Politica ma merda… pensa tu, merda detto in tedesco pare quasi che profumi di meno! Poi ho fatto pure una capatina virtuale tra le news del Trentino Alto Adige e, a dispetto di ciò che ci racconta la narrativa del rignanese, questi signori non sembrano coglioni. Insomma, sembra che se ne siano accorti che in quanto italiani meno nordici l’abbiamo fatta fuori nella loro pubblica piazza. Sembrano finanche determinatissimi a ripulire tutto e a randellare da par loro gli autori della stronzata (è proprio il caso di scriverlo!).

Che poi se si volesse fare un po’ di pettegolezzo politico onde adeguarci alle necessità del titolo, questo caso della Bosken a Bolzano resta davvero un mistero. Per esempio, soprattutto dopo il pensionamento politico anticipato di Denis Verdini, è lecito domandarsi: ma cosa sa questa madonna Maria Etruria che uno come Verdini non potrebbe mai sapere? Cosa accadrebbe se Maria Etruria Bosken diventasse una parlatrice compulsiva dall’oggi al domani? Quali altri scandali nascosti con indubbia arte inciuciante potrebbe raccontare? Eh, sì, perché o e così oppure dobbiamo pensare che il duce di Rignano, con questa sua innegabile preferenza per quella signorina, stia facendo uno sgarbo molto plateale alla sua stessa moglie.

Qualunque sia la verità è indubbio che il renzismo stracotto abbia mantenuto fede alla sua fama di intenditore e produttore di scandali: da che mondo politico esiste non credo che si sia mai vista una campagna elettorale così scaltra, così brutta, così offensiva del sentire del popolo come questa che stiamo vivendo. Ciò che impressiona davvero è poi l’avere piena coscienza del fatto che ci saranno sicuramente italiani che voteranno Renzi e Berlusconi e lo faranno a viso aperto, il giorno dopo riusciranno persino a guardarsi allo specchio, a guardare in faccia i loro figli prima di andare in serata a confessarsi. Di questo vivono codesti signori, predando gli uni e gli altri sulle proprie e altrui debolezze e sulle proprie e altrui vergogne. Come dicevo… das ist nicht politik, das ist Scheiße, ma chi glielo dice al giornalismo italiano che da cinque anni si flette da par suo raccontandola altrimenti?

Rina Brundu

Advertisements

info@ipaziabooks.com