Advertisements
CONTROCORRENTE. Rosebud, Dublin (EIRE) – Year 8. Breaking News

Riflessioni sul Quarto Potere (4) – Sulla censura totale dell’affaire De Benedetti-Renzi. Ma non solo… Da OKNotizie agli altri angoli virtuali il renzismo ha passato una ruspa sulla libera opinione. L’orrore del quotidiano Repubblica.

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti (Jacques Séguéla)

reubblicaDopo avere letto l’articolo di Marco Travaglio “Insider Renzing” su quella che sarebbe una “soffiata da 600000 euro” di Matteo Renzi a Carlo De Benedetti per un investimento sulle banche popolari, articolo nel quale Travaglio scrive tra le altre cose: “Il quadro che emerge è quello di una ributtante simonia fra interessi pubblici e privati, in barba all’imparzialità della Pubblica amministrazione e a suon di informazioni privilegiate a finanzieri editori amici che le sfruttano per fare soldi…”, sono andata a vedere in Rete quali altri organi di informazione stessero dando la notizia: manco uno, manco a pagarlo! Al più vi era qualche stanco aggregatore di notizie che riportava il link al giornale di Travaglio.

Tuttavia ciò che mi ha impressionato di più è stato come oltre dai “giornaloni” italiani che ormai sappiamo come funzionano, non ci fossero notizie in merito da nessun blog, da nessun luogo di informazione “alternativa”. Di fatto, in questi ultimi quattro anni in cui Rosebud si è occupato di scandali renzisti e di renzismo sapevo dell’ostracismo contro questo sito… ma, impegnata com’ero a guardare nel mio cortile, non mi ero mai presa la briga di andare a vedere cosa stesse succedendo nel frattempo a tutti gli altri blog di controinformazione, o agli aggregatori tipo il vecchio OkNotizie che esistevano alcuni anni fa. Nulla, niente, nada, nisba, il renzismo ha fatto piazza pulita, ha passato una ruspa su tutto, ha silenziato, intimidito, costretto, e ora i commenti sulle notizie sembrerebbero essere solamente in mano agli organi “autorizzati” e ai giornartisti RAI de noartri.

Pazzesco! Ma non contenta ho deciso di fare qualcosa che non facevo da anni, ovvero sono andata sul sito del quotidiano “Repubblica”. Non ho parole per esprimere l’orrore e lo sdegno d’intelletto che ho provato. Lo screenshot che fa da featured image a questo post riprende quella home… che in mezza pagina da tre notizie, dico tre, davvero pregnanti per la giornata: il caso Raggi, le esternazioni di Di Maio, la spazzatura di Roma con tanto di fotografia e poco altro…. niente arresti dei sindaci PD in Calabria, niente insider renzism. Ah, se non ci fossero questi ragazzi pentastellati a giustificare gli stipendi di codesti professionisti, di cosa camperebbero?

Il problema purtroppo è che data “spazzatura” la si può fotografare altra la si può solo intercettare, specialmente durante le inchieste dell’ordinaria corrutela nella nostra amministrazione…. Ed è forse questa “difficoltà” oggettiva che impedisce alla Redazione di Repubblica di discutere i veri scandali del Paese, almeno questa è la mia impressione. Povera Italia se questa è la sua classe politica e se questa è la sua casta giornalistica: vergognamoci per lei, per loro, per noi che se subiamo un simile status-quo evidentemente ce lo meritiamo, proprio come i lettori di quel giornale berluscalfariano che evidentemente godono dell’essere fatti fessi e contenti.

Rina Brundu

Advertisements