Advertisements
PAIN IS TEMPORARY PRIDE IS FOREVER. Rosebud, Dublin (EIRE) – Year 8. Breaking News

Il cammino dei perplessi (16) – Floris e la domanda dalle cento pistole: “Perché il PD difende a spada tratta Maria Etruria Boschi?”. Ma neppure Bersani azzecca la risposta giusta, Leslie Winkle sì…. (E su uno straordinario DiMartedì (La7), bravo anche Gene Gnocchi!).

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti (Jacques Séguéla)

stars-1150667_960_720Comincio dalla fine perché sovente mi attardo nella critica feroce senza sconti, sebbene sia pure convinta che i meriti vadano riconosciuti quando ci sono. Oggi, per esempio, è stato un piacere ascoltare, nel DiMartedì di Giovanni Floris, Marco Travaglio, Maurizio Belpietro, Massimo Giannini e lo stesso Floris discutere di scandali renzisti con il necessario know-how, proprietà di modi e l’indispensabile carica critica senza la quale non vi è giornalismo ma solo gossip mediatico. In dato modo quei ragionamenti sferzanti hanno fatto le vendette delle centinaia di post pubblicati su questo sito in quattro anni deleteri per la nostra nazione, in quattro anni di emergenza democratica e mediatica senza precedenti in un Paese moderno. Tanto ispirata sembrava la serata che finanche lo stesso Gene Gnocchi si è finalmente “sciolto” mentre parlava di politica e, sebbene sia ancor lontano dalle somme vette crozziane, i suoi interventi sono sensibilmente migliorati: bravo! Ottima persino l’idea dell’albero di Natale con attaccate una parte delle palle renziste… del resto tutte non ci sarebbero mai state!

Detto questo, nella trasmissione mi ha colpito anche la puntigliosità con cui il conduttore presentava a tutti gli ospiti la stessa domanda: “Come mai la Guidi, Lupi, la Cancelleri sono stati tutti allontanati dal PD, o costretti a dimettersi, mentre lo stesso clima freddo non si è mai creato intorno a Maria Etruria Boschi?”. Interrogato sulla medesima spinosa questione Pier Luigi Bersani nicchiava da par suo, ma la risposta è stata abbastanza chiara: “Secondo me questo è successo perché la Boschi è sempre stata vista come una appartenente al giro-che-comanda, per nessuna altra ragione”. In tutta onestà la considerazione dell’ex Segretario PD, pur essendo la migliore che è stata fornita al giornalista che chiedeva, non mi ha soddisfatto.

Per quanto mi riguarda, infatti, io penso che tutta la questione vada vista sotto diversa prospettiva… Naturalmente ciò che andrò a scrivere è solo una mia opinione di persona che guarda le cose dall’esterno e che nulla sa dei fatti. Vero è però che quando Floris ha posto quella domanda mi è tornata alla mente un’altra godibile scena della meravigliosa sit-com americana dedicata a un gruppo di nerd e titolata The Big Bang Theory. Nello specifico mi è tornata alla mente la scena in cui, mentre i protagonisti discutevano sul perché degli strani comportamenti della comune amica Penny, Leslie Winkle, la supernerd femminista rivale di Sheldon Cooper, mise fine alla questione con uno statement perentorio: “Avrà problemi di sesso!”. “Perché lo pensi?” le hanno chiesto gli altri. E lei: “Perché tutto nella vita ha a che fare col sesso!”.

Francamente non amo le pseudo-scienze freudiane e junghiane e quindi di norma non sottoscrivo simili dichiarazioni… ma in questa occasione devo purtroppo fare una eccezione. Vero è, insomma, che, secondo me, la domanda florisiana delle cento pistole ha una sola risposta: Perché la Boschi è la donna ideale del Bomba… in dato modo (politicamente?) si può dire che la Boschi sia la donna del Bomba, dunque è la donna del Capo, ergo è intoccabile! Ripeto, questa è solo la mia opinione, sicuramente sbagliata, ma in realtà a meravigliarmi non è tanto questo status-quo ormai datato, quanto piuttosto un altro curioso dilemma-arcano-inghippo, correlato: d’accordo che i tabloid inglesi, dopo la morte di Lady Diana, hanno in certo modo firmato una sorta di patto segreto per non mostrare mai le tette di Kate, ma da quand’è che il giornalismo italiano, anche il migliore, ha stipulato convenzione nascosta col renzismo dove si costringe (il nostro giornalismo) a neppure osare immaginare uno scenario come quello appena proposto? Eppure una simile speculazione, allo stato dei fatti, sarebbe perfettamente legittima, valida come ogni altra! Bello, avere anche questa risposta, o no? Ah, le contorte vie del nostro provincialismo mafioso!

Rina Brundu

Advertisements

Regala i noltri libri a Natale. Acquistali qui, risparmia!