Advertisements
CONTROCORRENTE. Rosebud, Dublin (EIRE) – Year 8. Breaking News

L’arte dell’offesa nascosta nella retorica scaltra. Sui soloni Severgnini e Calabresi in funzione badante dalla Gruber e contra pentastellati: mai visto tanta saccenza! Un appello ai grillini: “Boicottare “Repubblica” e il “Corsera””!

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti (Jacques Séguéla)

berlusevergniniBerluscalfari se ne esce con la sua minchiata senile su televisione generalista e, orcoddio!, bisogna correre subito ai ripari che altrimenti ci si fotte qualsiasi sforzo editoriale appena fatto per convincere i lettori recalcitranti a non abbandonare completamente il giornale-partito debenedettiano. Ecco dunque che Calabresi, direttore di Repubblica (pardon, della nuova Repubblica in carattere Eugenio), chiama e subito Lilli Gruber gli offre lo studio di Otto e mezzo (La7) per perorare la sua causa… non contenta gli affianca anche il sagace Beppe Severgnini in esterna e un altro collega che non saprei chi fosse ma si distingueva per dare manforte da par suo contro la causa pentastellata.

La prima perla della serata l’ha offerta subito il buon Severgnini che, moderato come si addice ad ogni buon rappresentante del Corriere della Sera Renzista (in attesa che arrivi la notte profonda), se n’è guardato bene dal perorare sia la causa berlusconica sia quella pentastellata. Si capiva però che messo proprio alle strette questo Berlusconi anti-Trump (qualcuno farebbe bene a informare codesto giornalista italico anche dei guai del maiale Clinton e consorte!), questo Berlusconi europeista, questo Berlusconi pregiudicato potrebbe pure convincerlo…

Subito dopo si è lamentato Severgnini degli insulti che riceverebbe non appena accende il telefonino, porello! Fermo restando che nessuno dovrebbe offendere nessuno in nessun modo, specie per le sue opinioni politiche, è curioso come al signor Severgnini non sembrerebbe essere mai passato per la mente che tutti coloro che gli mandano quei messaggi poco carini – e, ripeto, assolutamente non condivisibili – forse non hanno la stessa possibilità di pontificare dal suo pulpito né di lamentarsi delle sue opinabili opinioni in tv o di quelle dei suoi colleghi… Basti dire che sono passati solo due minuti dal Severgnini-discorso che il Calabresi in funzione badante Berluscalfari ha rovesciato tanta merda sull’amministrazione capitolina della sindaca Raggi senza dare nessun dettaglio e senza che quella essendo assente avesse alcuna possibilità di difendersi…

O dell’arte dell’offesa nascosta nella retorica scaltra di codesti soloni pontificatori che vorrebbero continuare a pontificare senza contraddittorio: ma tu guarda, adesso non lo si può fare più!

Detto questo ribadisco la mia idea: grillini smettetela di insultare Severgnini e Calabresi, semplicemente ignorateli e boicottate Repubblica e il Corsera: se il tempo è galantuomo la giusta vendetta, in stile retorica scaltra, non tarderà ad essere servita bella fresca in tavola, con o senza il carattere Eugenio!

Rina Brundu

Advertisements