Advertisements
Rosebud, Dublin, Ireland – Year 7º. Breaking News

Dal Renzusconi al Berluscalfari, un bio-testamento sui-generis. Senilità, d’accordo, ma se dovessi scoprirmi renzista tra qualche anno portarmi dal veterinario e sopprimermi subito, please!

AFORISMI MEMORABILI – QUOTES TO REMEMBER


Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti.
(Jacques Séguéla)

—————————-

No, niente appello! Qui non si tratta di riformare una sentenza, ma un costume. (…) Accetto la condanna come accetterei un pugno in faccia: non mi interessa dimostrare che mi è stata data ingiustamente.

Giovannino Guareschi (lo disse dopo la sentenza di condanna ricevuta per l’accusa di diffamazione mossagli da Alcide De Gasperi)

—————————-

Diario dai giorni del golpe bianco (paperback) di Rina Brundu .

Per l’E-Book clicca qui.

PERLE DI ROSEBUD – LISTA AGGIORNATA DEI DERETANI INAMOVIBILI

Resistere, resistere, amico mio, con un popolo di pecore la vittoria del lupo non potrà che essere questione di tempo.

(Clicca qui per conoscere tutti i deretani di cui sopra)

PERLE POLITICHE – SENILITÀ, OKAY, MA SE DOVESSI DIVENTARE RENZISTA…

…portarmi dal veterinario e sopprimermi subito, please!

(Clicca qui per leggere tutto)

Rina Brundu

renzusconi3Nell’ordine le ultime perle sono state: a) grande trombata ricevuta dalla Spagna in Europa che ha impedito a Milano di partecipare come avvoltoio che si rispetti all’attuale spolpamento della carcassa Brexit in corso; b) mentre la stessa Europa ci dice che dal 2014 i nostri conti sono peggiorati, come era ampiamente prevedibile visto lo sconquasso economico procurato dal renzismo impegnato soprattutto a fare i suoi porci comodi, la nostra attenzione è puntata sulla Corte di Strasburgo per capire se si riuscirà ad aggirare anche la legge continentale e verificare se un signore ottantenne, già decaduto dalla sua carica, potrà ricandidarsi e portare il Paese… nel futuro. Ah, dimenticavo… la perla tra le perle è data dal fatto che la candidatura di Milano ad ospitare l’Agenzia del Farmaco, di cui al punto a), avrebbe dovuto essere sponsorizzata anche da un ministro degli Esteri, tale Angelino Alfano, che non solo non si è fatto vedere ma che come è noto non parla inglese…

Chissà cosa sarebbe successo se una simile “trombata” l’avessimo presa con i Cinque Stelle al governo… sarebbe venuto giù il mondo! Invece, ci dobbiamo sorbire i telegiornali del Berlusca che inneggiano da par loro al duce di Rignano (una vergogna!), e la solita disinformazione epocale dei giornali di regime che fanno dell’Europa il capro espiatorio di un così grande fallimento politico e dirigenziale, nazionale. La verità è naturalmente un’altra e da persona che ha vissuto la sua vita all’estero posso senz’altro dire che la verità è una sola: noi non siamo amati in Europa, non lo siamo mai stati e il “disliking” è cresciuto esponenzialmente in questi anni, laddove almeno prima ci salvavano la faccia le imprese sportive. Noi nell’Europa del Nord siamo visti come un Paese di frontiera, siamo alla stregua del Messico per l’America trumpiana, un paese ancora mafioso in stile romanzi di Mario Puzo e sicuramente un Paese non da vivere. Che i dipendenti dell’Agenzia del Farmaco abbiano preferito Amsterdam a Milano non sorprende nessuno che viva oltre confine, perché dovrebbe?

Ma.. di ritorno alle questioni italiche e alla cronaca di una emergenza democratica e informazionale epocale… la disinformazione prima di tutto, per carità! E dunque perché non sollevare l’asticella un tantino più un alto? Perché non scoglionare il popolo mediatico già scoglionato di suo dopo tre anni di renzismo immondo? Che poi, a ben guardare, lo sdoganamento del Berluscalfari negli studi di DiMartedì (La7) è stato forse l’unico atto di onestà intellettuale che si potrà mai attribuire a Eugenio Scalfari: che la Repubblica renzista avesse avuto dei ripensamenti sul berlusconismo lo avevamo intuito già da tre anni ormai, ma che arrivasse a sputtanarsi urbi et orbi con “l’amaro” calice in bella vista questo non l’avevamo previsto, non avrebbe potuto prevederlo nessuno: gli incauti della senilità… e non c’è da scherzarci perché potrebbe capitare a tutti noi.

Già, potrebbe capitare a tutti noi… senilità, d’accordo, ma se dovessi scoprirmi renzista tra qualche anno… portarmi dal veterinario e sopprimermi subito, please! A tutto c’è un limite anche ai diritti inalienabili del rincoglionimento senile.

Rina Brundu

giovedi-23-novembre-2017

Advertisements

info@ipaziabooks.com

%d bloggers like this: