Advertisements
Rosebud, Dublin (EIRE) – Year 8º. Breaking News

Libri diseducativi e omertosi da non leggere manco sotto tortura (1): Contro gli immediati di Francesco Rutelli

ROSEBUD TV – Angelo Branduardi – Alla Fiera dell’Est

AFORISMI MEMORABILI E ZIBALDONE


Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti.
(Jacques Séguéla)

—————————-

No, niente appello! Qui non si tratta di riformare una sentenza, ma un costume. (…) Accetto la condanna come accetterei un pugno in faccia: non mi interessa dimostrare che mi è stata data ingiustamente.

Giovannino Guareschi (lo disse dopo la sentenza di condanna ricevuta per l’accusa di diffamazione mossagli da Alcide De Gasperi)

Diario dai giorni del golpe bianco (paperback) di Rina Brundu .

Per l’E-Book clicca qui.

Attenzione la versione definitiva di questi testi uscirà solo dopo le elezioni politiche


Il caso diffamatorio su Wikipedia 

————————————————————————–

  • Un popolo che elegge corrotti, impostori, ladri, traditori, non è vittima, è complice (George Orwell). Clicca qui per leggere tutto
  • —————————————————-

41gI8cNTlFL._SX331_BO1,204,203,200_.jpgChi sono gli immediati? Gli effimeri vincitori di oggi, coloro che rifuggono la mediazione, vogliono demolire ciò che è intermedio, agiscono all’istante, senza meditazione né condivisione. I nostri guru preferiti sono assertivi, semplificatori, compulsivi. Ciascuno di noi può diventare un immediato: attraverso giudizi superficiali e slogan espressi e rilanciati sulla rete, l’adozione dei nuovi alfabeti comunicativi dominati dalle emozioni. Politici e governanti immediati sono facilmente identificabili, ma sono soltanto una parte del problema, poiché gli immediati crescono e si affermano nei campi più diversi: le tecnologie, la finanza, le ignoranti strumentalizzazioni della Storia. Gli immediati portano pericoli profondi; possono toglierci la voglia di riflettere, la capacità di attendere, il coraggio di dialogare, la forza di sognare. Dobbiamo metterli all’angolo, per tornare a scommettere sul tempo medio, il domani, nella vita politica e in quella quotidiana, nelle istituzioni e nelle azioni personali. E abbiamo bisogno di insegnanti, di valenti formatori; di chi costruisca nuove possibilità per il lavoro, nell’età dell’intelligenza artificiale e dell’automazione; di chi restituisca partecipazione, efficacia e onore alla politica.

Preciso che naturalmente quella che segue è solo la mia opinione, ma dato che questo è il mio blog la dico chiaramente. A mio avviso questo testo di Rutelli è, soprattutto, e al netto della retorica metanarrativa per menti giovani de noiartri, delle iperbole e della demagogia pseudo-costruttiva ed educational, un chiaro attacco contro Renzi senza nominarlo. Ora, da persona, che contro il renzismo ha già detto tutto ciò che c’era da dire senza nascondersi mai, io invito chiunque a boicottare questa tipologia di testi perché a mio avviso è diseducativa e omertosa come nient’altro, e oltre ad essere espressione di una classe politica fallimentare, nonché di un  modo parassitario di intendere il bene ultimo comune, è alla base di tutto ciò che poi ha partorito il peggio politico e amministrativo che abbiamo testimoniato in questi anni. Per inciso, ne è espressione plastica con il suo solo esistere.

Rina Brundu

Advertisements

info@ipaziabooks.com