Advertisements
CONTROCORRENTE. Rosebud, Dublin (EIRE) – Year 8º. Breaking News

Il cammino dei perplessi (9) – Dopo i complimenti renzisti, il centro destra festeggia la vittoria: arresti, calci e pugni ai giornalisti. E una domanda a Salvini.

ROSEBUD TV – Fabrizio De Andrè – Canzone del Maggio

AFORISMI MEMORABILI E ZIBALDONE


Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti.
(Jacques Séguéla)

—————————-

No, niente appello! Qui non si tratta di riformare una sentenza, ma un costume. (…) Accetto la condanna come accetterei un pugno in faccia: non mi interessa dimostrare che mi è stata data ingiustamente.

Giovannino Guareschi (lo disse dopo la sentenza di condanna ricevuta per l’accusa di diffamazione mossagli da Alcide De Gasperi)

Diario dai giorni del golpe bianco (paperback) di Rina Brundu .

Per l’E-Book clicca qui.

Attenzione la versione definitiva di questi testi uscirà solo dopo le elezioni politiche


Il caso diffamatorio su Wikipedia 

————————————————–

  • Un popolo che elegge corrotti, impostori, ladri, traditori, non è vittima, è complice (George Orwell). Clicca qui per leggere tutto
  • —————————————————-

Dieci validi motivi per cui Luigi Di Maio sarà Premier!

LEGGILI TUTTI QUI

Oppure scarica il PDF e diffondilo

Dieci validi motivi per cui Luigi Di Maio sarà Premier!

———————————–

Promuoviamo una coscienza e una lotta politica civile e democratica. Liberiamo l’Italia dal renzismo, dai suoi interessi familisti, dai suoi boiardi di Stato e dai suoi scandali. Per le ultime notizie su questi argomenti, clicca qui.

Rina Brundu

arrestocalci“Meglio secondi con i voti degli onesti che primi con i voti della mafia” ha detto domenica scorsa Luigi Di Maio a conclusione della campagna M5S in Sicilia. Dire che il tempo è stato galantuomo nei confronti dei pentastellati è usare un eufemismo: tempo tre giorni e i “vincitori” sono costretti a continuare il “party” nelle patrie galere. A dire il vero però la vergogna più grande in questa particolare situazione non è della mafia ma della Sicilia che non è andata a votare e di tutti gli altri che, dal Nord al Sud della penisola, con le loro farneticazioni, le loro scritture vergognose, sovente pubblicate su giornali-di-grido, la mafia l’hanno sponsorizzata. Queste persone oggi non dovrebbero provare solo un senso di profonda vergogna, ma dovrebbero anche guardarsi le mani insozzate di sangue, proprio come le descriverebbe Lady Macbeth, e riflettere.

La domanda a Salvini è invece logica e consequenziale: ma non si vergogna?

Sic!

Rina Brundu

Advertisements

info@ipaziabooks.com