Advertisements
CONTROCORRENTE. Rosebud, Dublin (EIRE) – Year 8. Breaking News

Il cammino dei perplessi (9) – Dopo i complimenti renzisti, il centro destra festeggia la vittoria: arresti, calci e pugni ai giornalisti. E una domanda a Salvini.

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti (Jacques Séguéla)

arrestocalci“Meglio secondi con i voti degli onesti che primi con i voti della mafia” ha detto domenica scorsa Luigi Di Maio a conclusione della campagna M5S in Sicilia. Dire che il tempo è stato galantuomo nei confronti dei pentastellati è usare un eufemismo: tempo tre giorni e i “vincitori” sono costretti a continuare il “party” nelle patrie galere. A dire il vero però la vergogna più grande in questa particolare situazione non è della mafia ma della Sicilia che non è andata a votare e di tutti gli altri che, dal Nord al Sud della penisola, con le loro farneticazioni, le loro scritture vergognose, sovente pubblicate su giornali-di-grido, la mafia l’hanno sponsorizzata. Queste persone oggi non dovrebbero provare solo un senso di profonda vergogna, ma dovrebbero anche guardarsi le mani insozzate di sangue, proprio come le descriverebbe Lady Macbeth, e riflettere.

La domanda a Salvini è invece logica e consequenziale: ma non si vergogna?

Sic!

Rina Brundu

Advertisements

Chiudiamo Wikipedia. Non si lucra scaltramente sull’impegno di intelletto!