Advertisements
Rosebud, Dublin, Ireland – Year 7º. Breaking News

Su una vergognosa e disgustosa puntata di “Otto e mezzo”. Sulla caduta libera di La7

AFORISMI MEMORABILI – QUOTES TO REMEMBER


Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti.
(Jacques Séguéla)

—————————-

No, niente appello! Qui non si tratta di riformare una sentenza, ma un costume. (…) Accetto la condanna come accetterei un pugno in faccia: non mi interessa dimostrare che mi è stata data ingiustamente.

Giovannino Guareschi (lo disse dopo la sentenza di condanna ricevuta per l’accusa di diffamazione mossagli da Alcide De Gasperi)

—————————-

Diario dai giorni del golpe bianco (paperback) di Rina Brundu .

Per l’E-Book clicca qui.

PERLE DI ROSEBUD – LISTA AGGIORNATA DEI DERETANI INAMOVIBILI

Resistere, resistere, amico mio, con un popolo di pecore la vittoria del lupo non potrà che essere questione di tempo.

(Clicca qui per conoscere tutti i deretani di cui sopra)

PERLE POLITICHE – SENILITÀ, OKAY, MA SE DOVESSI DIVENTARE RENZISTA…

…portarmi dal veterinario e sopprimermi subito, please!

(Clicca qui per leggere tutto)

Rina Brundu

photoSi legge che La7 sia in caduta libera di ascolti. In realtà, dopo le ultime epurazioni mediatiche di Cairo (vedi i casi Crozza e Paragone), e “l’arricchimento” dei programmi di approfondimento politico con il Meli-pensiero e altri profondi cogitatori di simile natura, non si fa grande fatica a capire perché il “mood” dei telespettatori sia cambiato dai tempi d’oro pre-referendum per la riforma costituzionale.

Vero è pero che chi coltivasse ancora dubbi sullo stato delle cose dovrebbe rivedersi la puntata di stasera di “Otto e mezzo”, il programma giornalistico condotto da Lilli Gruber. Confesso che a un certo punto mi sono vergognata per lei, e a nulla è bastato neppure il solito Travaglio che ce l’ha messa tutta per riportare un qualche senso nel programma. Tra le tante perle segnalo alcuni pistolotti di Alessandro Sallusti che in ordine è riuscito a 1) fare una predica ai sindaci M5S istigato dall’ispirata domanda della Gruber: “Cosa rimproveri alla sindaca Appendino (i.e. rea di avere licenziato il suo braccio destro colto a chiedere che si togliesse una multa a un suo amico); 2) dare del grillino al magistrato Di Matteo; 3) fare una difesa ad oltranza del dell’Utri in galera, definito un “galantuomo”.

Interrogato sul tema, il colà presente Aldo Cazzullo (un raro valido giornalista italico da cui ci si aspetterebbe molto di più), è riuscito a dire solamente che i grillini non lo convincono e ad assicurare che i suoi figli non voteranno M5S, ma poi, alla maniera di un soprammobile e di una bella statuina, non si è scandalizzato altrettanto quando si parlava di destra, di mafia e di stragi mafiose.

Insomma… venti minuti di accuse ai grillini senza motivo, senza una ragione, mentre si è relegato l’argomento mafia e stragi alla fine: una vergogna! Disgustoso!

Rina Brundu

Advertisements

info@ipaziabooks.com

%d bloggers like this: