Advertisements
Rosebud, Dublin, Ireland – Year 7º. Breaking News

Il peccato originale. Qualcosa non quadra…

AFORISMI MEMORABILI – QUOTES TO REMEMBER


Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti.
(Jacques Séguéla)

—————————-

No, niente appello! Qui non si tratta di riformare una sentenza, ma un costume. (…) Accetto la condanna come accetterei un pugno in faccia: non mi interessa dimostrare che mi è stata data ingiustamente.

Giovannino Guareschi (lo disse dopo la sentenza di condanna ricevuta per l’accusa di diffamazione mossagli da Alcide De Gasperi)

—————————-

Diario dai giorni del golpe bianco (paperback) di Rina Brundu .

Per l’E-Book clicca qui.

PERLE DI ROSEBUD – LISTA AGGIORNATA DEI DERETANI INAMOVIBILI

Resistere, resistere, amico mio, con un popolo di pecore la vittoria del lupo non potrà che essere questione di tempo.

(Clicca qui per conoscere tutti i deretani di cui sopra)

PERLE POLITICHE – SENILITÀ, OKAY, MA SE DOVESSI DIVENTARE RENZISTA…

…portarmi dal veterinario e sopprimermi subito, please!

(Clicca qui per leggere tutto)

creation-47473_960_720.pngSul blog “Come Gesù” del prete e scrittore Mauro Leonardi, si possono leggere concetti come i seguenti:

 «Si nasce col peccato originale. E il dogma della Chiesa dice che il peccato originale ferisce l’uomo in naturalibus, nelle sue dimensioni naturali… Il peccato originale impedisce alla lunga anche di accorgersi che l’aborto è peccato, perché il peccato originale ferisce gli uomini nell’intelligenza naturale: per il peccato originale è offuscata l’intelligenza in quanto tale, non solo è indebolita la volontà. Per cui, anche ciò che è naturale, anche ciò che è creaturale, anche ciò che è contro il cuore, contro il gesto creaturale, l’uomo è annebbiato nel riconoscerlo. Non è che non lo può riconoscere, ma è annebbiato dentro. Non si capisce la realtà, non si capisce il mondo, se non si parte da qui».

E poi, per dimostrare l’immensa bontà e misericordia divina:

«Papa Francesco ha detto: “Dio non nasconde il peccato, ma lo distrugge e lo cancella; ma lo cancella proprio dalla radice. Dio cancella il nostro peccato proprio dalla radice, tutto! Perciò il penitente ridiventa puro, ogni macchia è eliminata ed egli ora è più bianco della neve incontaminata”».

Niente di male. Ognuno è libero di esprimere il proprio pensiero. Ma il fatto è che alcuni sul blog applaudono, altri tacciono, il che di norma significa che acconsentono, e nessuno ha niente da ridire. Eppure a me pare che qualcosa non quadri.

Se la libertà dell’uomo con tutti i limiti che conosciamo è anche fortemente condizionata dal peccato originale al punto da offuscare l’intelligenza, da impedire alla lunga di accorgersi che, non so, l’omicidio è peccato, la colpa, se esiste, è ridottissima, quasi inconsistente. Ne consegue che tante lodi al Signore per la sua infinita misericordia non sono giustificate. Non occorre una misericordia infinita per concedere il perdono a chi ha una colpa lieve, quasi inconsistente, giacché quasi privo della libertà.

Ma siamo proprio certi che esistano le conseguenze di un peccato originale? Nel vangelo di Giovanni si legge: «Ecco l’agnello di Dio che toglie il peccato dal mondo» (Gv 1,29). Lo ha tolto o non lo ha tolto il peccato dal mondo? E in Isaia 53,12: «Il giusto mio servo giustificherà le moltitudini addossandosi egli le loro iniquità».  Se ne deduce che tutti i bambini del mondo nascono “più bianchi della neve incontaminata”. Oppure no? Oppure l’immensa misericordia divina non poteva giungere fino a questo punto? Non poteva cancellare il peccato originale “proprio alla radice”? Non poteva? E l’Immacolata Concezione? Madonna sì, bambini no? Qualcosa non quadra.

Il teologo Vito Mancuso scrive: “Sarebbe opportuno liberarsi dalla visione distorta del peccato originale, e smettere di considerare l’uomo, per il semplice fatto di essere nato, un peccatore. Il peccato originale è un’offesa alla creazione, un insulto alla vita, uno sfregio all’innocenza e alla bontà della natura, alla sua origine divina” (L’anima e il suo destino, pag. 167). Come non dargli ragione?

Renato Pierri

Advertisements

info@ipaziabooks.com

5 Comments on Il peccato originale. Qualcosa non quadra…

  1. carissima Rina, sei unica! Buona domenica con tanti baci!

    Like

  2. Un caro abbraccio anche a te in Australia, carissima.
    ps mandaci anche qualcuno dei tuoi scrittori se vuoi… la componente in lingua inglese crescerà sempre di più, gioco forza. Baci, rina

    Like

  3. Comincio a credere che le religioni ci abbiano infarcito di una sacco di cose attribuite a Dio, per chi crede, agli uomini, per chi non crede, tutte da rivedere, correggere con la matita rossa o blu.
    L’uomo è imperfetto, e lo sappiamo bene. Lo sanno i filosofi, dal loro punto di vista morale e del pensiero. Lo sanno i medici, perché il nostro corpo è soggetto a malattie. Ma la morale non deve per forza venire da una religione. E la peggior cosa, è sostenere che nasciamo col peccato originale. Diciamo piuttosto, e sarebbe vero e giusto, che nasciamo fragili, e solo con l’autocontrollo della nostra parte animalesca, riusciamo a mettere in evidenza il meglio di noi, utilizzando la mente, per governare ogni istinto carnale (omicidio, odio per primi…ma aggiungete quel che di peggio alberga nell’umanità). Siamo fragili, corruttibili, ma di chi la colpa? Di quei fantomatici progenitori che hanno disobbedito alla volontà divina? Io non c’ero, quando Dio ha creato il Paradiso Terrestre, e non penso che l’abbia mai fatto. Sappiamo che l’uomo è il risultato di una costante evoluzione. Abbiamo ancora molto su cui lavorare, per diventare “simili a Dio”, se vogliamo seguire le indicazioni delle Sacre Scritture. Dio non può averci creato perfetti, per poi distruggerci perché è palese che se fossimo stati perfetti fin dalle origini, non ci sarebbe stato un Adamo e una Eva disobbedienti alla Creazione. Non so se sono stata in tema, e neppure se molto chiara. Ma sono, da credente, persuasa che certe affermazioni siano solo umane e non divine. L’uomo è un “peccatore” per natura, che il suo peccato sia originale, o costante nel tempo. Per peccato intendo imperfezione. Altrimenti non si potrebbe chiamare uomo, ma direttamente Dio.
    Danila

    Like

  4. Ciao Danila… sul tema lascio rispondere l’autore del pezzo… per il resto… ricevuto. ciao rb

    Like

  5. Ok, grazie! A presto
    Danila

    Like

Comments are closed.

%d bloggers like this: