Advertisements
Rosebud, Dublin, Ireland – Year 7º. Breaking News

La sofferenza può assumere un senso, ma non possiamo darglielo se non ce l’ha

AFORISMI MEMORABILI – QUOTES TO REMEMBER


Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti.
(Jacques Séguéla)

—————————-

No, niente appello! Qui non si tratta di riformare una sentenza, ma un costume. (…) Accetto la condanna come accetterei un pugno in faccia: non mi interessa dimostrare che mi è stata data ingiustamente.

Giovannino Guareschi (lo disse dopo la sentenza di condanna ricevuta per l’accusa di diffamazione mossagli da Alcide De Gasperi)

—————————-

Diario dai giorni del golpe bianco (paperback) di Rina Brundu .

Per l’E-Book clicca qui.

PERLE DI ROSEBUD – LISTA AGGIORNATA DEI DERETANI INAMOVIBILI

Resistere, resistere, amico mio, con un popolo di pecore la vittoria del lupo non potrà che essere questione di tempo.

(Clicca qui per conoscere tutti i deretani di cui sopra)

PERLE POLITICHE – SENILITÀ, OKAY, MA SE DOVESSI DIVENTARE RENZISTA…

…portarmi dal veterinario e sopprimermi subito, please!

(Clicca qui per leggere tutto)

good-friday-2153822_960_720

Trascrivo, dal blog “Come Gesù” del prete e scrittore Mauro Leonardi, alcune righe di un articolo di Davide Vairani.

«Il male e il dolore esistono. Possiamo cercare di limitarli, di lottare contro, di pretendere di sconfiggerli con medicine e cure sempre più all’avanguardia. Ma per quanto l’uomo si affanni, rimane un dato evidente: non possiamo eliminare sofferenza e dolore. Ci sono. Con la scienza e la tecnica possiamo lenirne un po’ gli effetti su di noi. E guai se non lo facessimo!”. Niente da dire fin qui, tranne che, per fortuna, la scienza ha fatto enormi progressi nelle terapie contro il dolore. Ma ecco le prime parole che sconcertano un po’: “Proprio là dove nel tentativo di evitare ogni sofferenza, si cerca di sottrarsi a tutto ciò che potrebbe significare patimento, proprio là dove si tenta di risparmiarsi la fatica e il dolore delegando il tutto alla medicina e all’estrema scelta di interrompere la vita perché “insopportabile”, si scivola in una esistenza vuota di senso”. E chi ha stabilito che evitare il dolore sempre che sia possibile (i miracoli di Gesù sull’uomo eliminavano il dolore), ed abbreviare l’esistenza qualora questa diventi insopportabile e senza speranza di guarigione, significhi scivolare in una esistenza vuota di senso? Le prove della giustezza di questa affermazione?

Ed ecco le parole che sconcertano tanto, invece,  giacché prive di senso a mio parere: «E’ più ragionevole scansare la sofferenza, fuggire davanti al dolore, cercare di possederlo invano oppure è più ragionevole accettare la tribolazione e in essa trovare senso mediante l’unione con Cristo, che ha sofferto con infinito amore in croce?». Che cosa significa “trovare senso nella sofferenza mediante l’unione con Cristo”? A me sembra un bel nulla. Il senso non si trova, il senso c’è o non c’è. La sofferenza in sé non ha un senso, può assumere un senso, ma non possiamo darglielo se non ce l’ha. Cristo ha dato un senso preciso alla sua sofferenza, ma non ha assolutamente fatto capire che la sua sofferenza sulla croce avrebbe dato un senso alla sofferenza di un bambino.

Per maggiore chiarezza: il sacerdote polacco Massimiliano Maria Kolbe, proclamato santo da Giovanni Paolo II, si offrì di prendere il posto di un padre di famiglia, destinato al bunker della fame nel campo di concentramento di Auschwitz. Ecco, col suo gesto, col suo sacrificio, diede un senso alla sua sofferenza. Affermare che la sofferenza di un bambino ha un senso per il semplice motivo che anche Cristo ha sofferto, è un ragionamento privo di ogni logica. Affermare che la sofferenza di un bambino ha un senso perché Dio ci ama immensamente, pure è privo di ogni logica. Che vuol dire? Viene un cancro doloroso ad un efferato delinquente, che strilla e bestemmia come un ossesso. La sofferenza del delinquente ha un senso perché lo avvicina a Cristo? Perché Dio lo ama? Ma che significa?

 Renato Pierri

Nota redazionale – Come è noto e come ho indicato all’autore Rosebud non si occupa di questi argomenti, onestamente io ho difficoltà anche a capire quale sia la questione in discussione, ma questo non vuol dire nulla e comunque odio la censura. Per questi motivi lascio i commenti aperti così che chi viene chiamato in causa, il signor Leonardi o altri, volendo possa rispondere. Cordialità. RB

 

Advertisements

info@ipaziabooks.com

3 Comments on La sofferenza può assumere un senso, ma non possiamo darglielo se non ce l’ha

  1. renato pierri // 29 September 2017 at 13:55 //

    Gentile scrittrice, questa lettera di qualche mese fa, potrà chiarire quale sia la questione. La ringrazio per la pubblicazione, ma non l’avrei considerata censura se avesse cestinato, visto che Rosebud non si occupa di queste tematiche.

    Il Manifesto 1 marzo 2017

    Signore, pietà (titolo dato da Il Manifesto)

    «Quando si comincerà a parlare seriamente di eutanasia nel nostro Paese?». Con questa domanda concludevo una lettera pubblicata in parte su La Repubblica del 28 gennaio, da Corrado Augias. La scrissi a proposito della richiesta di morire da parte del giovane Fabo al presidente della Repubblica. E adesso che Fabo è stato costretto ad andare in un altro Stato per ottenere il diritto di morire, vale a dire di non soffrire, ripeto la domanda: Quando si comincerà a parlare seriamente di una legge sull’eutanasia? Se ne comincerà a parlare seriamente quando svanirà nel nostro Paese la mentalità ancora troppo presente, espressa dalle righe seguenti che rileggevo proprio in questi giorni, neppure a farlo apposta, nel romanzo “I Buddenbrook”: “«Dottori, per pietà! Qualcosa per dormire… ! ». Ma i medici conoscevano il loro dovere. Era necessario in ogni caso conservare il più a lungo possibile questa vita ai parenti, mentre un sonnifero avrebbe immediatamente provocato una resa dello spirito, senza resistenza. I medici non sono al mondo per procurare la morte, ma per conservare a qualunque costo la vita […]. Alle cinque l’agonia non poteva essere più terribile”. Se ne comincerà a parlare seriamente quando la Chiesa smetterà di dipingere un Padre celeste indifferente, somigliante a quei medici.

    Renato Pierri

    Like

  2. ok va bene… ma le garantisco che il suo scritto era chiaro comunque la mia “non-comprensione” deriva da altre ragioni… da un diverso modo di approccio alla questione… che per esempio considera la sofferenza strumentale e non ha nulla a che vedere con dei e chiese, con preghiere e robe varie… ma appunto non amo la censura. Saluti.

    Like

  3. renato pierri // 29 September 2017 at 17:55 //

    Sono d’accordo con lei. Mi dà fastidio che s’inganni il prossimo.

    Like

Comments are closed.

%d bloggers like this: