Advertisements
Rosebud, Dublin, Ireland – Year 7º. Breaking News

Buscopan – La settimana in pillole (2): 29 maggio – 3 giugno 2017.

Dalla rottamazione di Alfano al sostituto procuratore di Palermo Nino Di Matteo, über alles! E… Festa della Repubblica sulla RAI.

AFORISMI MEMORABILI – QUOTES TO REMEMBER

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti.
(Jacques Séguéla)

I NOSTRI AFORISMI – OUR QUOTES

Avevo solo dieci anni quando, con mio padre Antonio, senatore del MSI, sbirciai per la prima volta su Rosebud… (Ignazio La Russa. aka rb)

Rina Brundu

La rottamazione di Alfano: apologia dei voltagabbana – Ci sono situazioni mediatiche (lasciamo stare la politica che è meglio) che a volte ti toccano, altre di cui non te ne frega niente, altre ancora le avevi previste ma ti sfiorano come un uragano primaverile sul lontano sistema Trappist recentemente reso famoso dalla Nasa. Il “caso” rottamazione renzista di Angelino Alfino rientra proprio in quest’ultima categoria: del resto, dopo avere condannato a pena doppia il babbo, davanti a sua ipotetica colpevolezza, cosa vuoi che sia per Matteo Renzi rottamare un Alfano? Uno che – almeno a sentire le dichiarazioni di Renzi sui giornali, è stato ministro di tutto ma non raggiunge il 5%? Giusto, giustissimo, fermo restando che siamo in presenza di un’apologia del voltagabbanesimo che fa impressione. Per certi versi è come se l’inciucio-interessato avesse raggiunto con il ducetto di Rignano un nuovo “realm”: che sia il modus di fare politica tra i pianetini del sistema Trappist di cui sopra? Tutto può essere. In realtà l’unica domanda che resta è: ma con che coraggio questo signorotto fiorentino si ripresenta per guidare il Paese? Ah, saperlo!

Gianfranco Fini – Fini è senz’altro la mia delusione politica più grande: come pensarla diversamente dopo gli intrallazzi di cui si è letto sui giornali nei giorni scorsi? Da tutto si impara però e sovente si impara ciò che si sarebbe dovuto già sapere, ovvero che un bel faccino pulito, un eloquio forbito, un’attitudine calma, sono l’anticamera delle prese di culo più sostanziali. Di mio ho sempre preferito il modo inverso di fare: nell’immediato non ti porta grande fortuna, ma io ci credo ancora. Credo che l’onesto per sua natura difficilmente possa restare calmo, difficilmente possa giostrarsi amabilmente nel teatrino del quotidiano o sociale, poi però c’è sempre qualcuno o qualcosa che farà le sue vendette future, sempre. No matter what!

Travaglio e il politologo Roberto D’Alimonte, padre dell’Italicum – La puntata di Otto e mezzo che ha registrato questo “epico scontro” bisognava vederla, anche perché la Gruber di raro osa contraddire Travaglio! Orbene, che il politologo D’Alimonte sia il padre dell’Italicum non costituisce per sua natura un peccato: seguendo questo tipo di logica, infatti, tutti i genitori sarebbero in qualche modo responsabili per i loro figli scemi, ma io non credo che questo sia il caso. Ciò che colpiva di più era l’impreparazione di questo signore, l’incapacità dialettica, la scarsa attitudine a cogitare logico e pronto. Detto in breve Travaglio ne ha fatto frattaglie e dubito che D’Alimonte oserà farsi vedere di nuovo… o per dirla con i produttori di Hollywood, non dovrebbe esserci un “Italicum 2: la vendetta”, then again… never say never again diceva James Bond è anche colui la sapeva lunga su questi argomenti.

Sulla crociata di Gruber contro i grillini – Ormai guardo il suo programma solo per vedere dove riuscirà ad arrivare. Come non bastasse da tempo nello studio si respira così tanta suspence orgiastica elettorale che “Otto e mezzo” pare il “Games of Throne” denoartri, appunto!

Rosebud e Io – Siamo cresciuti insieme. Imparando l’uno dall’altra. Se sono rose fioriranno, nel giusto tempo, che non deve essere necessariamente quello della primavera, anzi.

Ipazia, la sindrome del bruco e della fine del mondo – Ipazia, invece, mi ha insegnato che tutto è questione di prospettiva, soprattutto mi ha insegnato a farmi contagiare in maniera felice dalla Sindrome appena citata. Di fatto vivo ogni trasformazione attendendo il primo sbattere d’ali della farfalla, la “fine del mondo” ipotizzata dai bruchi non mi interessa più!

Über Alles – Il sostituto procuratore di Palermo Nino Di Matteo – sotto scorta dal 1993. Questo signore e servitore dello Stato si è detto disponibile a far parte di un futuro esecutivo pentastellato: chapeau! I veri servitori dello Stato si comportano in questo modo: non indossano casacche ma si mettono a disposizione con la loro esperienza quando serve; in questo momento, per esempio, serve moltissimo se si vuole azionare su piano pratico l’idealità etica astratta. L’idealità connotata positivamente s’intende, del radicalchichismo sinistrico e del commitment-sartriano-tanto per fare “cool” invece ne abbiamo piene le balle: bravo Nino Di Matteo, così si fa!

Cardiff e la finale della Champions – Vivere vent’anni di Irlanda mi ha allontanato dal calcio che, al tempo della mia vita in Italia, seguivo come fosse una religione: sciocchezze! Viaggiare, conoscere altre culture significa soprattutto imparare a relativizzare tutto, a capire che ciò che in alcuni luoghi si chiama Acqua Santa in altri è solo H2o. Ma la finale di domani della Juventus la guarderò, del resto… il Sangue non è Acqua.

Festa della Repubblica sulla RAI – Commovente la toccata-e-fuga delle telecamere di Rai 1 sul bel volto giovane del sindaco di Roma Virginia Raggi! L’inquadratura sarà durata un mezzo secondo prima di schizzare via… non sia mai che un qualche ipotetico futuro-elettore avesse potuto riconoscerla! Subito dopo vai con i soliti primi piani dei morti viventi che ci governano; evvai pure con i soliti errori, l’italiano maccheronico e vernacolare della speaker (che verbo è il verbo spengere? Sic!), la sua palese maleducazione quando ha definito “piccoli uomini” i soldati della Brigata Sassari. Se fosse stato spirito di altra levatura avrebbe saputo che quei “piccoli uomini” sono nipoti degli unici soldati italiani che si sono guadagnati il plauso e il rispetto degli inglesi e degli austriaci, e che non a caso venivano chiamati “Dimonius”, diavoli rossi. Di sicuro c’è solo che prima di parlare dei soldati della Brigata Sassari gli speaker trendy di mamma Rai dovrebbero almeno sciacquarsi la bocca, e portare il rispetto dovuto perché altrimenti tra loro è i pezzenti sarà difficile, molto difficile notare la differenza!

Bank Holiday di Giugno – Inizia oggi qui nell’Isola Smeralda, a risentirci martedi prossimo… or thereabouts.

buscopan_supposteThat’s all folks! BUSCOPAN… appunto!

 

NB Clicca sulla featured image del post per scaricare il primo numero di

PERLE DI IPAZIA – Periodico di informazioni e anticipazioni editoriali e letterarie!

Advertisements

Lo disse… Nietzsche

Bisogna avere in sé il caos per partorire una stella che danzi. -- (---) -- Il mio tempo non è ancora venuto; alcuni nascono postumi.

Lo disse… OSHO

Non voglio seguaci, persone ubbidienti. Voglio amici intelligenti, compagni di viaggio.

Lo disse… NEWTON

Platone è il mio amico, Aristotele è il mio amico, ma il mio migliore amico è la verità.

Lo disse… Diogene il Cinico

(ad Alessandro che gli chiedeva cosa potesse fare per lui) “Sì, stai un po’ fuori dal mio sole”

Lo disse… Joseph Pulitzer

Presentalo brevemente così che possano leggerlo, chiaramente così che possano apprezzarlo, in maniera pittoresca che lo ricordino e soprattutto accuratamente, così che possano essere guidati dalla sua luce.

info@ipaziabooks.com

Leave a Reply.... Lascia un commento...

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: